16°

28°

Parma

Scuola per l'Europa, docenti sul piede di guerra

Scuola per l'Europa, docenti sul piede di guerra
Ricevi gratis le news
0

Enrico Gotti
Si avvicina un momento cruciale della scuola per l’Europa. Gli insegnanti che hanno contribuito alla nascita della scuola, e che sono oggi dietro alla cattedra, temono di essere messi fuori dai giochi, dal nuovo sistema di arruolamento.
In una nota, l’associazione docenti scuola per l’Europa di Parma (Adsep) domanda alle istituzioni: «Quale futuro per un modello d’eccellenza?». «Dopo aver concentrato il nostro entusiasmo e la nostra competenza - ricordano i docenti - nella definizione di una realtà scolastica che rappresenta oggi una realtà prestigiosa per il territorio; dopo anni, e denaro, investiti nel preparare le risorse della scuola al peculiare processo di apprendimento che caratterizza le scuole europee, attraverso attività di formazione specifiche, arriva, implacabile, il punto di svolta: la quasi totalità dei docenti rischia di essere esclusa, perché non "di ruolo", dalla possibilità di partecipare al concorso che assegnerà le cattedre per il prossimo biennio».
 Gli insegnanti oggi sono 81, 32 dei quali sono italiani. La scuola è nata nel 2005, nel 2009 ha ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica. Il passo finale di questo iter è il regolamento della scuola, la cui approvazione da parte del Miur è attesa in questi giorni, che cambierà il trattamento economico dei contratti e le regole per le assunzioni.
 «Le istituzioni preposte hanno lavorato alacremente per far uscire la scuola da una situazione provvisoria, logica conseguenza della fase di start up. - scrive l’associazione dei docenti -. Al momento però, le azioni adottate fanno dubitare che venga preservato un elemento che si ritiene fondamentale per garantire l’eccellenza della scuola: la continuità didattica. Se i regolamenti entreranno in vigore, pertanto, si verrà meno all’esortazione dei Commissari europei i quali, nel corso dell’Audit del 2010, hanno fortemente esortato la scuola a tutelare questo elemento fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi del modello europeo, dal momento che quasi l’intero corpo docenti sarà sostituito. Quale futuro allora? Pur nella consapevolezza che le criticità debbano essere risolte, i docenti si chiedono perché la via da seguire debba essere quella di penalizzare chi la Scuola per l’Europa l’ha fatta nascere e l’ha portata ad un livello di qualità che la rende eccellente. Dimenticando e cancellando con un colpo di spugna tutto quello che è stato costruito in questi anni».
 «L’attuale corpo docente - continua il documento - rivendica una posizione imprescindibile nella costruzione del futuro della Scuola per l’Europa di Parma. Un futuro che li vede paradossalmente esclusi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Foto d'archivio

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Radio Colonia

La Germania pensa di espellere gli italiani senza lavoro

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

1commento

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"