18°

28°

Parma

Vignali: "La nostra correttezza è stata certificata dai giudici"

Vignali: "La nostra correttezza è stata certificata dai giudici"
Ricevi gratis le news
0

 «Nessuna irregolarità o illegittimità rispetto alla normativa. Nessun utilizzo delle società partecipate per scaricare i debiti del Comune. Nessun danno erariale, né sprechi, né uso improprio del denaro pubblico. Nessuna elusione del patto di stabilità». Secondo il sindaco Pietro Vignali sono questi i quattro aspetti più importanti della pronuncia della Corte dei conti sul bilancio consuntivo 2010. E se è lo stesso primo cittadino a riconoscere che nel documento dell'organo regionale di revisione economico-finanziaria vengono evidenziati anche elementi di criticità, la cosa più importante secondo Vignali rimane il fatto che «ancora una volta, come già avvenuto per la questione dei revisori, le istituzioni di garanzia certificano che il nostro comportamento è stato corretto e rispettoso delle norme». Ed è proprio sulla base di questa considerazione che il primo cittadino si spinge a dire che «con la pronuncia della Corte dei conti abbiamo finalmente voltato pagina rispetto a una polemica che ha stressato il dibattito politico per mesi». Da qui l'auspicio del sindaco: «Smettiamola di trasformare la politica in un tribunale. Un progetto che non piace all’opposizione non è per questo necessariamente illegale. È semplicemente un progetto che non piace». La disponibilità al confronto politico da parte della maggioranza c'è: «Parliamone - dice Vignali -, confrontiamoci in Consiglio comunale, ma non in Consiglio di Stato». 

Certo, rimane il pesante monito che la Corte rivolge all'Amministrazione di piazza Garibaldi, laddove rileva «gravi irregolarità contabili». È vero, osserva il sindaco, «le definisce gravi irregolarità, ma non rispetto alla legge, ma rispetto ai principi di sana gestione finanziaria. Nessuna illegittimità, quindi». In particolare, i rilievi della Corte dei conti riguardano due aspetti: l'utilizzo reiterato di plusvalenze derivanti da alienazioni per il raggiungimento dell'equilibrio di bilancio di parte corrente; e il rilascio da parte del Comune delle cosiddette lettere di patronage relative a società partecipate. 
Per quanto riguarda le plusvalenze, per Vignali «non c'è nulla di nuovo sotto il sole: lo sapevamo, in quanto si tratta di una prassi che questo Comune utilizza da anni, già con la precedente Amministrazione». Prassi in base alla quale il plusvalore di entrate straordinarie «viene applicata alla parte corrente per finanziare e mantenere alti i servizi alla persona». Un accorgimento che, rileva il sindaco, ha permesso di «evitare l'aumento dell'addizionale Irpef, che a Parma è una delle più basse del Paese e la seconda più bassa in regione». Comunque, ricorda il sindaco, «dal punto di vista normativo è legittimo utilizzare il plusvalore per la parte corrente nel limite del rimborso delle quote capitale dei prestiti». La Corte dei conti però dice che se ciò è reiterato nel tempo, è irregolare dal punto di vista dei principi di sana e corretta gestione. «Lo sappiamo: infatti abbiamo cominciato una normalizzazione della situazione». Una normalizzazione che prevede che già dal bilancio 2011 ci sia una drastica riduzione del ricorso alle plusvalenze (2 milioni, che deriveranno dalla vendita delle azioni Tep), per arrivare a un azzeramento nel 2012. E in questo senso l'assessore al Bilancio Gianluca Broglia aggiunge che già nella proposta di bilancio consuntivo 2010, licenziata ieri pomeriggio dalla Giunta, le plusvalenze scendono a 4 milioni di euro rispetto ai 10,5 che erano stati previsti a preventivo.
Sul fronte delle lettere di patronage, il sindaco ricorda che delle 18 emesse dalla propria e dalla precedente Amministrazione, solo due sono state oggetto di contestazione da parte della Corte dei conti: una relativa a It city firmata dallo stesso Vignali e un'altra relativa a Parma infrastrutture firmata dal precedente sindaco Ubaldi. «La corte - dice Vignali - ritiene che queste due lettere siano forme di garanzia atipica, cioè vere e proprie fidejussioni, e che quindi avrebbero dovuto essere inserite nel bilancio. Noi non le avevamo considerate come tali, in quanto avevamo avuto due pareri - uno del notaio Busani e un altro dell'avvocato Mora - che ci avevano garantito che quelle erano semplici lettere informative fatte alle banche. Tuttavia prendiamo atto delle osservazioni della Corte, che abbiamo deciso di recepire nella proposta di consuntivo che la giunta approverà oggi (ieri, ndr), inserendo queste lettere nel bilancio». «Siamo convinti di aver operato correttamente - precisa Broglia -, ciononostante ne prendiamo comunque atto e regolarizziamo anche questa posizione».
Per il resto, conclude Vignali, «altri rilievi significativi non ce ne sono, se non generiche raccomandazioni sull’utilizzo degli oneri e sul controllo delle società partecipate». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva.

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"