18°

28°

Parma

Tra risate e sfottò il vernacolo si tramanda a teatro

Tra risate e sfottò il vernacolo si tramanda a teatro
Ricevi gratis le news
2

 Lorenzo Sartorio

Un tempo il dialetto  si parlava  nei borghi ma,   oltre a parlarlo, lo si recitava  con attori improvvisati che  nelle piazzette, nelle corti, nei borghi stessi,  durante le  afose serate estive,   interpretavano  macchiette e personaggi  per la gioia e il divertimento  della gente che, a quei tempi,  non aveva  altre distrazioni. E allora il successo era assicurato.   Anche la nostra città  ha avuto  una grande  tradizione    per quanto concerne  il teatro dialettale. E’ sufficiente  fare alcuni nomi: Alberto Montacchini, Emilia Magnanini, i fratelli Clerici, Dante Pramori, Icilio Pelizza  (in arte  «Cilién»),  Bruno Lanfranchi, Ettorina Cacciani,  Piero Ardielli, Guido Vallocchio, Ilario Toniolo, Egidia  Colla,  il tuttofare  Sandro Bottura.  A questi  mostri  sacri del teatro  parmigiano  sono  seguiti altri attori e altri  registi  che,  nel tempo,  hanno  creato compagnie  affermate  che,  affrontando  non poche difficoltà, sono riusciti  ad imporsi  grazie  alla  loro   «vis artistica»  e  alla passione  per il  dialetto.   A questo  proposito,  non si può non citare  uno dei primi  attori che raccolse  il testimone  dai «guru» del teatro  vernacolo parmigiano, Franco Ferrari, regista e attore della compagnia teatrale l’«Emiliamagnanini»,  che  per tanti anni tenne banco sia nei teatri  cittadini che in quelli di tutta la  regione registrando  grandi  successi.  Di seguito un breve «viaggio»  dietro le quinte delle compagnie  dialettali ancora in attività  sia a Parma che in provincia, guidati dall'esperto di dialetto, nonché attore e regista dialettale, Enrico Maletti. 
La «Nuova Corrente»
Il debutto al Regio con Aldo Pesce
Iniziamo il nostro tour  con la «Nuova Corrente» nata  a Parma agli inizi degli anni Settanta dalle «ceneri» della compagnia «I Nuovi»  fondata nel 1966. I suoi attori, al tempo,  non superavano i 30 anni  e  esordì  al Regio nel 1971  con la commedia «Estrat ad confuzjón» per la regia  di Aldo Pesce.  E' una delle compagnie più importanti e significative del panorama cittadino. Grazie al suo «deus ex machina», partecipa da oltre 30 anni, senza mancare un solo appuntamento, al Festival del dialetto parmigiano a Varano Marchesi. Gli spettacoli della «Nuova Corrente» vanno in giro per la provincia di Parma ma anche fuori dai confini: da Modena a Piacenza. Resta negli annali della compagnia anche una performance in Sicilia. Tra le «pièces» di punta «Pelagràma», adattamento dialettale  dell'«Avaro» di Molière. 
 I «Pramzàn  arióz»
Il successo con «al prét di capanón
I «Pramzàn arióz»,   diretti da  Daniele Pecorari, è  un gruppo di attori molto affiatato  che da poco ha portato in scena  un lavoro di successo «Don  Erminio  Lambertini  al prét di capanón». 
«La Risata»
Da un'idea dei fratelli Clerici
La compagnia «La Risata»,  nasce dalla volontà dei soci del «Club della  Risata», fondato negli anni Trenta   da Italo e Giulio Clerici, pionieri del teatro dialettale. Negli anni Cinquanta-Sessanta prende la guida del gruppo Luigi Casalini che passa il testimone a Franco Ferrari dall'inizio degli anni Ottanta. Oggi è  diretta da Roberto  Veneri. 
«Famija Pramzàna»
Una fucina di attori
La compagnia  dialettale della «Famija Pramzàna»  è stata fondata negli anni Cinquanta. E’sempre stata  fucina di bravi attori dialettali: Ubaldo Grassi,  Giovanni e  Nando Giampietri,  Bruno Lanfranchi, Ettorina Cacciani,  Anna Maria  Dall’Argine, attuale presidente  del sodalizio  di viale Vittoria,  Luigi  Frigeri e  Andrea Bellanova. Attualmente  la  compagnia  è  diretta  da Franco Greci e, negli anni,  ha sfornato  mitiche figure di «Dsèvvod»: Ilario Toniolo, Romano Arpiani, Ubaldo Grassi,  Francesco Sciacco e l’attuale  Maurizio Trapelli.  
«La Duchèssa»
Pietro Vitali: un fiore all'occhiello
La compagnia  «La Duchèssa»  è costituita  da un bel gruppo di appassionati  che vanta un   bravo  attore  come  Pietro Vitali che ha fatto parte per qualche tempo della  compagnia  della «Famija».  Nasce dopo lo scioglimento della compagnia «Bruno Lanfranchi» all'inizio del 2000. La direzione è di Ettorina Cacciani moglie dell'attore dialettale Lanfranchi morto nel 1995. Dopo alcuni anni la direzione passa a  Pietro Vitali e il gruppo cambia nome.  Il regista è Giovanni Catalano, insegnante del Toschi in pensione che dalla Sicilia si è trasferito a Parma per lavoro. Tra le commedie di maggiore successo: «Natale in casa Cupiello» e «Non ti pago», trasposizione dialettale delle ben note commedie firmate da  di Eduardo De Filippo. La compagnia sta lavorando alla  «traduzione» de «Il malato immaginario» di Molère.
 
«Stasìra parlèmma  in djalètt»
Il dialetto nei quartieri
Il gruppo  «Stasìra parlèmma  in djalètt» è  composto  da una nutrita  pattuglia  di attori provenienti   da varie realtà ed esperienze.  
Nelle  estati del 2009 e del 2010 il gruppo è stato protagonista   di riuscitissime  serate   itineranti  che hanno  toccato   i vari quartieri cittadini. Tra  i protagonisti   di questa  goliardica compagnia: l’eclettico  Giorgio Capelli, Enrico  Maletti, Anna Maria Dall’Argine, Mariangela Bazoni, Giuseppe Mezzadri, Maurizio Landi, Ermes Ghirardi, Claudio Cavazzini e Luigi Frigeri,   che hanno onorato, nel migliore dei modi,  due stagioni con il  sostegno dell’assessorato alla cultura del Comune  nella persona  dell’assessore  Luca  Sommi, che si è cimentato   declamando   alcune poesie  dialettali.  
«Teatro di Quartiere»
Sotto la guida di Ivo Campanini
Ivo Campanini è stato  l’anima  e il regista della compagnia  «Teatro di Quartiere». 
Oggi il gruppo non è più attivo. Negli anni Novanta visse il suo periodo di maggiore fulgore e  contribuì ad animare il teatro dialettale con passione e determinazione.
«Al Torión»
Sulle orme di Giampietri
La  compagnia   «al Torión» di Baganzola   è  diretta da  Paolo Giampietri, figlio  d’arte (il padre era il mitico  Giovanni   scomparso  all’età di 100 anni nel 2007).
«Dialettale  Sissese»
Tra dialetto e canti popolari
In questa carrellata  non poteva  certo mancare  la «Dialettale  Sissese», diretta dal «maestro»  Mauro Adorni, oltre che regista e primo comico, autore delle commedie messe in scena. Tra le più note e spassose «L'american in tal granèr»  e «La ca di madgón». Il gruppo è nato  negli anni Sessanta  e  figura  tra le compagnie  teatrali  più  attive  del territorio  grazie  alle   sue  esilaranti esibizioni. Sempre grazie al genio di Adorni, la compagnia si avvale, a volte, del supporto di un gruppo musicale alquanto particolare: la  «Minestron  Band»,   gruppo di 6 elementi che  si esibiscono  indossando    tabarro  e  capellaccio  di feltro,  come usavano i nostri  vecchi,  e che eseguono canzoni popolari della tradizione.  
L'orchestra «Millelitri»
Musica a tempo di «bianchino»
E, sempre parlando di musica  dialettale,   è doveroso  citare l’orchestra «Millelitri»,  diretta  da  quel  monello senza età   di Mario Lafranca, mago dell’armonica  a bocca e «inventore» di strumenti   musicali  realizzati  con  rottami di marmitte.  I componenti  dell’orchestra,  ovviamente,   non sono... astemi.   
«El Ravisi»
Il dialetto a Medesano
Enrico Iori  è  l’instancabile  regista e autore  della compagnia «El Ravisi» di Medesano.
Dai «Cips» a «La Fesja»
La galassia delle compagnie  di provincia
A Panocchia imperano  i «Cips»  fondati dall’indimenticato  Mario Zambelli. E poi , sempre in provincia,   meritano  una citazione  la compagnia   «I Pisoléz e la  zónta», «I Cuator cantón»  di Mezzani diretta  da Tiziano Pezzini,  «La Fesja» di Monchio delle Corti   diretta  da Giacomino Rozzi, custode delle   tradizioni  popolari   dell’alta  Val Cedra,   la compagnia  «Al Tremlón», sorta all’ombra del campanile  della  parrocchia  di San Michele  Tiorre. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marcello

    12 Dicembre @ 21.13

    Salve, vorrei fare un aggiornamento in merito alla compagnia "Il Tremlon" di San Michele Tiorre. La compagnia ha cambiato nome in "Il Sorriso". Marcello Delsante, aiuto-registra della compagnia.

    Rispondi

  • kgb

    27 Febbraio @ 02.27

    dove si possono trovare queste commedie in dialetto qualcuno me lo puo dire grazie

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva.

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"