16°

28°

Parma

Polveri sottili: 22 città oltre i limiti nei primi due mesi dell'anno. A Parma "solo" 26 superamenti

Polveri sottili: 22 città oltre i limiti nei primi due mesi dell'anno. A Parma "solo" 26 superamenti
Ricevi gratis le news
7

In tante città italiane l'aria è ancora "pesante". A soli due mesi dall’inizio del 2011 sono già 22 i capoluoghi che hanno superato i 35 giorni di sforamento del Pm10 consentito dalla legge. A guidare la classifica delle città più inquinate dalle polveri sottili c’è Milano con 56 giorni di superamenti, seguita da Torino (54) e Brescia che, pur avendo perso il primato rispetto al 2010, ha 51 giorni off-limits.
Nelle prime posizioni troviamo molte città dell’area padana: sono 8 nei primi 10 posti e 18 fra le 22 che già oggi hanno sforato il limite di legge. Parma però non rientra fra le città che hanno già superato i limiti, a quanto si vede dalla tabella di Legambiente che pubblichiamo sotto.
Secondo i dati dell'Arpa sul monitoraggio della qualità dell'aria, la centralina di via Montebello ha registrato 12 superamenti del limite di 50 microgrammi per metro cubo d'aria nel mese di gennaio e 14 nel mese di febbraio (26 in totale). In Cittadella si sono registrati 12 superamenti in gennaio e 9 in febbraio, quindi 21 in totale (allegati a fondo pagina: i bollettini Arpa di gennaio e febbraio).

Anche al centro-sud il quadro dei superamenti dei valori massimi del Pm10 si presenta abbastanza critico con Frosinone che ha già superato di 48 giorni il limite consentito, seguita da Napoli e Pescara che hanno raggiunto i 36. Non sono da meno Lodi con 35 giorni, insieme a Modena, Pavia e Venezia (34) che si apprestano a superare la soglia consentita già nei prossimi giorni. Ma anche altri grandi città come Roma e Firenze, con 29 e 28 giorni di sforamento, stanno per raggiungere il limite consentito.

"E perché su questo fronte non venga abbassata la guardia - dice un comunicato di Legambiente - torna sui binari il Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato, la grande campagna di rilevamento dell’inquinamento atmosferico e acustico nelle città italiane. Il Treno Verde - realizzato quest’anno con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la collaborazione di Anci nell’ambito della campagna Patto dei Sindaci e con il contributo di Telecom Italia - porta a bordo tante informazioni sulla mobilità sostenibile, l’energia rinnovabile, il risparmio energetico, le scelte d’acquisto responsabili e la corretta gestione dei rifiuti".

Tabella
Classifica delle città capoluogo di provincia in base ai superamenti del valore limite medio giornaliero del PM10 (limite di legge: 50 µg/m3 – sono consentiti 35 superamenti l’anno)

Regione

Città (Centralina)

Giorni superamento

Ultimo dato disponibile

Lombardia

Milano (Senato)

56

07/02/2011

Piemonte

Torino (Grassi)

54

28/02/2011

Lombardia

Brescia (Villaggio Sereno)

51

07/03/2011

Lombardia

Monza (V. Machiavelli)

51

07/03/2011

Lazio

Frosinone (Scalo)

48

08/03/2011

Toscana

Lucca (Viale Carducci)

48

08/03/2011

Piemonte

Asti (Baussano)

47

01/03/2011

Lombardia

Mantova (Tridolino)

45

08/03/2011

Veneto

Verona (Borgo Milano)

44

08/03/2011

Piemonte

Alessandria (D'annunzio)

43

03/03/2011

Lombardia

Lecco (Amendola)

41

08/03/2011

Lombardia

Varese (V. Copelli)

40

08/03/2011

Veneto

Vicenza (Quartiere Italia)

40

08/03/2011

Lombardia

Bergamo (Via Meucci)

39

08/03/2011

Piemonte

Biella (Lamarmora)

39

08/03/2011

Veneto

Padova (Mandria)

39

07/03/2011

Veneto

Treviso (via Lancieri)

39

03/03/2011

Lombardia

Cremona (Fatebenefratelli)

37

08/03/2011

Piemonte

Novara (Verdi)

37

28/02/2011

Abruzzo

Pescara (Via Sacco)

36

07/03/2011

Campania

Napoli (Osservatorio Astronomico)

36

07/03/2011

Lombardia

Como (Viale Cattaneo)

36

08/03/2011

PARTE IL TRENO VERDE LEGAMBIENTE - FERROVIE. I dati aggiornati sull’inquinamento atmosferico e l’edizione 2011 del Treno Verde sono stati presentati questa mattina a Roma dal Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Stefania Prestigiacomo, dal direttore nazionale di Legambiente, Rossella Muroni, dall’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti e dal direttore di Domestic Market Operations di Telecom Italia, Marco Patuano.

Al centro della ventiduesima edizione del Treno Verde, la città, con particolare riferimento al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), l’accordo europeo secondo il quale i Comuni si impegnano su base volontaria a realizzare, entro il 2020, piani di azione per rientrare negli obiettivi del 20-20-20 (ridurre del 20% le emissioni di CO2, aumentare al 20% il contributo delle rinnovabili e ridurre del 20% i consumi). Le amministrazioni cittadine, durante le tappe del Treno Verde, saranno dunque chiamate ad accogliere la sfida di lavorare alla sostenibilità ambientale: dall’energia all’efficienza energetica fino al corretto smaltimento dei rifiuti, trovando le giuste sinergie tra interessi pubblici e privati. Il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), che i singoli comuni redigeranno secondo le Linee Guida stilate dalla Commissione Europea, dovrà tener conto delle modalità con le quali, le amministrazioni, intendono ridurre le proprie emissioni di gas serra, includendo interventi nella sfera pubblica e privata.

“Il Patto dei Sindaci è uno strumento concreto per vincere la battaglia contro i cambiamenti climatici partendo proprio dalla riqualificazione delle nostre città in chiave energetica - ha dichiarato Rossella  Muroni, direttore nazionale di Legambiente -. La nostra associazione, già partner dal 2006 della campagna SEE (Sustainable Energy Europe) per lo sviluppo sostenibile coordinata a livello nazionale dal ministero dell’Ambiente, ha aderito con forza all’appello lanciato attraverso il Patto dei Sindaci per puntare i riflettori su quei Comuni che hanno intrapreso azioni significative per ridurre le emissioni di CO2. Nello specifico, sul Treno Verde, saranno realizzate attività di educazione ambientale sulle tematiche del progetto Clima in Comune 2011, sui piani e le buone pratiche in campo energetico attuate dalle Amministrazioni locali. Il convoglio ambientalista  veicolerà e diffonderà il protagonismo degli enti locali rispetto a politiche ambientali che sappiano coinvolgere a tutti i livelli sia le aziende che i cittadini per la riduzione dei gas serra”.

“Lo sviluppo dei trasporti su ferro - ha detto Mauro Moretti, amministratore delegato delle Ferrovie - è l’unica realistica alternativa alla paralisi del trasporto stradale nelle grandi città e alla congestione delle arterie autostradali del Paese. In questo senso le Ferrovie dello Stato, con il sistema ad Alta Velocità tra Torino e Salerno, i nuovi Contratti di Servizio con le Regioni e i due miliardi di investimenti, di cui tre quarti autofinanziati, per l’acquisto di nuovi convogli al servizio dei pendolari, stanno facendo la loro parte. E la fanno anche organizzando da oltre 20 anni la campagna di informazione e sensibilizzazione del Treno Verde. D’altronde - ha proseguito Moretti - l’attenzione all’ambiente si accompagna e sostiene tutte le attività del Gruppo FS. Sia nel massimizzare i vantaggi propri del trasporto ferroviario, sia nel ridurre al minimo il suo già modesto impatto zero, ancora, puntando ad un ottimale risparmio energetico, in ogni attività di impresa”.

IL TRENO VERDE PARTE DA ROMA. Partendo oggi da Roma, il Treno Verde si dirigerà quindi a Siracusa, Reggio Calabria e Bari, risalendo poi la penisola attraverso Salerno, Pisa, Genova, Brescia, Vicenza e Rimini.
Per ogni tappa, il Treno Verde analizzerà la qualità dell’aria e i livelli di rumore attraverso le rilevazioni condotte dal Laboratorio mobile dell’Istituto sperimentale di RFI (Rete Ferroviaria Italiana), la società dell’infrastruttura del Gruppo Ferrovie dello Stato, mentre per il terzo anno consecutivo l’equipaggio del Treno Verde, con l’ausilio di attrezzature scientifiche fornite da Con.tec, effettuerà monitoraggi ulteriori sulla concentrazione delle polveri sottili anche in altre zone. Oltre al PM10, per ogni città visitata, saranno effettuate anche rilevazioni sulle concentrazioni in atmosfera di benzene, biossido di azoto, monossido di carbonio, biossido di zolfo e ozono.
I risultati delle analisi saranno resi noti nel corso della conferenza stampa che si terrà a bordo del treno a conclusione di ciascuna delle 9 tappe e il materiale sarà consultabile sul sito www.legambiente.it

ALUNNI IN STAZIONE. Nelle varie tappe, durante le mattinate, il Treno Verde ospiterà le visite dei ragazzi delle scuole: la missione del percorso informativo a bordo del Treno Verde è quella di far conoscere il legame che esiste tra consumi, sprechi energetici, inquinamento e cambiamenti climatici. Il pomeriggio il Treno, invece, sarà aperto a tutti i visitatori. 

Per il secondo anno consecutivo si potranno conoscere le soluzioni di Telecom Italia in grado di accrescere l’efficienza delle piccole e medie imprese utilizzando tecnologie che contribuiscono a ridurre le emissioni di CO2 e i consumi energetici. Verranno, infatti, illustrati progetti e prodotti concepiti da aziende che si sono distinte nello studio e nella realizzazione di soluzioni tecnologiche che consentono di contenere e monitorare il fabbisogno energetico. I visitatori potranno provare il nuovo eReader TIM per la lettura dei libri digitali, che riducono enormemente l’utilizzo della carta. Inoltre, grazie alle sperimentazioni avviate da Telecom Italia insieme a Indesit sarà possibile, infatti, essere informati sui livelli di consumo e sulla spesa relativa all’energia domestica utilizzata nell’arco della giornata. Una consapevolezza dalla quale sarà possibile ottenere aiuti concreti per l’ambiente e vantaggi per l’economia familiare.

Il Treno Verde in sosta nelle stazioni sarà aperto dalle 8.30 alle 13.30 per le visite guidate delle scuole prenotate e dalle 16 alle 19 per tutti i cittadini. L’ingresso è gratuito.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    11 Marzo @ 11.48

    SIGNOR FRANCESCO , ho molto apprezzato il suo messaggio , serio , competente e non strombettato. Bravissimo ! Su un' unica cosa mi resta un dubbio. Il teleriscaldamento come pensa di farlo funzionare ? Col fotovoltaico si può riscaldare un edificio , ma mantenere una rete di teleriscaldamento mi sembra un pò più complicato. Sono d' accordissimo con lei sull' opportunità di eliminare le caldaie a gas monofamiliari, o, almeno, spostarle all' esterno delle abitazioni , usando, per cucinare , le piastre elettriche. Le case più moderne sono ormai fatte così. Le abitazioni attuali della maggior parte di noi continuano , invece, ad essere saturate di gas, per cucinare, per riscaldare, per lavarsi, diventando vere e proprie bombe , che seminano spesso morte e distruzione. Ma il pericolo è nettamente sottaciuto, forse perchè, dietro la distribuzione del gas, ci sono interessi enormi...................

    Rispondi

  • patto

    11 Marzo @ 10.35

    Penso che il problema, ormai annoso e che non pare avere soluzione definitiva, sia molto attuale, specie in questi giorni di dibattito sulle rinnovabili. Queste, ed in particolare il fotovoltaico, sono le uniche che possono permettere la riduzione effettiva delle polveri fini e degli agenti maggiormente inquinanti. Purtroppo la decisione del ministro Romani, sta bloccando ogni iniziativa (e crescita economica e di sviluppo) nel settore. Ad oggi, non possiamo permettercelo, sia per la crisi economica (il fotovoltaico ha risentito della crisi solo riducendo il fattore di crescita e non andando mai in negativo!) sia per le crisi politiche in nord Africa che avranno importanti ripercussioni sul prezzo di petrolio e derivati. Si parla di nucleare, ma ricordo a tutti che produce comunque scorie (non nell'aria ma a stato solido e liquido) che non sono facilmente eliminabili e spesso il costo di tali processi non è contemplato a dovere nei preventivi di costo e, soprattutto, occorre molto tempo per la realizzazione di centrali efficienti (anche se saranno già obsolete al momento del via rispetto a quelle degli altri Paesi). Ma visto che questi sono temi che e superano i confini comunali, propongo una cosa molto semplice: visto che i limiti si superano soprattutto a causa dei riscaldamenti accesi, occorrono incentivi di rottamazione delle caldaie che potrebbero proporre organi di governo locali. Così facendo si potrebbero avere caldaie più efficienti nelle case non servite dal teleriscaldamento riducendo sprechi e consumi. Da parte nostra, tutti noi, dovremmo avere 20°C in casa e non mantenerci sui 25°C o 30° nei negozi (con porte aperte e commessi/e in maniche corte).......

    Rispondi

  • giuliano g.

    10 Marzo @ 20.17

    Egregi Amministratori comunali & C, organizzare le giornate senza traffico è una buona idea (per il centro storico !) Però avete sentito la PUZZA lungo le strade di circonvallazione ? A prescindere dalle polveri, dalla anidride carbonica e dal rumore presenti nella fascia anche negli altri 364 giorni dell' anno. Secondo voi è giusto ?

    Rispondi

  • Hugo the Boss

    10 Marzo @ 20.14

    Ci son associazioni legali a MI che stanno approntando e raccogliendo adesioni dei cittadini per far causa al comune avendo sforato oltre limiti consentiti visto che non li tutela non facendo rispettare le leggi EU. Chissà chi paga?

    Rispondi

  • franco

    10 Marzo @ 19.35

    LA morale è questa : Quando le statistiche sono " moderatamente positive " , allora I POLITICI ( di ogni colore politico , nei vari decenni ) SE LA RIDONO , ai comuni cittadini poi Fanno credere , Che il Merito è DELLE LORO Amministrazioni. IN caso CONTRARIO , ( visto che la COLPA è UNA gran brutta bestia ) , ALLORA I CITTADINI SONO DEGLI IRRESPONSABILI . FALCO.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Foto d'archivio

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

festival verdi

Daniele Abbado: "Nei teatri italiani c'e' problema di sicurezza". Ma promuove il Regio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

brescia

Carabiniere dà fuoco ai peluches della figlia e la chiude in casa

Radio Colonia

La Germania pensa di espellere gli italiani senza lavoro

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

1commento

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"