13°

28°

Parma

Inseguito dai carabinieri si scontra con un'auto: arrestato giovane tunisino, aveva 8,5 chili di droga

Inseguito dai carabinieri si scontra con un'auto: arrestato giovane tunisino, aveva 8,5 chili di droga
Ricevi gratis le news
25

E' finita all'incrocio tra via Mantova e via Ardigò, alla base del cavalcavia sulla ferrovia, la lunga fuga di una Volkswagen Scirocco nera con targa tedesca. E' finita poco prima delle 22, in uno scontro frontale con una Citroën C2 che usciva dalla stretta via cieca che porta agli Orti sociali. Da lì, gli occupanti hanno proseguito la loro corsa a piedi, lungo via Ardigò, tallonati dai carabinieri in borghese del Reparto operativo di via delle Fonderie. Massimo il riserbo sull'operazione. Tanto che ieri sera ancora non era stato rivelato  come fosse andata a finire, cioè se le persone (due, sembra) a bordo della Scirocco siano state acciuffate oppure no.   
Sirene spiegate, sgommate, sorpassi azzardati e controsterzi sull'asfalto bagnato. Per un po' è andata avanti così, con i carabinieri impegnati a tallonare la Scirocco, compatta e potente, per le strade della città. E' sconosciuto anche il motivo per il quale i militari le  stessero dando la   caccia.
Dopo lo scontro, la scena ben poco aveva in comune con la stragrande maggioranza degli incidenti. Anziché automobilisti contrapposti a disputarsi le ragioni della strada o - come vorrebbero le regole della civiltà - intenti a compilare il modulo della constatazione amichevole, in strada c'erano solo la coppia scesa dalla Citroën (nessuno ha riportato lesioni serie) e una pattuglia di carabinieri, alla quale in seguito se n'è aggiunta una dell'Infortunistica della Polizia municipale. Gli occupanti della Scirocco, evidentemente, erano alle prese con ben altri problemi.

L'AGGIORNAMENTO DI OGGI - E' stato arrestato un tunisino 25enne residente a Parma, che ha cercato di fuggire nonostante fosse ferito dopo lo schianto. Nella sua auto c'erano 8 chili e mezzo di hashish. Il giovane è quindi finito in via Burla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • kiara

    01 Marzo @ 10.09

    si bè certo..hanno arrestato il tunisino con gli 8 chili e rotti in macchina....ma chissà chi glieli ha forniti dove è e chi è .....e quanti ancora ne rifornisce....e soprattutto...la catena dello spaccio è ancora lunga...perchè poi il tunisino quegli 8 chili li divide fra i suoi pusher per la vendita.....e la maggior parte sono ragazzini, anche italiani....che rivendono il "fumo".....a ragazzi/e soprattutto ITALIANI...quindi.......se non ci fossero i tunisini il lavoro sporco lo farebbe qualcun altro..perchè la droga esiste e viene consumata ed è un dato di fatto che non scomparirebbe se anche scomparissero tunisini marocchini e quant altro....si deve cambiare il modo di vedere le cose...non può essere considerato normale fumare le canne....non può essere considerato quotidianità tirare di coca.....non può essere giustificato il fatto che un ragazzino che avrà avuto 16 anni al parco mi chieda: "scusa sai dove sono gli spacciatori"....no questo bisogna cambiare

    Rispondi

    • stefano

      01 Marzo @ 12.29

      Per favore, non ti riguarda..

      Rispondi

  • Marco

    01 Marzo @ 00.50

    Chissà quanti cittadini parmigiani "perbene" rimangono senza roba sta sera! Lo spaccio esiste se c'è il consumo, se la "gente di provincia" si guardasse un'attimo intorno sarebbe meglio.

    Rispondi

  • ciccio

    28 Febbraio @ 20.38

    Allora lascio a voi il confronto con chi la pensa (pensa??) così, di certo non vi invidio...

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    28 Febbraio @ 20.14

    Ciccio, i commenti potranno sembrare barbari, ma non credi che il livello di sopportazione e di compatimento siano arrivato oltre al limite? ma che vuoi ? che i bravi cittadini lavorino non solo per dei politici e magistratura inconcludenti, ma anche per i delinquenti e non possano esprimere almeno a parole la loro indignazione?? o dobbiamo scendere in piazza come nel nord africa?

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    28 Febbraio @ 20.11

    Un "buon giornale", soprattutto in una comunità di provincia, a mio avviso deve anche cercare di dare un contributo alla crescita della comunità di cui fa parte. Non vogliamo certo trasformarci in giudici o sacerdoti o insegnanti, ma nel nostro piccolo ci sembra giusto dare dei "segnali", a chi dimentica le regole più elementari dell'educazione e soprattutto del rispetto dell'interlocutore, anche quando la pensa diversamente. Poi, chiaramente, ogni scelta è opinabile, ed è giusto che voi ci mandiate le vostre critiche e le vostre proposte. Ma questa è una piccola battaglia in cui crediamo: e quindi andremo avanti così. (Gabriele Balestrazzi)

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolta anche una squadra di basket di Parma

16 indagati e sequestro per 25 milioni. Come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

IL FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno