16°

28°

Parma

Nuovi ambulatori al Pronto soccorso e Polo senologico unico

Nuovi ambulatori al Pronto soccorso e Polo senologico unico
Ricevi gratis le news
5

Comunicato stampa

Un ambulatorio operativo 24 ore su 24 all’interno del Pronto Soccorso di Parma per la gestione dei pazienti di minore gravità; l’attivazione al Pronto Soccorso degli ambulatori ortopedici e della sala gessi; i nuovi assetti ambulatoriali e di degenza del Dipartimento di Emergenza-Urgenza dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria; un unico Polo senologico per integrare le attività dei Centri di diagnosi, prevenzione e cura delle patologie al seno di Azienda Usl e Azienda Ospedaliero-Universitaria, già in sedi adiacenti.
Si rafforza ulteriormente l’integrazione dei percorsi di cura e assistenza diagnostica tra le due Aziende sanitarie parmensi, grazie anche a questi progetti presentati all’Ufficio di Presidenza della Conferenza territoriale sociale e sanitaria (Ctss) riunitasi ieri in Provincia.
“Continuiamo a svolgere un importante ruolo di coordinamento che produce benefici fra cui il livello avanzato in regione dello sviluppo della diagnostica nel territorio, siamo all’avanguardia per quanto riguarda la realizzazione delle case della salute e i progetti contenuti nel Pal. Siamo i primi in Regione come contenimento degli accessi al Pronto Soccorso. – sottolinea il presidente della CTss Vincenzo Bernazzoli – Questi risultati importanti evidenziano il fatto che tutto il sistema funziona. In particolare questi progetti sottolineano come si sia usciti dall’emergenza degli anni scorsi per entrare in una gestione di sistema che parte dal territorio e arriva alle strutture e che avviene grazie all’integrazione e coordinamento fra aziende sanitarie”
Il nuovo ambulatorio di prima assistenza medica all’interno del pronto soccorso di parma

Con l’obiettivo di migliorare l’utilizzo appropriato dei servizi del Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria da parte della popolazione, le due Aziende hanno elaborato un progetto, presentato oggi all’Ufficio di Presidenza della Ctss, di integrazione dell’Ambulatorio di prima assistenza medica (Punto bianco) dell’Azienda Usl con i servizi del Pronto Soccorso. L’attività dell’Ambulatorio vedrà un processo di ri-orientamento dei flussi dei pazienti verso i medici di medicina generale (in particolare quelli organizzati nelle forme associative di gruppo), e verso la nuova struttura di Pronto Soccorso recentemente inaugurata, ove sarà possibile prendere in carico i pazienti con codici di minore gravità nelle 24 ore. Non si tratta solo di un’integrazione logistica, dunque, ma di un significativo miglioramento nella continuità assistenziale nelle cure primarie, in coerenza con la programmazione e le indicazioni regionali. L’attivazione dell’Ambulatorio permetterà infatti di rispondere con maggiore appropriatezza alle esigenze di salute dei cittadini, lasciando agli altri ambulatori di Pronto Soccorso la gestione dei casi più complessi.
Nel nuovo Ambulatorio sarà così possibile risolvere gran parte dei problemi di gravità minore, evitando ulteriori disagi ai cittadini e il sovraffollamento di altre strutture specialistiche. I servizi del nuovo Ambulatorio saranno a loro volta integrati con i servizi di assistenza primaria dei Poli socio-sanitari dell’Azienda Usl, nell’ambito del progetto di realizzazione delle Case della Salute: una rete di 26 presidi socio-sanitari che si stanno progettando nei quattro Distretti parmensi (8 nel Distretto di Parma e 6 in ciascuno degli altri tre Distretti), come previsto dalla Delibera regionale n.291/2010 per integrare nel territorio l’assistenza primaria con quella specialistica, ospedaliera, della sanità pubblica, della salute mentale, e con i servizi sociali e le associazioni di volontariato.
Questo progetto di integrazione si inserisce nel più ampio sistema dell’emergenza-urgenze provinciale, composto dalla Centrale operativa del 118, dal Pronto Soccorso dell’Ospedale di Parma e da quello dell’Ospedale di Fidenza, dal Punto di primo intervento dell’Ospedale di Borgotaro, dalla rete di postazioni sul territorio e dall’integrazione con i servizi delle associazioni di volontariato (CRI e Pubbliche assistenze), che completeranno entro il 2011 il percorso di accreditamento.
Il progetto complessivo, con la denominazione “Continuità assistenziale H24 – Progetto di integrazione tra Azienda Usl e Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma per la gestione delle urgenze e il miglioramento all’accesso dei servizi di pronto soccorso”, nella seconda metà dell’anno scorso è stato presentato dalla Regione Emilia-Romagna al Ministero della Salute, che ha disposto nei mesi scorsi un finanziamento di tre milioni di euro per la sua realizzazione.
Pronto soccorso ortopedico dell’azienda ospedaliero-universitaria di parma

Due ambulatori ortopedici e una sala gessi sono stati attivati da mercoledì scorso, 13 aprile, all’interno del Pronto Soccorso del Maggiore di Parma. Si tratta di una novità dagli indubbi vantaggi logistici e funzionali: all’ingresso, il cittadino viene accolto al triage, dove gli è assegnato il codice di priorità d’accesso e, qualora presenti una patologia di tipo ortopedico o traumatologico, è inviato direttamente in visita nei nuovi ambulatori prospicienti la sala d’attesa. I locali attrezzati, nei quali è svolta attività specialistica ortopedica in regime d’urgenza, sono collocati in diretta comunicazione con l’area radiologica per le indagini di approfondimento.

I nuovi assetti ambulatoriali e di degenza del dipartimento emergenza-urgenza dell’azienda ospedaliero-universitaria

L’Azienda Ospedaliero-Universitaria amplia la dotazione di posti letto dedicati ai pazienti acuti che necessitano di essere trattati e/o stabilizzati, sia dal punto di vista diagnostico che terapeutico, ai fini della dimissione o del prosieguo del percorso di cura in un altro reparto specialistico. Questo intervento, fondato sull’integrazione dei percorsi multidisciplinari tra professionisti che operano nel campo dell’emergenza, si inserisce nell’ambito della revisione organizzativa dell’attività di emergenza-urgenza - iniziata con l’attivazione del nuovo Pronto Soccorso e che si completerà con l’attivazione dell’Osservazione Breve Intensiva (OBI) – che persegue l’obiettivo di una maggiore aderenza della risposta alle esigenze dell’utenza.
L’Ospedale Maggiore da martedì scorso, 12 aprile, accresce infatti la dotazione di posti letto del Dipartimento di Emergenza-urgenza, aumentando da 25 a 36 i letti delle strutture di Medicina d’urgenza e attivando una nuova struttura di Medicina interna, dotata di 32 posti letto, prima afferenti al Dipartimento Polispecialistico. Le unità operative sono collocate nel padiglione Ortopedie, nelle immediate vicinanze del Pronto Soccorso.
Le sezioni di Medicina d’Urgenza sono dotate di 8 postazioni  ad “alta intensità”, con apparecchiature per attività cardio-respiratoria. A disposizione dei clinici vi sono anche 6 apparecchi di telemetria medica wireless (senza fili) per il monitoraggio a distanza dei parametri fisiologici dei pazienti.
Completeranno la dotazione di risorse dedicate all’emergenza i 14 posti letto che saranno attivati  dopo l’estate nella sezione di Osservazione Breve Intensiva (OBI).  L’OBI, attigua al Pronto soccorso, sarà un’area dedicata alla valutazione dello stato clinico del paziente per definirne il successivo iter diagnostico-terapeutico. Anche alla fase in OBI potrà seguire la dimissione oppure il ricovero in un reparto di degenza.
Il polo senologico unificato

Migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie per le patologie del seno, in modo da offrire alle donne della provincia le maggiori e migliori garanzie possibili di guarigione da queste malattie.
Sono gli obiettivi del progetto di realizzazione del Polo senologico unificato, per integrare le attività del Centro senologico dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria e il Centro screening Vincenzo Bagnasco dall’Azienda Usl. Attualmente l’attività sanitaria pubblica per la diagnosi precoce e la cura della patologie al seno è così strutturata: al Centro screening Vincenzo Bagnasco dall’Azienda Usl accedono le donne nella fascia 45-74 anni che rispondono agli inviti (annuali e biennali) del Programma regionale di prevenzione ai tumori alla mammella (diagnosi di primo e secondo livello), che nel 2010 in provincia di Parma ha interessato il 63,3% della popolazione provinciale target (82.146 donne); al Centro senologico del Maggiore dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria si effettuano diagnosi e controlli specialistici per donne di qualunque fascia d’età, sintomatiche o meno, ad alto rischio o sospetto.
Il progetto di integrazione delle due Aziende ha riunito in spazi adiacenti le attività dei due Centri, ed ha avviato un progetto per uniformare le tecnologie diagnostiche in modo da mettere in rete i sistemi di visualizzazione delle immagini in digitale,  mentre si stanno definendo percorsi diagnostici e terapeutici comuni. Tutte queste azioni permetteranno di creare un contesto favorevole al miglioramento

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ANNA

    20 Aprile @ 15.53

    e comunque io a lavorare al pronto soccorso non ci andrei neanche se mi pagassero il doppio, perchè io ci sono stata tante volte da paziente, mi son guardata intorno e mi son chiesta come cavolo fanno a lavorare in quelle condizioni.......c'è della gente che pensa che quando si sta male si ha il diritto di essere maleducati. Tutto e subito!!

    Rispondi

  • ANNA

    20 Aprile @ 15.10

    e se i medici di famiglia tornassero a visitare la gente invece di mandare tutti al pronto soccorso per ogni cosetta non sarebbe meglio? Ormai nessuno vuol più prendersi le responsabilità e così la colpa se manca il ghiaccio è di quello che è a contatto con la gente. Quelli che sono in alto non hanno mai colpe.....

    Rispondi

  • em

    19 Aprile @ 22.08

    condivido pienamente il pensiero sotto riportato. Complimenti vivissimi x il servizio dato.

    Rispondi

  • nadia

    19 Aprile @ 21.43

    A volte è capitato anche a me di aspettare tanto x dei "piccoli" incidenti ma anni fa ne ebbi uno grosso e Vi assicuro che funziona tutto da trasporto, pronto soccorso, ospedale, fisioterapia, ho passato un anno duro, 2 anni di fisioteropia tramite i fisioterapisti dell'ospedale, se oggi cammino, se sono tornata a una vita normale è grazie alla professionalità che abbiamo nel ns ospedale, ho trovato oltre tutto una gentilezza infinita. Un grazie ancora a tutti gli angeli che mi hanno aiutata e se non troviamo il ghiaccio al pronto soccorso o dobbiamo aspettare passiamoci su vuol dire che non è così grave.

    Rispondi

  • gio

    19 Aprile @ 19.46

    ma scherziamo!!!!!!!!!!?solo una settimana fa mia sorella ha fatto un incidente e aveva necessita di ghiaccio x l'ematoma che andava via via gonfiandosi e chiudendo completamente l'occhio. Si e sentita rispondere che un PRONTO SOCCORSO NON AVEVA DEL GHIACCIO DA 15 GIORNI. MIi tocca di leggere dei complimenti x UN SERVIZIO PUBBLICO PAGATO CON LE NOSTRE TASSE , che definire indecente e poco? un singolo ambulatorio funzionante nel ospedale principale della citta? L'unica decenza e stata del medico di turno al maxillo facciale e del medico alla tac, che si sono preoccupati di procurare immediatamente del ghiaccio x limitare i disagi. Grazie mille a loro x la cortesia e un invito a cambiare mesterie agli adetti al pronto soccorso di parma.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Foto d'archivio

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Radio Colonia

La Germania pensa di espellere gli italiani senza lavoro

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

1commento

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"