19°

32°

la lettera

Una prof del Giordani: "Ho pianto per i miei alunni umiliati alla Maturità"

Istituto Giordani

L'istituto Pietro Giordani

Ricevi gratis le news
28

Si definisce "Orgogliosamente docente del Giordani di Parma", Fabrizia Mariconda, che nell'istituto professionale insegna Lingua e civiltà straniera francese. E' lei che racconta in una lettera accorata le lacrime amarissime versate per i suoi studenti in occasione degli esami di maturità.

"Ho pianto per i miei alunni, realmente.

Ho dimostrato la mia debolezza dovuta all’affetto che nutro per loro.

Ho pianto per la rabbia di vederli massacrare da Commissari che non hanno esperienza di Professionali o che l’hanno dimenticata.

Ho pianto per gli alunni perché ho visto distruggere l’autostima che questi ragazzi hanno faticato a raggiungere.

Ho pianto perché non si è tenuto conto né dei risultati ottenuti alla fine di un percorso di studi e di vita né degli sforzi fatti per arrivare ad essere quello che sono: dei bravi ragazzi.

Ho pianto per aver visto che i loro approfondimenti non sono stati minimamente tenuti in considerazione, a giustificazione di ciò, la solita frase: hanno copiato da Internet. E’ vero, si sono informati sulla Rete, dove altro avrebbero potuto documentarsi? Hanno copiato, nel senso che hanno preso informazioni, ma le hanno messe assieme in base al loro progetto, all’argomento che avevano deciso di trattare. Questo significa copiare con cognizione di causa, non scopiazzare!

Ebbene, sono stati ascoltati solo da tre Commissari su sette componenti della Commissione. Evidentemente la loro attenzione era rivolta ad altro!

Non sono stati ascoltati, anzi sono stati interrotti, anche quando hanno voluto approfondire l’Alternanza Scuola/Lavoro, eppure parlo di una classe che ha vinto dei premi per il lavoro svolto, classe in cui tutti hanno ricevuto valutazioni distinto/ottimo per i loro periodi di stage.

Per alleviare il mio rammarico, mi si dice: è un esame poco significativo per gli studenti dei Professionali; rispondo: certo che è poco significativo, cosa si crede che questi ragazzi sappiano di “otium” e “tedium”, nella particolare interpretazione di Seneca, questi alunni non studiano né latino né filosofia, hanno scelto il Professionale!

Per finire, ho pianto anche perché la mia professionalità di docente è stata calpestata; già, io sono una docente di serie B: insegno in un Professionale!

Cari colleghi di altri indirizzi, vi invito tutti a venire a vedere, constatare, toccare con mano ciò che facciamo in cinque anni di scuola, perché questi ragazzi conquistino una curiosità delle cose, abbiano una visione critica della realtà, smettano di sentirsi delle “nullità”, possano avere, seppur piccola, una chiave di interpretazione dei fatti della vita.

Ho pianto per tutto questo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Bastet

    09 Luglio @ 20.53

    Io devo dire che ho conosciuto tanti ragazzi usciti dal liceo ed erano ignoranti più delle capre! Cara professoressa non ci sono prof. di serie A o B , ma solo studenti che hanno voglia di imparare! E si trovano nei licei come nei professionali. Continui così!

    Rispondi

  • federicot

    09 Luglio @ 18.59

    federicot

    Gli esami falliti, andati male o quelli in cui si incontra una commissione particolarmente ostica sono quelli più formativi. Quelli che contano davvero. I ragazzi in quei frangenti maturano davvero. Sono certo che i suoi ragazzi avranno preso quell' esame nel verso giusto. Saranno anche stati bistrattati, pazienza, é un esame importante, una difficoltà da superare. Non sempre é il voto che determina la maturità di un ragazzo, ma la reazione alla difficoltà

    Rispondi

  • sterminatore

    09 Luglio @ 18.39

    Cara Prof.Mariconda, rifletta meglio e non pianga. Si chiama esame di maturità, ma ha mai capito cosa significa? Si tratta della loro prima "prova" di adulti, davanti a qualcuno che non conoscono, che forse li ascolterà e forse no, che non saprà nulla del loro impegno o della loro vita. Il mondo degli adulti è questo: sacrificio, fortuna, sfortuna, schiaffi, soddisfazioni, lavoro... senza sapere mai chi ti troverai davanti. I suoi ragazzi hanno trovato qualcuno che non li ha capiti o ascoltati. Sa quante volte capiterà? La maturità starà nel tener duro, impegnarsi ancora di più, non mollare mai e raggiungere gli obiettivi. Maturità sarà lavorare onestamente e guadagnarsi lo stipendio con la propria applicazione, facendo il bene dell'organizzazione privata o pubblica che li accoglierà come adulti a dare il proprio contributo. Meglio, invece, non aprire il capitolo sulla scuola italiana e di quanto riesca oggi a rispondere alla competitività richiesta alle aziende che si misurano sui mercati globali. Sarebbe un ragionamento lungo e complesso. Professoressa, non si sminuisca perché chi insegna in un professionale con passione e capacità fa un lavoro importantissimo: solo gli ignoranti non sono in grado di capire. Si faccia, piuttosto, due domande. E' riuscita a trasmettere a questi ragazzi i valori che servono a essere buoni cittadini e adulti responsabili? Le insegna francese: se uno di loro dovesse telefonare domattina a Parigi, dovendosi spiegare anche su cose complesse, riuscirebbe a capire facendosi capire e a ottenere ciò che cerca? Riuscirebbe a fare lo stesso Se la risposta è sì ad entrambe le domande allora lei non deve piangere, ma essere felice. E molto!

    Rispondi

  • mino

    09 Luglio @ 18.28

    Michele la tua sensibilità commuove è evidente che oltre a non avere figli non sei andato oltre la scuola materna

    Rispondi

  • Luciano

    09 Luglio @ 17.50

    ho insegnato per decenni nei professionale, ed ora in un "liceo". I ragazzi sono tutti uguali, chi più chi meno ha attitudine allo studio. Io penso che una buona riforma della scuola potrebbe inserire l'alternanza degli insegnati. Mi spiego: ogni tanti anni, tutti devono provare ad insegnare, almeno per 3 anni, in altre scuole. I prof. dei licei nei professionali, partendo dalle prime, scambiandosi con i prof dei professionali che troverebbero un periodo di "riflessione" nei licei. Se i ragazzi sono uguali, non sono uguali i contesti in cui vivono e si trovano. Concordo che da parte di alcuni colleghi sia necessaria un poco di esperienza in contesti diversi. Mi ricordo di un esame di stato come membro interno, in un alberghiero. Due insegnati "esterne" si lamentavano che alcuni alunni non erano in grado di argomentare in maniera approfondita, e con padronanza di linguaggio, gli argomenti di letteratura italiana e inglese. Indubbiamente carenti sotto questi aspetti nei confronti dei loro colleghi dei licei. Ma i liceali sarebbero stati capaci di confezionare un piatto elaborato? Una preparazione gastronomica originale? Di sbucciare un arancio al tavolo e servirlo come si deve?? Riflettano i colleghi, Pascoli non sì è mai occupato di cucina nelle sue poesie...

    Rispondi

    • Andreaparma

      09 Luglio @ 23.07

      Veramente centrata questa ottima e professionale osservazione. Dipinge la realtà, non ciò che immaginiamo essa sia.

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Realcake dinastico

LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

Bohemian Rhapsody: ecco le prime scene del film sui Queen

CINEMA

Bohemian Rhapsody: ecco le prime scene del film sui Queen Video

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia

PGN

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Paura per un uomo armato di coltello

Viale Duca Alessandro

Paura per un uomo armato di coltello

Denunciato

Il commesso ruba nel proprio negozio

MUSICA

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era Foto

GUERRA DELL'ONU AL PARMIGIANO

Beltrami: «Grave errore demonizzarlo»

1commento

INCENERITORE

Al coro dei «no» si unisce Franco Maria Ricci

Berceto

Sciacalli a Valbona, rubate le pietre del «Castello»

Parma calcio

Carra: «Siamo ottimisti e il mercato procede ma che danno d'immagine per noi»

DAL RITIRO

Rigoni raggiunge la squadra. Fermo Iacoponi, Scozzarella si allena a parte Video

Anche Carra e Faggiano dai giocatori a Prato allo Stelvio

Enpa

Gatti, è allarme randagismo

Università

Reggio, ritardi al test di Psicologia

Il caso

Sale e grassi: l'Onu dichiara "guerra" al Parmigiano. Poi la marcia indietro: "Solo una dichiarazione politica"

24commenti

parma

Portata con l'inganno in Italia e costretta a prostituirsi: minorenne salvata dai vigili

2commenti

12 tg parma

Migranti, la nuova mappa dell'accoglienza Video

PARMA

"Sì al divertimento sicuro": l'alcoltest davanti a locali e ingressi di feste Video

Ecco il calendario delle uscite dal 20 luglio in poi

Paura

Adolescente scompare nel nulla. Ore di angoscia per i genitori

Processo sms

La Procura picchia duro

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

4commenti

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

di Chichibio

ITALIA/MONDO

MILANO

Kabobo in carcere lavora e studia l'italiano

1commento

GRAN BRETAGNA

Spia russa avvelenata: identificati i responsabili, coinvolti diversi russi

SPORT

ciclismo

Tour: Thomas vince l'11ª tappa ed è la nuova maglia gialla

EDITORIALE

Va in scena «Il processo» di Kafka

SOCIETA'

curiosità

Spopola sul web il primo robot in cerca di un'anima

VERONA

Grave tamponamento in A4: ferite due donne, indagato l'attore Marco Paolini

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani