20°

Parma

La sfida di Mario. E le parole di Marco Paolini

La sfida di Mario. E le parole di Marco Paolini
Ricevi gratis le news
0

Laura Ugolotti

Nulla è perso se non quello che si abbandona». E’ la frase incisa sulla targa del premio Mario Tommasini 2011, voluto dall’omonima Fondazione e consegnato ieri all’attore e autore teatrale Marco Paolini. La frase riassume alla perfezione lo spirito di Tommasini, che il premio intende incarnare e far crescere: la capacità di credere in quello che si fa, nella difesa degli ultimi e la volontà di tradurre l'impegno in azioni concrete.
La cerimonia di consegna si è tenuta ieri, alla Casa della musica, dove Paolini è arrivato con un po’ di anticipo per poter visitare la mostra «I luoghi di Mario Tommasini», allestita sotto i portici. Nella visita è stato accompagnato da  narratori d’eccezione, Fabio Fecci e Bruno Rossi, amico di Tommasini e presidente della Fondazione, che ha fatto rivivere con i suoi aneddoti la storia di «quell’operaio che ha “scaravoltato” la città». «Abbiamo scelto di premiare Paolini - ha spiegato il presidente  della Fondazione- per il suo “Ausmerzen. Vite indegne di essere vissute”». Uno spettacolo, «anche se il termine spettacolo è riduttivo», ha sottolineato Rossi, che racconta gli esperimenti di eugenetica che i nazisti condussero ai danni di malati psichici e portatori di handicap dal 1934 al 1945. «La sua capacità di raccontare - aggiunge Rossi -, di far rivivere le storie e coinvolgere il pubblico, è straordinaria». «Quindi ci dica quello che vuole - ha detto rivolgendosi a Paolini - a noi basta sentire la sua voce». E l’attore l’ha fatta sentire la sua voce: per pochi minuti, con un tono pacato ma incredibilmente incisivo. «Quelli che sono stati premiati prima di me sono tutti preti o attori borderline: cercate anche qualche altra categoria», ha esordito, scherzando, Paolini.
In effetti, la prima edizione del Premio Tommasini, nel 2008, andò a Don Luigi Ciotti, poi al clown franco-algerino Miloud Houkili e, l’anno scorso, a don Andrea Gallo. «C’è una sostanziale differenza tra loro e me - spiega Paolini -: la continuità. Con i miei spettacoli affronto temi diversi e ogni volta parto da zero: la storia, come inizia così finisce. La continuità, invece, è delle persone che lavorano ogni giorno; e la continuità non paga, perché porta all’isolamento, ad essere tagliati fuori. Lo sanno bene don Ciotti e don Gallo, preti che non vanno d’accordo con i preti». La continuità è anche quella di Mario Paolini, fratello di Marco; operatore sanitario e autore dello spettacolo «Ausmerzen», con cui l’attore ha voluto condividere il premio. «E’ facile premiare chi appare - spiega Marco Paolini -, ma forse dovremmo guardare di più allo sforzo di quelli che costruiscono, che fanno cose concrete quotidianamente». «Ho visto le foto della mostra - continua Paolini -; rappresentano ciò che è capace di fare la forza della continuità, sono le storie di follie realizzate. Poi vedo noi, che a queste cose non crediamo più, e non mi rassegno a pensare che quello sia solo il nostro passato». Se la prende con la frettolosità, Paolini, con cui spesso affrontiamo la vita: «Dobbiamo  ritrovare il tempo per riflettere, per prenderci un respiro e pensare al futuro». Senza nostalgia ma tenendo presente l’esempio di «uomini solidi in una società liquida», come Tommasini. «Anche il mio mestiere è liquido e la società liquida la conosco bene - continua ancora Paolini - ma mi rifiuto di vivere senza radici, senza progetti. Per questo accetto con orgoglio il premio: porta il nome di un uomo che a me insegna la concretezza del fare».
Ed è proprio questo lo spirito del premio Tommasini: non solo ricordare, ma portare avanti il percorso che lui aveva intrapreso, «per quello che possiamo - dice Bruno Rossi -, perché lui era un carro armato, noi siamo solo lambrette, ma non ci accontentiamo della memoria». Per Mario Paolini, carri armati o lambrette, c’è posto per tutti: «I modelli da seguire, per l’integrazione, l’inclusione, il rispetto, ci sono già, specie in una Regione come l’Emilia Romagna. La responsabilità di ciascuno è quella di interrogarsi, conoscere e poi decidere da che parte stare. Marco non si limita ad aprire e chiudere porte: invita a riflettere, quindi le lascia aperte alla responsabilità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Dogman di Matteo Garrone è il candidato italiano agli Oscar

Cinema

Dogman di Matteo Garrone è il candidato italiano agli Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Auto sbanda, code in Autocisa

CARABINIERI

Operazione antidroga: arrestato tunisino sfuggito all'arresto in giugno

Il 30enne, residente a Parma, è stato fermato al porto di Genova, al suo rientro dalla Tunisia

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

2commenti

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Gazzareporter

Parma di sera vista da Giulia, 14enne appassionata di fotografia

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

2commenti

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

MOTORI

Il Motor Show diventa Festival e trasloca da Bologna a Modena

MONTE SERRA

Incendio nel Pisano: 700 sfollati, in azione i Canadair. "Scenario apocalittico" Foto

SPORT

CALCIO

Doping: Giuseppe Rossi a processo, chiesto un anno di stop

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel