21°

Parma

Parma si veste di tricolore: il programma per i 150 anni dell'Unità d'Italia. E "torna" Garibaldi

Parma si veste di tricolore: il programma per i 150 anni dell'Unità d'Italia. E "torna" Garibaldi
Ricevi gratis le news
7

Comunicato stampa                                                                       

Comitato Provinciale per le celebrazioni del centocinquantesimo dell’Unità d’Italia

Il programma delle iniziative
Unità d’Italia, Parma e provincia celebrano solennemente il 150° anniversario


Parma e provincia sono pronte a festeggiare solennemente il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Eventi, spettacoli, aperture straordinarie di musei, iniziative che vedono coinvolte le scuole della città: questi sono solo alcuni degli appuntamenti organizzati dalla Prefettura, dal Comitato provinciale per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, dal Comune e dalla Provincia di Parma. Non mancheranno importanti iniziative in vari Comuni della provincia.
Un programma particolarmente ricco è previsto per mercoledì 16 e giovedì 17 marzo.

SCOPRIMENTO DEL RESTAURATO MONUMENTO A GARIBALDI - 16 MARZO ORE 16.30 – PIAZZA GARIBALDI - Non poteva mancare Garibaldi nella nostra Piazza per il 150esimo dell’Italia. Il monumento all’eroe sarà ripresentato alla città alle 16. 30. La nipote Anita Garibaldi e le autorità cittadine restituiranno alla città con una cerimonia ufficiale il monumento, dopo il restauro, per iniziare, non una notte bianca, ma tricolore, con concerti e approfondimenti sul tema dell’Unità d’Italia. Gli interventi hanno efficacemente recuperato il monumento: si è proceduto  a lavori di pulitura e di protezione, con diverse tecniche, che hanno consentito un ottimo risultato.

“QUEST’ITALIA CHE CI TOCCA RACCONTARE” – Prevista, dopo lo scoprimento, la tappa clou del progetto-sussidiario dell’Istituzione Biblioteche “Quest’Italia che ci tocca raccontare”. Progetto che ha promosso iniziative e appuntamenti per un percorso di riflessione dedicato alle scuole superiori e alla città. Condurrà Masha Foschi che presenterà anche i risultati di un lavoro tra storia, letteratura, cronaca e identità affrontato dai ragazzi del Liceo Scientifico Marconi, del Liceo Classico Romagnosi, e dell’I.T.C. Bodoni. Dal Palco, nel cuore della città, i giovani italiani ripercorreranno alcuni dei 150 anni della storia patria. In apertura Antonio Scurati proporrà un’inedita  “Lettera dall’Italia”. Un’iniziativa che terminerà in musica grazie ai canti patriottici del coro dell’Itc Bodoni diretto dalla professoressa Lucia Consigli, e con la Piazza in festa animata dagli studenti del Liceo d’arte Toschi.

NOTTE TRICOLORE: CONCERTO AL REGIO - Grande l’attesa per il concerto che la Banda Musicale della Marina Militare Italiana diretta dal Maestro Antonio Barbagallo terrà al Teatro Regio di Parma la Notte Tricolore di mercoledì 16 marzo 2011, alle 23.00. Organizzato dal Comitato Provinciale per il centocinquantesimo dell’Unità d’Italia - presieduto dal Prefetto di Parma Luigi Viana, in collaborazione con il Comune di Parma e il Teatro Regio di Parma - il concerto proporrà celebri brani da Verdi e Rossini, la sinfonia di Nabucco, il preludio di Attila, l’allegro finale dalla sinfonia di Guglielmo Tell, oltre a brani di Ponchielli e Novaro. I biglietti-invito del concerto realizzato anche grazie al sostegno di Fondazione Cariparma saranno a disposizione degli appassionati nei giorni 8, 9, 10 marzo presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma, aperta come di consueto dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00. Il concerto sarà diffuso in diretta da Tv Parma. Per informazioni Relazioni esterne Comune di Parma Tel. 0521 218598  relazioniesterne@comune.parma.it (vd. scheda completa allegata).

NOTTE TRICOLORE: MUSEI, PALAZZO DEL GOVERNATORE E BIBLIOTECHE APERTI – Anche la Casa della Musica, la Pinacoteca Stuard, il Castello dei Burattini e il Palazzo del Governatore aderiscono alla serata, offrendo al pubblico importanti opportunità. I musei civici, infatti,  rimarranno aperti, con ingresso gratuito  (orari: Museo del Suono 20-23; Museo dell'Opera 20-23; Casa natale Arturo Toscanini 20-23 ; Pinacoteca Stuard 18,30-23; Castello Burattini 17-23). Apertura fino alle 23 anche della Biblioteca Guanda e Biblioteca Internazionale Alpi.  Da sottolineare inoltre che  anche la mostra di Claudio Parmiggiani “Naufragio con spettatore” avrà un'apertura straordinaria (orario 10-24; visite guidate gratuite; ingresso ridotto: vedi dettaglio programma anche per apertura del 17). Apertura straordinaria anche della Biblioteca Palatina: dalle 20 alle 23 sarà possibile la visita agli spazi della Biblioteca. Alle 21 verrà proposta la lettura di brani, poesie e riflessioni di personaggi parmigiani che vissero i momenti storici che portarono Parma dal Ducato all’annessione al nuovo Regno. Paolo Briganti e Mirella Cenni, di Argante Studio Poesia e Musica, e l’Associazione Culturale Parma Nostra proporranno la lettura di testi in lingua italiana e in dialetto parmigiano. Ingresso libero senza prenotazione. 

CONCERTO DEL CORO DEL TEATRO REGIO ALL’AUDITORIUM PAGANINI – Il 17 marzo, alle 18, all’Auditorium Paganini si terrà un altro appuntamento di notevole rilievo: si esibirà, infatti, il coro del Teatro Regio sotto la direzione del maestro Martino Faggiani. Il concerto è dedicato alle persone insignite di onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. L’esibizione sarà dedicata a Giuseppe Verdi (nell’ambito dell’articolato programma sarà tra l’altro proposto: da I Lombardi alla prima Crociata: “O Signore dal tetto natìo”; da Ernani: “Si ridesti il Leon di Castiglia”; da Nabucco: “Va’, pensiero”) e a Goffredo Mameli (Il canto degli Italiani). Ulteriori informazioni: Relazioni Esterne Comune di Parma   email: relazioniesterne@comune.parma.it Tel. 0521 218572

21 MARZO 2011: COMMEMORAZIONE SOLENNE DELLA PRIMA SEDUTA DEL CONSIGLIO PROVINCIALE - In Provincia il 21 marzo si svolgerà la Commemorazione solenne della prima seduta del Consiglio provinciale di Parma, che si tenne il 21 marzo 1860 e fu presieduta dal conte Girolamo Cantelli, podestà ai tempi del Ducato, fu poi deputato, senatore, ministro dei Lavori Pubblici, degli Interni, della Pubblica istruzione e delle Finanze del Regno. Fu proprio con la nascita dell’Italia unita, infatti, che le Province assunsero il ruolo di istituzioni chiamate a coordinare i Comuni e in grado di provvedere alle necessità generali della popolazione del territorio. Il Consiglio sarà aperto dal Coro delle voci bianche della Corale Giuseppe Verdi diretto dalla Maestra beniamina Carretta.
La Provincia di Parma vuole celebrare questo 150° anniversario con un progetto sulla Reggia di Colorno. Insieme alla Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici di Parma e Piacenza e con il Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura dell’Università di Parma, si intende iniziare un percorso di indagini, progettualità e eventi volto a aprire un nuovo fronte di valorizzazione della Reggia, imperniato sulla conoscenza, verificando anche il possibile recupero dell’ingente patrimonio dei suoi arredi. Se ne parlerà in un convegno nella seconda metà del 2011.


IL SITO - Da sottolineare anche che al programma delle celebrazioni è dedicato un sito appositamente realizzato: www.150parma.it. Uno strumento prezioso per essere aggiornati sugli appuntamenti previsti.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Viola

    08 Marzo @ 18.38

    L'Italiano non si sente tale quando è in Patria, ma quando va all'estero ,sì. Gli prende l'orgoglio di essere tale. Perchè ? Non lo so, ma è così ; forse perchè in fondo come si sta in Italia non si sta da nessuna parte ed alcune prerogative le abbiamo solo noi: Però non mentiamo a noi stessi dicendo che siamo un popolo perchè non lo siamo e forse questa , nel bene e nel male , è la nostra caratteristica. 150 anni di storia sono troppo pochi ; gli altri Stati europei ne hanno almeno 500 alle spalle e non hanno quelle diversità interne che tutto sommato ci contraddistinguono.Ah, dimenticavo: l'Italia è il più bel Paese al mondo: è la verità.

    Rispondi

  • pier luigi

    08 Marzo @ 11.55

    quest'anno non la scampo, con una fava festeggio due volte, la prima (?) l'Unità dell'Italia, rammento anche il centenario a Torino!, la seconda(?) la nascita di mia moglie (1948) ad entrambe i migliori Auguri, per la prima di migliorare, per la seconda di mantenersi com'è sempre stata 'meravigliosa'! (ma non diteglielo)

    Rispondi

  • franco

    08 Marzo @ 11.33

    Pensare , che ci sono state tante persone che sono decedute , PER farla L^ ITALIA , e LEGGERE alcuni commenti , MI fa rimanere di SALE !!!!!! Ad ogni modo , ognuno può , dire o fare ciò che vuole . IO il tricolore alla finesta , lo appendo ; LA Mia patria HA 150 anni ( NON si é Riffatta un Lifting ) , e proprio per questo Le voglio bene ANCORA di più . FALCO.

    Rispondi

  • Paolo Reggiani

    08 Marzo @ 10.46

    Dispiace dovere constatare i commenti relativi a questa iniziativa nella città di Parma di segno negativo. Tutte le opinioni sono da rispettare occorre però riflettere su quel che significano nel contesto generale. Danno una conferma della mancanza di spirito nazionale, del senso di appartenenza, del riconoscersi in valori condivisi. Si tende a fare confronti con gli altri paesi, sia vicini: quelli europei, che più lontani. Le possibilità di recarvisi è oggi facile e c’è così la possibilità di verificare se quei confronti sono corretti. Parlando di identificazione nazionale lo sono tutti e trovano nella propria bandiera, nella partecipazione ai grandi eventi commemorativi e patriottici un consenso generale e soprattutto la presenza convinta di tutti. Basta andare in Francia e vedere il florilegio ovunque del loro amatissimo tricolore simbolo della storia di tutti i francesi. Negli USA, poi, ogni casa espone il vessillo nazionale e non si perde occasione di usare i suoi colori nelle manifestazioni. Non servono altre citazioni. Inutile ricordare che da noi si è indifferenti al nostro simbolo, visto al massimo come un obbligo in certe istituzioni che lo espongono come uno straccio. Ma dietro questa trascuratezza c’è la grande mancanza di senso patrio, quello stesso che ha altrove dato un grande contributo al progresso civile ed economico (ovviamente collegato ad altri fattori, ma questa identità è determinante nelle scelte). Basta chiedersi perché mai i nostri migliori cervelli vanno in altre nazioni a fare cose notevoli. Le cause sono tante, soprattutto la nostra miopia e gli interessi di bassa lega laddove dovrebbe esserci pragmaticità ed apertura mentale, ma in primis perché ci manca quell’orgoglio di appartenere ad uno dei più bei paesi al mondo ed amarlo come la nostra terra e soprattutto difenderlo da chi al suo interno lo sta distruggendo lentamente ma con metodicità dimenticando quel tricolore ma sostituendolo con ben altre bandiere, non nazionali (o forse anche) ma di meschini interessi. Gentile Giuly, accetti il consiglio di Luisito e vada a Londra, ma anche a Parigi se lo preferisce, si goda una città senza la nostra bandiera, ma osservi bene come là intendono il loro simbolo ed anche come quell’unità vera della gente affronta i problemi dei furti, rapine (come ha citato), che ci sono anche là ma con diversa visione del fenomeno e modo di affrontarli. Forse scoprirà che da noi tutto è condizionato dalla nostra divisione interna e dal vivere soltanto nel proprio orticello, salvo ricordarsi ed ammantarsi della bandiera nei campionati di calcio. Un po’ poco.

    Rispondi

  • giuse

    07 Marzo @ 19.17

    Rispondo a Giuly: Se per te è una baggianata , con solo 16€ proprio quel mercoledì puoi partire per Londra dal Verdi e rimanerci fino a che la festa nn è finita. Se però decidi di trasferti definitivamente alla corte della Regina fai un piacere a tutti quelli che nn la pensano come te .

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Dogman di Matteo Garrone è il candidato italiano agli Oscar

Cinema

Dogman di Matteo Garrone è il candidato italiano agli Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

È in corso il Festival del Prosciutto: quanto conosci questa specialità della nostra cucina?

GAZZAFUN

10 quesiti sulla cucina parmigiana: scopri se sai davvero tutto!

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

MONTAGNA

Fungaiolo ferito in zona Prato Spilla

Il Soccorso alpino sta intervenendo

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Auto sbanda, code in Autocisa

CARABINIERI

Operazione antidroga: arrestato tunisino sfuggito all'arresto in giugno

Il 30enne, residente a Parma, è stato fermato al porto di Genova, al suo rientro dalla Tunisia

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

2commenti

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

MOTORI

Il Motor Show diventa Festival e trasloca da Bologna a Modena

MONTE SERRA

Incendio nel Pisano: 700 sfollati, in azione i Canadair. "Scenario apocalittico" Foto

SPORT

CALCIO

Doping: Giuseppe Rossi a processo, chiesto un anno di stop

SPORT

Rugby Colorno, ecco come cambierà la squadra: intervista a Nick Scott Video

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

Economia

Lasciano i co-fondatori di Instagram Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel