16°

28°

Parma

"Controllori Tep, grazie: mi avete reso orgoglioso della mia normalità"

Ricevi gratis le news
31

Pubblichiamo la lettera arrivata in redazione:

Tep: desiderio esaudito

"Uso spesso l'autobus per recarmi al lavoro e rientrare a casa ma ogni volta che entro in vettura, l'acuto "beep" che emette l'obliteratrice sul mio biglietto mi suggestiona quasi a captare un pensiero trasversale di alcuni dei passeggeri presenti: guarda quel pirla che paga sempre...
Consapevole di essere naturalmente "nel giusto" e di pagare semplicemente un servizio che utilizzo, afferro tranquillamente un "apposito sostegno" mentre l'autobus riprende nel suo tragitto.
Abbandonato al dondolio del percorso, prende poi forma un dubbio ricorrente: se io sono il solito pirla che paga sempre,
quanti saranno in questa corsa i furbi che non pagano mai? Possibile che non ci sia un po' di controllo e giustizia per un dovere così banale? Ebbene questa sera verso le 18:30 quando stavo rientrando dal lavoro sulla  linea urbana n.15 direzione via Naviglio, il mio desiderio è stato finalmente esaudito.
Circa all'inizio di via Farini entrano in vettura due controllori della Tep ed iniziano il loro lavoro.
Tutti presentano il regolare titolo di viaggio meno una signora che alle  ripetute richieste dei pubblici ufficiali, tenta di uscire dalla porta centrale ovviamente tenuta chiusa, non mostra alcun segnale di nota, non risponde nulla, non gira nemmeno lo sguardo nella loro direzione, insomma li ignora totalmente come se non esistessero.
Un controllore rinnova gentilmente la richiesta facendo notare alla signora che tutti i passeggeri hanno mostrato il biglietto e manca solo il suo ma se proprio non l'avesse la invitano a mostrare un documento: ancora nessuna
risposta.
Il controllore illustra allora alla signora che il passo successivo sarebbe di richiedere la presenza della polizia.
La signora guarisce improvvisamente dalla "temporanea sordità" si gira ed accusa i controllori di "comportamento arrogante" continuando a non mostrare alcun documento.
Dopo ulteriori tentativi senza esito,  il controllore messo alle strette allora applica semplicemente il protocollo e notifica via radiotelefono la richiesta della polizia. (realmente?)
A questo punto la signora cede e consegna la carta d'identità che permette al controllore di compilare il verbale di cui consegna una copia alla signora.
Lo so che è assolutamente banale ma volevo semplicemente ringraziare la TEP ed in particolare  i due controllori che in quei pochi minuti mi hanno fatto sentire orgoglioso della mia "normalità" oltre che avere compiuto correttamente e gentilmente il loro lavoro senza la minima traccia di arroganza o prepotenza.
Molto tempo è trascorso da quando il bigliettaio era a bordo di ogni vettura ed ogni passeggero era sicuramente titolato ad essere tale. Ho motivo di credere che se venisse reintrodotta questa mansione la Tep potrebbe vantarsi di creare nuovi posti di lavoro sicuramente coperti dai nuovi copiosi introiti che deriverebbero dalla inevitabile vendita di biglietti oltre a reintrodurre un senso di giustizia sempre più raro e sempre più a senso unico dove "i furbi", indipendentemente dal colore della pelle, hanno sempre e
solo diritti e mai doveri.
In alternativa potrebbero essere eseguiti controlli più frequenti.
Chissà se poi quella signora pagherà veramente la multa o troverà un "sindacato delle vittime a prescindere" pronto ad assolvere tale dovere magari  con soldi pubblici".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fabio

    01 Aprile @ 16.39

    E vai, qualunquismo alla parmigiana come se piovesse! Le meglio sono: FRANBONO "ma perchè non si può usare anche qui il sistema come ormai usano in tanti comuni italiani? quando si sale lo si può fare solo dalla porta anteriore e si oblitera il biglietto davanti all'autista, se non si oblitera non si sale" Se ci dici di grazia quali sono tutti questi comuni in Italia te ne siamo tutti grati. Sembrano quei racconti che ti facevi da piccolo (L'amico di un mio amico una volta ha visto un asino che vola...) che non sapevi mai a chi erano successi o dove. Io faccio il rappresentante, giro tutta la penisola e devo ancora trovare il posto dove in autobus ti obbligano a salire davanti. Per la cronaca è vero che a Modena avevano messo i tornelli, ma li stanno già togliendo perché sno vietati per motivi di sicurezza (in caso di incidente tieni la gente murata nell'autobus?); DENTE AVVELENATO: loda i servizi puntuali e capillari... DI MALTA??Ma stiamo scherzando? Ma di cosa stiamo parlando? Non pensi che forse c'è un tantino di differenza a fare andare gli autobus a Parma, una provincia di 400mila abitanti, con l'università, con un territorio in parte in pianura e in buona parte in appennino, piuttosto che su un'isola?? Su uno scoglio in mezzo al mare che fa forse 2mila abitanti d'estate. Oltretutto quando usi i bus a Malta forse non badi troppo alla puntualità (hai l'orario per timbrare quando vai in spiaggia?). And the winner is... FRANCESCO: quello che denuncia per sequestro di persona perché l'hanno tenuto su 2 minuti di più per finire di controllare i biglietti. No, dai, spalanchiamo le porte subito e facciamo scendere tutti, anche quelli che non hanno il biglietto, chissenefrega, c'è Francesco che ha fretta e denuncia tutti. Lo capisci che stanno facendo un servizio ANCHE PER TE a tener chiuse le porte 30 secondi di più per fare in modo che i soliti furbi non la facciano franca? Ma fammi la cortesia...

    Rispondi

  • Gianluca Pasini

    31 Marzo @ 15.44

    La lettera di rebelde è un cumulo di sciocchezze. Il latente giustificazionismo che tenta di far valere è uno dei mali che affliggono nostro paese e lo rendono scalcagnato e ciabattone come è. Il piacere dell'onestà nasce dalle piccole cose, come avere lo scrupolo di pagare il biglietto. Non è segno di meschinità, bensì segno di rettitudine, che non ha bisogno di misurarsi su cose grandiose, ma su piccoli gesti della quotidianità. Fatti con rigore. Se un servizio pubblico poi funziona male è colpa anche di chi non lo paga pur usufruendone. E chi paga, alla fine paga anche per chi non lo fa. Ed è giusto che si dia notizia anche di comportamenti disonesti, per additarli alla pubblica disapprovazione. E oggi apprendiamo che un altro viaggiatore abusivo (e violento) era extracomunitario. Strano. Se poi qualcuno rimproverasse qualcun altro di razzismo, vuol dire che egli avrebbe un'ottusità mentale inversamente proporzionale alla sua intelligenza.

    Rispondi

  • monica

    31 Marzo @ 15.22

    faccio notare che, in base alla testimonianza, \"tutti i passeggeri\" hanno presentato il titolo di viaggio, tranne la famosa \"signora\"; quindi, forse, gli \"anormali\" sono la maggioranza, dopo tutto.....

    Rispondi

  • dott.marco

    31 Marzo @ 12.42

    sarebbe sufficiente mettere il vecchio bigliettaio sugli autobus.

    Rispondi

  • Francesco

    31 Marzo @ 12.20

    Mentre noi commentavamo questo articolo, nel pomeriggio di ieri, 30 Marzo, altri due extracomunitari senza biglietto , sull' autobus della linea 21 , hanno aggredito i controllori della TEP e la Polizia. VOGLIAMO SUBIRLI ANCORA UN PO' O CI DECIDIAMO A METTER LORO I FICHI A DUE LIRE ? Il primo passo verso l' "inserimento" è insegnare che , in una Società avanzata , non possono comportarsi come nella jungla del Congo belga ( o nella steppa dell' Ucraina).

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

2commenti

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

4commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ASTI

Il pick-up del padre lo investe: muore un bimbo di tre anni

brescia

Carabiniere dà fuoco ai peluches della figlia e la chiude nella casa in fiamme

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"