18°

30°

PARMA

Impresa Pizzarotti e Sonae costruiranno il centro commerciale in zona fiera

Investimento da 200 milioni di euro. Nel 2019 l'inaugurazione

Impresa Pizzarotti e Sonae insieme per il centro commerciale in zona fiera

Ecco come sarà il centro commerciale

Ricevi gratis le news
14

Il gruppo immobiliare Sonae Sierra e Impresa Pizzarotti & c. hanno siglato una joint venture paritetica per lo sviluppo di un nuovo shopping district a Parma, in prossimità del polo fieristico. L’investimento complessivo del progetto, si legge in una nota, è di circa 200 milioni di euro, finanziato in parte da un pool di banche costituito da UniCredit, Banca Imi e Banco Bpm.
Il progetto dello shopping district, che si sviluppa su un’area di circa 300mila metri quadri e ha una GLA (superficie commerciale utile) complessiva di circa 74mila metri quadri, con circa 170 unità, è composto da un centro commerciale da 53mila metri quadri e un Retail Park adiacente da 21 mila metri quadri.
L’inaugurazione dello shopping district, che verrà gestito da Sonae Sierra, è attesa nell’autunno del 2019. Grande soddisfazione da parte dell'impresa Pizzarotti: “Il progetto si concretizza dopo anni di impegno spesi per lo sviluppo di un’area che viene trasformata da ex stabilimento industriale a nuovo polo di attrazione e aggregazione. E’ molto importante sottolineare che l’intervento non comporta nessun consumo di suolo agricolo, in quanto l’intero comparto era precedentemente occupato dai fabbricati e dai piazzali della Salvarani, e ora viene riqualificato con l’inserimento di aree verdi e per il tempo libero. Si tratta di una grande opportunità per il Comune e per la città, sia considerando il contributo diretto che gli attuatori sono chiamati a versare (circa 10 milioni di euro in oneri di concessione oltre a circa 20 milioni in opere pubbliche, in parte già realizzate), sia per gli effetti indiretti in termini di occupazione e attrattività. Non dimentichiamoci che questo centro sarà uno dei più grandi del nord Italia, e si propone ad un bacino di utenza di livello interregionale, con un’offerta commerciale tipicamente “extra-cittadina”. 
Marco Pellizzari, Managing Director Development di Sonae Sierra in Italia, ha commentato: “Questo nuovo progetto è un ulteriore tassello nel processo di crescita della società in Italia di questi ultimi anni ed è in linea con il posizionamento e le strategie di Sonae Sierra che ha come obiettivo quello di realizzare prodotti adeguati per il mercato degli investitori immobiliari, con progetti di qualità nelle geografie più interessanti. Siamo onorati di collaborare con Impresa Pizzarotti & c. S.p.A e con il pool di Banche che hanno creduto e finanziato il progetto che genererà valore anche per il territorio e restituirà alla comunità locale un’importante area dismessa con una nuova e attrattiva destinazione”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sabcarrera

    23 Febbraio @ 20.08

    I centri commerciali si stanno costruendo nel Terzo Mondo. Negli Stati Uniti dove furono inventati sono in stato di abbandono.

    Rispondi

  • UgoFoscolo

    23 Febbraio @ 16.51

    Un altro (inutile) centro commerciale, un'altra cementificazione in un'area già piena... Io non ci metterò mai piede.

    Rispondi

  • marco

    23 Febbraio @ 15.15

    Poi ci lamentiamo se il centro di Parma muore. Direi che possibilità di selta ne abbiamo già tanta.: Centro Torri, Euro Torri, Parma Retail, Eurosia, Esselunga di Via Emilia Est, Via emilia Ovest e Via Traversetolo, Famila di via Langhirano..........Direi che sono sufficcienti. Se popi vuole puà andare a fidenza ai due Village, a Pontetaro da Globo e poi cosa vuole? Io non sono mai dovuto andare a Bologna o a Milano per fare la spesa. Non ho un negozio tradizionale, ma vedo che i negozi, non solo del centrto, ma anche dei quartieri periferici stanno chiudendo. Questo significa che le persone non vanno più a piedi a fare la spesa, ma prendono la macchina e vanno ai centri commerciali. Per la strada non cammina più nessuno. Viene a mancare il presidio del trerritorio. Poi non si lamenti se non si può più girare per strada. I francesi, che hanno inventato i centri commerciali, sono anni che hanno fatto retromarcia, riducendo sempre le loro aperture e le loro dimensioni.

    Rispondi

  • Betti

    23 Febbraio @ 14.10

    Non credevo di vivere a New York :-)

    Rispondi

  • Giuseppe

    23 Febbraio @ 12.37

    E adesso tutti giù a criticare le aperture di nuovi centri commerciali salvo, poi, affollarli di sabato e domenica!! Da quando c'è stata l'esplosione di questi centri, anche a Parma, finalmente, è possibile acquistare senza il terrore di essere depredati. Prima, per avere più scelte e per ottenere prezzi equi eravamo costretti ad andare a Milano o anche a Bologna; oggi possiamo farlo a due passi da casa. Ricordate che la libera concorrenza fa sempre il gioco del consumatore; chi asserisce il contrario o è in cattiva fede oppure possiede un negozio tradizionale ( oppure ambedue le cose......).

    Rispondi

    • sabcarrera

      23 Febbraio @ 20.05

      Questo non è successo a Parmaretail e quello a Corcagnano è fermo da anni.

      Rispondi

    • Medioman

      23 Febbraio @ 17.00

      E secondo te, la "libera concorrenza" sarebbe quella delle holding che gestiscono queste catene? Ma dai! Come la "libera concorrenza" delle compagnie telefoniche? Certo, se ti accontenti di robetta da prezzo, fai bene a fare dei chilometri.... Prova ad andare in Albania, o in Romania: vedrai quanto risparmi!

      Rispondi

      • Giuseppe

        23 Febbraio @ 18.41

        Dimenticavo: altro che non volerne; qui ho visto persone che, nei centri commerciali, ci pranzano e ci cenano anche! Sinceramente faccio fatica a pensare a qualcosa di più squallido.

        Rispondi

      • Giuseppe

        23 Febbraio @ 18.39

        E chi ha mai parlato di "robetta da prezzo"? Qualche anno fa fu fatta in'indagine dalla quale risultarono tante cose; una di queste, da appassionato di orologi di pregio, mi colpì molto: i prezzi di alcuni orologi di lusso erano più elevati a Parma ( credo si trattasse di via Garibaldi ma non ne sono sicuro) che in via Montenapoleone a Milano. Parma è sempre stata una città ingiustificatamente cara; oggi, con i processi di globalizzazione ai quali stiamo assistendo, chi non si adegua è destinato a scomparire. Non lo dico io ma le leggi di mercato.E poi, lo avevo premesso: tutti a criticare ma tutti a passarci i sabati e le domeniche.

        Rispondi

        • Medioman

          23 Febbraio @ 19.40

          Signor Giuseppe, se è appassionato di orologi di pregio saprà certamente che i milanesi, se devono comprare un orologio R....x, vanno in Svizzera. Forse perché l'aliquota iva è al 7,7 percento, forse perché così non hanno problemi con lo "spesometro". E' ovvio che gli orologiai milanesi, se vogliono vendere, devono accontentarsi!

          Rispondi

      • 23 Febbraio @ 17.08

        (dalla redazione) Solo una precisazione: sarà un outlet (marchi molto noti per non dire di lusso, a prezzi scontati, ma sempre piuttosto alti) non un discount. Sono modelli commerciali totalmente diversi. Quindi niente "robetta da prezzo".

        Rispondi

        • antonio

          23 Febbraio @ 23.46

          Marchi noti a prezzi scontati perchè sono di anni precedenti

          Rispondi

        • Medioman

          23 Febbraio @ 18.36

          Grazie per la precisazione. Comunque, la mia osservazione era sulla "libera concorrenza". A maggior ragione, se si tratta di "marchi molto noti" (che non significa necessariamente prodotti di qualità) è evidente che c'è una gestione marketing di livello internazionale. Che decide a che prezzo vendere in Italia, a che prezzo vendere in Albania, a che prezzo vendere in Romania. Quindi, il consiglio al signor Giuseppe rimane valido...

          Rispondi

    • Betti

      23 Febbraio @ 15.03

      oppure nessuna delle due opzioni come me. Possiedo solo buon senso. Questa è un'opera devastante a livello ambientale ed è un danno alla città, non un'opportunità di crescita.

      Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Madonna compie 60 anni. Tre giorni di festa a Marrakesch

compleanno

Madonna compie 60 anni. Tre giorni di festa a Marrakesch

Motoraduno a Lesignano: le foto

FESTE PGN

Motoraduno a Lesignano: le foto

Casa Anthony Bourdain a NY in affitto 14.000 dollari al mese

stati uniti

La casa di Anthony Bourdain a New York in affitto per 14mila dollari al mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Retro-Gusto», pizza e pesce cucinati con passione

CHICHIBIO

«Retro-Gusto», pizza e pesce cucinati con passione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Femminicidio in vacanza, le amiche di Rita: "Ultimamente Paolo era cambiato"

collecchio

Femminicidio in vacanza, le amiche di Rita: "Ultimamente Paolo era cambiato"

L'arresto

Blitz dei carabinieri al distributore: così Zoni è finito in manette

gazzareporter

E il Ferragosto porta l'interconnessione tra Parma e la Tav Foto

3commenti

nuoto paralimpico

Giulia Ghiretti, farfalla d'argento nei 100 rana a Dublino

calcio

Gervinho torna in Italia: è a un passo dal Parma. E spunta anche Montolivo

1commento

Mezzani e Sorbolo

I sindaci: «Basta con i tir che passano nei paesi»

CLUB DEI 27

Addio a Umberto Tamburini

Monticelli

Addio a Bruno Medici, «Al Cavalier»

Sangue

Padre Fausto Guerzoni, il recordman delle donazioni

Fidenza

Record di turisti nel 2017

1commento

Baseball

Casanova carica il Parma Clima

12Tg Parma

Val Gardena: 64enne di Madregolo uccide la moglie 60enne. Fermato dai carabinieri a Bolzano Video

GENOVA

Crolla il ponte Morandi sulla A10: 26 morti accertati, ma si cercano molti dispersi, 440 sfollati - Foto Video

Auto accartocciate, centinaia di soccorritori al lavoro. Il viceministro Rixi: "Tutto il ponte sarà demolito"

6commenti

FATTO DEL GIORNO

Collecchio: incredulità in paese per la morte di Rita Pissarotti

noceto

Teneva d'occhio i vicini per andare a rubare assegni dai loro libretti: arrestato

CALCIO

Storia, orgoglio e tradizione: ecco la prima maglia del Parma

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Erdogan e i limiti del sovranismo in economia

di Paolo Ferrandi

1commento

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

genova

Il sindaco: "Le case sotto il ponte non si possono salvare". Sono 311 le famiglie sfollate Foto

genova

Crollo del ponte, salgono a 39 le vittime: i primi nomi. Si continua a scavare. 632 gli sfollati Video Foto

1commento

SPORT

PONTE CROLLATO

L'ex giocatore del Cagliari Davide Capello tra i sopravvissuti di Genova

FORMULA 1

L'addio di Alonso: non correrà nel Circus nel 2019

SOCIETA'

VERSILIA

Ferragosto: il Comune vieta il vetro alle "dune" di Forte Marmi

CALDO 

Fornelli addio, la lasagna si fa in frigo o col sole

MOTORI

NOVITA'

La Opel Corsa diventa GSI. E ha 150 Cv

TECNOLOGIA

Ford mette un freno alla guida... contromano. Ecco Wrong Way Alert