17°

28°

Parma

Ospedale Vecchio. Nel cantiere dell'ex Archivio di Stato

Ospedale Vecchio. Nel cantiere dell'ex Archivio di Stato
Ricevi gratis le news
1

Marco Federici

Due passi nella storia, nella viscere  di uno  scrigno  sconosciuto, per anni nascosto  dalla penombra della città.  Sembra di  camminare  sul pavimento  di un'amnesia  generale, lunga e colpevole.  Dici «grande crociera» e «sotto crociera» e in pochi sanno togliere un'immagine dal disco fisso   della propria memoria. Giusto  qualche studioso, qualche fortunato  che ha potuto sbirciare dalla fessura di una porta  solo socchiusa.  I più no. I più  non sanno dare  un volto  al ventre   dell'Ospedale vecchio.  Forse ancora per  poco. «A breve, e parliamo al massimo di un paio di mesi,   cominceranno  i lavori   per recuperare  l'edificio -  spiega l'assessore ai Lavori pubblici Giorgio Aiello - Sarà un intervento molto complesso: inizieremo dalla sotto  crociera. Diventerà  una spazio aperto alla città,  una specie di tunnel che collegherà via d'Azeglio  al Parco Ducale». E' così: c'è una galleria  nascosta, corre  parallela a vicolo Santa Maria e collega due anime    dell'Oltretorrente. Diventerà un passaggio  aperto, un cannocchiale dentro il quale passeggiare, sbirciando tra le bancarelle di un mercatino. Almeno questo  è il progetto di massima. Oggi la sotto crociera  custodisce ancora  una montagna di documenti  dell'archivio storico comunale.  E' inattraversabile  perchè una parte è stata imbracata  da una  fitta ragnatela  di tubi:  sostegni, come spiega lo stesso Aiello,  serviti per evitare che i lavori in corso in via Kennedy  ne danneggiassero le volte. Le ruspe sono andate due piani sottoterra per ricavera parcheggi e di sicuro hanno fatto   vibrare il suolo. Ci si arriva  da vicolo Santa Maria, alla sotto crociera:  prima si sbircia in uno dei chiostri interni dove lavorano quattro operai in tuta bianca, il volto coperto dalle mascherine: sono lì per ripulire l'Ospedale vecchio dalle scorie del degrado, un luogo di miseria e   di sporcizia. «Prima di  aprire il cantiere - aggiunge ancora Aiello - dobbiamo igienizzare tutto». Già, i tecnici devono entrare per fare il progetto di dettaglio, ma  prima di una profonda disinfestazione di tutti  gli angoli  nessuno vuole metterci   piede:   un ventre buio,  gonfio di umidità,  coperto di  siringhe, stracci, escrementi, con i pavimenti sconnessi e le finestre scassate.
Dentro un tratto accessibile  della sotto crociera, poi,   nessuno  nasconde le difficoltà. In Comune, i tecnici sanno bene i vincoli che dovranno rispettare e gli ostacoli da superare prima di mettere mano   allo scalpello per  aprire varchi.   Ma c'è ottimismo: «Entro la prossima primavera inaugureremo   la nuova galleria», annuncia Aiello.  Se le cose andranno così,  il  primo pezzo dell'Ospedale vecchio sarà recuperato. L'altro  è la grande crociera, l'immensa struttura a croce (appunto)  che per secoli ha ospitato gli ammalati della città, destinata ad ospitare i volumi oggi custoditi nella biblioteca Civica. Sembra un luogo manzoniano.   Qualcuno  richiama  la Corsia dell'ospedale di Arles   di Van Gogh. La direttrice dell'Archivio di Stato, Mariella Loiotile, che ha ancora le chiavi  di casa,  spiega il sistema di aerazione studiato per   ridare salubrità  ai bracci della croce latina: «L'aria scendava da là in alto, dagli oculi  ricavati nel soffitto. Al centro, invece, sotto la cupola si trovava  un altare,  in modo che tutti gli ammalati potessero assistere alle funzioni religiose». Da mezzo secolo a questa parte, fino all'altroieri, nella grande crociera c'era l'Archivio di Stato: migliaia di documenti accatastati, sugli scaffali laterali e al centro delle corsie,  che oggi sono  traslocati nella nuova struttura di via Spezia. «Va detto che i plichi venivano accumulati  perchè altrimenti, spostandoli, vista la  delicatezza dei documenti si rischiava di perdere informazioni», spiega la direttrice. All'inizio della «grande crociera», sul pavimento ci sono briciole di calcinacci. Sono e saranno  oggetto di polemica. «Si tratta di  piccoli pezzi di intonaco secco  che si sono staccati dal soffitto: roba da niente  - puntualizza Aiello - Deve essere chiaro che non ci sono problemi strutturali e di staticità. Le fessure che si vedono  in alto  sono  solo il segno di vecchi terremoti. Naturalmente nessuno nasconde che  gli scavi di via Kennedy  hanno determinato vibrazioni: ma la situazione è stata monitorata attentamente e oggi possiamo dire che  nulla è stato danneggiato». Ai lati  delle corsie ci sono ancora le vecchie scaffalature  dell'Archivio di Stato: anche qui, attorno al loro recupero,  tira aria di polemica: «Il  legno non è di pregio: si tratta di pino e compensato - conclude Aiello prima di uscire  dalla  grande crociera - In ogni caso le  restaureremo  e poi valuteremo come utilizzarle».                  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • E. Piovani

    26 Marzo @ 11.53

    per incoraggiare la gente a passare da li andrà spostato l'ingresso al parco ducale di via kennedy all'altezza della sottocrociera.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

parma calcio

D'Aversa promuove Gervinho: "Per Parma fa la differenza" Video

viabilità

Domani chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati Video

ricerche in corso

Albareto, soccorsi attivati per un altro fungaiolo disperso

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

NUOTO

Commenti beceri verso Giulia Ghiretti: denuncia (e tanto sostegno) via Facebook

L'atleta paralimpica pubblica la schermata con alcuni commenti per i quali si definisce "disgustata"

3commenti

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

sicurezza stradale

Massese, allarme per quelle righe orizzontali ormai "fantasma"

politica

Pizzarotti sulla vicenda Casalino: "Le minacce sono il metodo 5 Stelle"

1commento

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

ECONOMIA

Rinnovato il contratto integrativo in Barilla: previsto premio da 10.800 euro in 4 anni

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

6commenti

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

1commento

SPORT

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

Moto

Super pole di Lorenzo, pasticcio Valentino Rossi: 18esimo

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"