14°

26°

Parma

Il signor Kurt, «gigante» dell'alpinismo

Il signor Kurt, «gigante» dell'alpinismo
Ricevi gratis le news
0

Stefano Rotta
Comincia con un detto della Groenlandia che per lui, Kurt Diemberger, gigante dell’alpinismo, è qualcosa in più, un faro, una ragione di vita.
Dicono i popoli dei ghiacci che «solo gli spiriti dell’aria sanno cosa incontrerai dietro la montagna. Ma io con i miei cani vado avanti, vado avanti…». Cento persone sedute e una cinquantina in piedi, stipando all’inverosimile il palazzo Sanvitale: tutti per questo ironico signore austriaco, che a un certo punto si fa scappare un «79 anni domani», oggi per chi legge, e lì prorompe l’applauso, spontaneo, nello sfarzo della sala.
Serata organizzata dal Cai Parma e dalla sua Scuola di Sci e Alpinismo, con il contributo di Banca Monte Parma (per cui è intervenuta Carla Dini) e del Comune, rappresentato in sala dall’assessore, Cristina Sassi.
Nell’occasione, Diemberger ha ricevuto dal presidente del Cai, Fabrizio Russo il decimo premio «Luigi Leoni», istruttore Cai e dipendente di Banca Monte Parma, scomparso nel 2000; sulla targa, oltre al detto nordico, la dedica dei parmigiani, «a un alpinista delle terre estreme, in quelle terre cineasta estremo».
Sì, perché Kurt Diemberger, nelle vita, non ha voluto solo «andar su», ma anche «portar giù»: diapositive («sono come persone, si toccano»), filmati, sonori fischi di bufere, immagini di grande poesia. E i taccuini.
Ne mostra uno, del 1948, allo schermo: forse per la calligrafia così novecentesca, forse per i semplici ma vivi schizzi a matita, ricordano tanto quelli di Dino Buzzati. Il signor Kurt, senza lesinare battute, parla mentre scorrono le immagini di una vita. Racconta della reggiana Pietra di Bismantova, negli anni Settanta, e altre decine di aneddoti di altissima quota: «Chiesi a un amico di togliersi i guanti per battere le mani e farmi il “ciak” per il film. Si rifiutò. Su, dissi, c’è il sole».
I due sono sull’Everest, in ottobre. Ci va con i francesi, lassù: sono i primi d’Oltralpe sulla cima. «A Parigi - ricorda - cancellarono per bene i colpi di tosse: un francese sull’Everest non può tossire!».
Parla un uomo con «qualche dita un pò più corta», facile capire perché, e un amico in meno, che «quando lo perdi non capisci più che senso hanno le cose». Diemberger, nel 1957, perse Hermann Buhl. Rammenta: «Tornai indietro a cercarlo. Vidi il punto in cui le sue tracce si dividevano dalle mie. Franò tutta la cornice sotto di lui. Hermann fu per sempre smarrito».
Dice ancora, il vecchio montanaro: «Non importa se qualche sogno s’infrange. Bisogna averli. A volte, ma è raro, passano nuvole fatate. In montagna non è importante arrivare per forza in cima; ci sono anche cime di fantasia. E poi le ombre. E i sassi che volano». Uno di questi, non avendo l’aletta sul casco, gli sbrecciò il naso. Si vede benissimo nelle foto, bianco e nero, del Dopoguerra. Nel 1998, a 66 anni, rieccolo sul Nanga Parbat. La passione di questo figlio delle creste sono i cristalli: s’incanta, li fotografa, ne trova significati nascosti. A volte, nota, «un ottomila tutto intero sembra un gigante cristallo».
Gambe, cuore, e cervello fino: come quella volta, nelle nebbie, «se non avessi avuto una poster accartocciato nella tasca, ci saremmo persi.
L’avevo carpito alla segretaria di un editore, così, dicendole che l’avrei appeso in camera. I giornalisti mi fotografarono con l’immagine, l’editore la riconobbe come sua, e la giovane segretaria dopo essersi presa una bella lavata di capo, mi tolse il saluto».  C’è anche da ridere. «Una volta - sorride - a un compagno cadde il portafoglio nel cesso. Mi calarono dentro la latrina a testa in giù, usai i ramponi e l’esperienza di guida alpina. Ho dovuto lavarmi molto bene. Ma il borsello, molto pesante, venne recuperato, e mi spettò una lauta mancia». Tratteggia poi l’«homo montblanchensis», figura di uomo danaroso che «parte anche quando non si può, poi si pente quando gela la barba, ticcheggia tutto il giorno con l’altimetro, e crede che il cielo sia sempre blu». Ma io dico: «Se il monte è bianco, vuol dire che il cielo non è sempre blu».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Ballottaggi

Urne aperte a Salso e in 74 comuni Italiani: si vota fino alle 23

Turismo

Pochi wc pubblici. Botta e risposta fra Comune e Confesercenti

appuntamenti

Dopo la rugiada, una domenica di eventi nel Parmense Agenda

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

Rapina

Incappucciato aggredisce una donna per rubarle l'auto: arrestato

FIDENZA

Sicurezza, in arrivo 84 «occhi intelligenti»

Fontanellato

Morto il direttore della banda

BENECETO

L'abbraccio della maestra e dell'ex allieva

Il ministro Centinaio

«Il caso sms? Finirà in nulla»

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

12Tg Parma

Ladri scatenati a Felino: settimana di furti in paese

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri Video

PARMA

Lauryn Hill entusiasma la Cittadella: le foto della serata

agenda

E' il sabato di San Giovanni, ecco tutte le tortellate (e non solo)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Censimento dei rom e schedature più urgenti

di Filiberto Molossi

6commenti

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Urla in casa, arrivano i carabinieri e sequestrano marijuana

Superenalotto

Esce il 6: vinti oltre 51 milioni di euro

SPORT

Calcio

Mondiali: la Germania in 10 soffre ma piega la Svezia (2-1)

FORMULA UNO

Mercedes davanti a tutti: non è solo questione di gomme

SOCIETA'

cultura

E' morta Chichita, la moglie di Italo Calvino

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse