13°

23°

Parma

Gli studenti chiedono borse di studio e occupano Ergo

Gli studenti chiedono borse di studio e occupano Ergo
Ricevi gratis le news
8

Comunicato stampa di "Studenti Autonomi in Movimento"

In questi mesi di mobilitazioni del mondo della formazione, il messaggio è stato chiaro: difendere l'università non vuol dire che è possibile salvare la qualità della didattica a spese dell'accesso alla cultura stessa o difendere l'indipendenza dei saperi prodotti a spese della dignità di coloro che nelle università lavorano in qualsiasi forma. Non si può concepire l'università come laboratorio di precarietà. Non si può concepire l'università senza reali forme di partecipazione di tutto il suo corpo vivo.

Oggi diverse mobilitazioni a livello nazionale puntano i fari sul welfare studentesco in prospettiva del 6 maggio: gli studenti hanno dato luogo ad azioni per rivendicare DIRITTO ALLO STUDIO, AL REDDITO E ALL’ABITARE che permettano di divincolarsi dalle forme di sfruttamento e dalla precarietà imperante e che garantiscano un reale accesso alla formazione.

A Roma gli studenti della Sapienza hanno occupato l'assessorato alla Casa del comune di Roma per aprire una tavolo di confronto sulla questione abitativa giovanile, sulla precarietà, sul welfare.

A Bologna studenti ed educatori sociali hanno occupato l'ufficio stage e tirocini chiedendo che il lavoro svolto venga riconosciuto non solo con i crediti formativi, ma anche con una contropartita in termini di welfare diretto e indiretto.

Anche Parma non poteva esimersi dallo scendere in campo con le sue rivendicazioni:per questo oggi abbiamo occupato gli uffici dell'ERGO, Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori, l'ente che dovrebbe garantire l'accessibilità all'università, ma, sostanzialmente, gestisce il welfare universitario come una voce di spesa da tagliare, se necessario, legata a doppio filo con la salute del mercato finanziario. Al contrario, dal nostro punto di vista, in momenti di crisi, il sistema di stato sociale andrebbe rinforzato in modo da garantire realmente l'accesso alla formazione.

Quando i lavoretti precari rappresentano l’unica possibilità di mantenersi agli studi, togliendo spazio ai propri desideri e allo studio stesso, non è possibile trovarsi di fronte a vincoli di merito per ricevere borse di studio, da cui dipende la propria formazione.

Abbiamo incontrato un dirigente dell’ERGO per mettere l’ente del diritto allo studio di fronte alle reali esigenze degli studenti.

Chiedere diritti, forme di reddito diretto e indiretto, vuole dire riappropriarsi dei propri tempi, delle proprie passioni, della possibilità di scelta. Vuole dire riconoscere che lo sviluppo non è quantificabile attraverso indici come il Pil, ma è altro. Lo sviluppo non può concepire un welfare che pensa solo alla sopravvivenza, e tante volte neanche a quella, ma è riconversione ecologica, ridistribuzione sociale, accesso al diritto, security e flexsicurity, fermento culturale.

L’occupazione ha avuto termine quando si è ottenuta l’apertura, nei prossimi giorni, di un tavolo di lavoro sulle tematiche del welfare che vedrà come attori gli studenti, il responsabile di ERGO Parma e il rappresentante dei docenti dell’Ateneo in CdA.

Le proposte che gli studenti avanzeranno sono:

· Borse di studio svincolate dai criteri di merito e che considerino le condizioni economiche soggettive prendendo atto delle forme lavorative precarie cui gli studenti sono costantemente sottoposti.

· Una reale accessibilità alla cultura.

· Riduzione del costo delle mense: 2 euro possono bastare!

· Abbonamenti annuali ai trasporti convenienti: 5 euro al mese possono bastare!

· Rete wifi libera: socialità, studio e informazione ne dipendono!
 

Prossimi appuntamenti verso lo sciopero generale:

3 MAGGIO H 17.30 AULE K FACOLTA DI ECONOMIA (via Kennedy)

4 MAGGIO H 14:00 AULA 5 FACOLTA’ DI INGEGNERIA (Campus)

6 MAGGIO H 9.30 P.ZZA SANTA CROCE: SCIOPERO GENERALE

si scrive sciopero si urla democrazia!

L'approvazione del nuovo statuto, di fatto, ratifica la Legge Gelmini come riforma strutturale oltre che come serie di tagli indiscriminati che minano sempre più le fondamenta già fragili della nostra università.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pippa

    04 Maggio @ 16.36

    Invece di studiare vanno in giro a chiedere cose assurde e utopiche:scommetterei che sono i classici figli papà che si atteggiano allo studente povero.

    Rispondi

  • manuel

    04 Maggio @ 11.48

    Richieste un pò troppo esagerate anche se si rifanno al modello sociale dei paesi scandinavi e nord europei (Olanda in particolare) che noi non ci possiamo assolutamente permettere. - Il primo punto vista la nostra situazione debitoria italiana è inattuabile, io addirittura darei delle borse di studio in base al merito e basta, senza guardare al reddito. - Il secondo punto invece è più che condivisibile. La mensa a Parma (parlo del campus dove io andavo a mangiare) è carissima e mi hanno detto che è addirittura ulteriormente aumentata. Ho mangiato in mense a Milano e Cagliari e il costo era nettamente inferiore. - Sul terzo punto concordo in una ulteriore diminuzione del costo dei mezzi, ma credere di portare a 5€/mese l'abbonamento al bus è utopico e irrealizzabile a meno che non saltino fuori quegli 8 milioni di € persi... - Wi-Fi libera. Al campus già c'era. Se intendono altro non lo so.

    Rispondi

  • Luca

    04 Maggio @ 10.24

    Di seguito i miei commenti: 1) Borse di studio svincolate dai criteri di merito e che considerino le condizioni economiche soggettive prendendo atto delle forme lavorative precarie cui gli studenti sono costantemente sottoposti. --> PRIMO: vuoi essere mantenuto agli studi? Dimostri che questo è sacrosanto mantenendo una media di almeno 26/27 (tipo i collegi di merito), SECONDO: se sei studente la forma lavorativa precaria è la migliore, il tuo lavoro è lo studio in quel momento, se vuoi veramente studiare il modo lo trovi, un sacco di posti cercano, baristi, spazzini, volantinaggio, pulizie, basta non avere la puzza sotto il naso! E i tuoi 400/500 euro minimo al mese li porti a casa sempre! · Una reale accessibilità alla cultura. --> Le biblioteche sono aperte e gratis ovunque in città. Cultura non è Facebook, o dire "sono iscritto all'università"... Cultura è volersi fare una cultura. · Riduzione del costo delle mense: 2 euro possono bastare! --> Si e i costi di gestione dove li metti? Non è che alle mense il cibo lo regalano già cotto e impiattato. Sentite me: vi fate la vostra ciotola di pasta la sera prima e ve la portate dietro per pranzo. Costo anche minore di 2 euro. · Abbonamenti annuali ai trasporti convenienti: 5 euro al mese possono bastare! --> MA vaaaa, costa 15 al mese l'annuale, due cannette in meno al mese, o un cocktail in meno e abbiamo pareggiato i conti! · Rete wifi libera: socialità, studio e informazione ne dipendono! Quella c'è in piazza Garibaldi! Per cui con un bello scranino avete tutto per farlo. Oppure all'eurotorri e state pure seduti! Qui tutto è dovuto... Sempre la solita gente... Bah... Sarete assolutamente troppi allo sciopero!

    Rispondi

  • senzaparole

    04 Maggio @ 09.20

    Diritto al reddito e abitare? Borse di studio svincolate dai criteri di merito? e più f**a per tutti no?

    Rispondi

  • tyson

    04 Maggio @ 08.13

    Vedo contraddizioni nei termini in questa faccenda. sono "autonomi" ma vogliono soldi da altri, occupano e fanno politica ma vogliono "borse di studio". com'e la storia? L'italiano è una bella lingua e molto completa, vogliopno farci credere che anche questa è cambiata? RI DI CO LI!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita.

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno