13°

28°

Parma

Il racconto della domenica - "Puki", storia di amore e coraggio

Ricevi gratis le news
0

 Pubblichiamo il racconto vincitore della sezione Favola del concorso Animo animale onlus (San Giorgio della Richinvelda) sul tema «Il coraggio degli animali». L'autrice è parmigiana.

Maria Denis Guidotti

Era il novembre del 1944, un inverno freddo e rigido che accompagnava la devastazione della guerra. Angelo, un vecchietto che era sopravvissuto a quegli anni fatti di privazioni e dolore, viveva nella sua piccola casa nei boschi delle colline salsesi con la sola compagnia del suo cane Puki. Puki era arrivato da Angelo, vagando, spaventato ed affamato in una mattina di fitta nebbia. Il loro fu un incontro di sguardi e voglia di affidarsi l’uno all’altro, desiderio di affetto e compagnia. La vita di Angelo era semplice, aveva il suo piccolo orticello vicino a casa, terra resa fertile con il sudore e la fatica, terra che lo ricompensava dandogli il sostentamento fino ad allora per lui e basta, ora anche per il nuovo arrivato, Puki. Tutte le mattine uscivano insieme, una passeggiata sulle colline, un cesto di vimini che partiva attaccato al braccio di Angelo vuoto e ne ritornava pieno di funghi, castagne, erbe selvatiche, qualche pezzo di legna da ardere prima di dedicarsi alla raccolta vera e propria per affrontare la lunga stagione fredda. Fu così che da lì a poco Angelo decise di dedicarsi alle scorte di legna. Andò nel bosco accompagnato dal suo fedele amico, si addentrarono nell’interno dove le piante erano grosse e possenti, ma in grado di dar loro ciò che occorreva. Mentre si trovarono accanto ad un’enorme quercia accadde un fatto molto grave, un ramo si staccò all’improvviso cadendo addosso ad Angelo lasciandolo a terra senza la possibilità di riuscire a muoversi. Puki al suo fianco iniziò a guaire, alternando il suo dolore a manifestazioni di solidarietà verso il suo padrone, continue e frenetiche leccate al viso, poi di nuovo abbai... Puki contemplava affranto Angelo, si allontanava un poco da lui, immediatamente ritornava accanto al suo corpo, non sapeva cosa fare per aiutarlo, Angelo cercava di tranquillizzarlo, ma Puki si era reso conto della gravità della situazione. Stava calando la sera e con essa il freddo iniziava a farsi intenso, ad un tratto Puki prese una decisione. Si allontanò da Angelo e raggiunse uno dei tanti sentieri che si aprivano tra le piante. Corse fino a quando non riuscì ad avvistare una casa nella quale sentì un gran chiacchierio e vociare. Quatto quatto si avvicinò alla stessa, ma mentre stava raggiungendo la meta, dall’ingresso uscì un omone barbuto e mal vestito con un fucile spianato, l’arma e le sue urla, furono un deterrente inconfutabile per allontanare la povera bestiola. Nel frattempo la notte era divenuta padrona assoluta di quel paesaggio, Puki con il cuore infranto, ma con la determinazione di chi ama, senza ascoltare i morsi della fame e l’arsura, si rimise in cammino alla ricerca di qualcuno che potesse aiutarlo. Sfinito, coperto dal buio intenso, affamato ed assetato, si riposò accanto ad un decrepito capanno. Prima che i suoi occhi si aprissero alle prime luci dell’alba, venne sorpreso da una mano gentile e calda che dolcemente lo accarezzava. Era un’anziana signora dall’aspetto delicato, ma dotata di nerbo e un indole volitiva, rifocillò il piccolo cane e non appena esso si riprese, la vecchina iniziò a fargli un sacco di domande. Puki seduto sulle zampe posteriori la guardava fisso in viso, ora girava la testa di qua e poi di là, faceva un mezzo giro attorno ai piedi e poi ricomposto ritornava a porgli gli occhi addosso. Ora inclinava appena il muso verso destra, ora verso sinistra… Infine prese fra i suoi denti il polso di Rosa e delicatamente la obbligò a farsi seguire. Appena Puki ebbe la certezza di avere dalla sua parte un aiuto valido su cui poter contare, le lasciò delicatamente il braccio e continuò il cammino seguito frettolosamente dalla signora. Quando la carraia si inerpicava faticosamente verso la collina, Puki diligentemente si fermava ed aspettava la sua nuova compagna di viaggio per essere certo di portarla a destinazione. Finalmente arrivarono nel punto in cui Angelo era stato lasciato, ancor più agonizzate e febbricitante. Rosa, a cui gli anni avevano regalato tanta praticità, non potendo contare sulla collaborazione di Angelo, si rivolse a Puki, chiedendogli di essere accompagnata a casa. A casa Puki, a casa... Come un soldatino sull’attenti Puki inclinava la testolina e cercava di comprendere le richieste che gli aveva fatto, ma non era poi così scontato capire. Rosa, decisa a non perdere altro prezioso tempo, prese un bastone ed iniziò a smuovere la terra sotto le gambe di Angelo, con la chiara intenzione di fare un buco, al di sotto delle sue gambe bloccate, per poterlo lentamente sfilare da sotto il grosso ramo. Senza la giusta attrezzatura, Rosa ci avrebbe impiegato parecchio, ma mentre si accingeva a scavare sempre più profondamente, ecco che Puki, convinto ora di aver intuito quello che poc’anzi gli era stato chiesto... Si posizionò dalla parte opposta di Rosa e a muso basso iniziò a scavare freneticamente con le zampe davanti sotto al grosso ramo, non curante del fatto che tutta la terra che smuoveva finiva in gran parte sul viso di Angelo. Fu una bellissima collaborazione, che durò qualche ora, ma riuscirono nel loro intento. Pianino, pianino, dolcemente, Rosa prese Angelo sotto le braccia e lo sfilò da quel grosso ramo, incurante, in parte, delle lamentele del vecchietto. Appena riuscirono a riportare Angelo in posizione supina, Puki intervenne in una grande rianimazione... Una leccatura con fiocchi e controfiocchi!!! Rosa dopo aver immobilizzato la gamba di Angelo con le sole cose di fortuna che trovò, raccolse a sé tutte le sue forze ed iniziò ad accompagnare Angelo alla sua casa. Il tempo, grande medico di tutti i malanni, la delicatezza e l’esperienza di Rosa, l’amore silenzioso e la fedeltà dichiarata di Puki operarono il grande miracolo. Angelo iniziò a muovere i primi passi aiutato da un solo nerboruto bastone che gli faceva da appoggio, la sua riconoscenza fu un concerto di gesti gentili, di sorrisi scritti nei righi del pentagramma, la loro compagnia una sinfonia perfetta. Fu così che grazie all’istinto di Puki i miei nonni si conobbero, fu grazie a quel cane che oggi posso raccontarvi questa storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

IL FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno