17°

28°

Parma

Alberto Guareschi: "Quanta amarezza per mio nipote"

Alberto Guareschi: "Quanta amarezza per mio nipote"
Ricevi gratis le news
4

di Egidio Bandini
Il Magrino, Cino Delpiò, il piccolo Lenin. Quanti bambini ritroviamo nei racconti di Giovannino Guareschi, tutti nati dalla fantasia inesauribile del papà di don Camillo e Peppone. E c’è un altro bambino, strettamente legato a Guareschi, protagonista suo malgrado di una storia vera: una storia che supera, però, anche la più fervida fantasia. Il piccolo in questione è il pronipote di Giovannino, figlio di una delle figlie di Alberto, l’arcinoto Albertino del «Corrierino delle famiglie», che ricostruisce così i fatti: «Il bambino, nel 2005 a seguito della rottura del rapporto tra i genitori era affidato alla madre dall'Autorità Svizzera: viveva infatti, dalla nascita, in Ticino. Nel 2006, durante una visita al padre in Italia, il bimbo era trattenuto con provvedimento ai sensi dell'art. 403 c.c.; interveniva il Tribunale per i Minorenni di Bologna. Il bimbo era affidato ai servizi sociali di Fidenza e collocato presso il padre.» Se ne è occupata anche la stampa nazionale. Michele Brambilla scrive su «La Stampa» del 10 maggio: «Insomma: da cinque anni il bambino è in Italia, con il padre; la mamma Guareschi può vederlo solo una volta ogni due settimane alla presenza di assistenti sociali; il Tribunale dei Minori di Bologna dice che è giusto così. I Guareschi non capiscono il perché. Le accuse di maltrattamenti rivolte alla mamma, infatti, sono state ritenute infondate non solo in Svizzera, ma anche in Italia. Il 21 aprile 2009 il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Parma ha infatti così respinto la denuncia del padre: «Si deve rilevare che non sono emersi elementi di riscontro alle denunce del signor... e pertanto non sia possibile ritenere che effettivamente il bambino sia stato oggetto di maltrattamenti da parte della madre o dei suoi familiari. Per tali motivi codesto giudice ritiene di dover accogliere la domanda di archiviazione avanzata dal pubblico ministero. Il 23 luglio 2009 la Commissione tutoria svizzera si pronuncia un'altra volta, ribadendo che il piccolo è affidato alla mamma. Ma il piccolo è sempre in Italia, con il papà. Così ha deciso «in via definitiva» il Tribunale dei Minori di Bologna. Anche se per ben due volte - il 18 dicembre 2007 e il 9 dicembre 2010 - la Corte d'appello di Bologna «dichiara il difetto di giurisdizione del predetto Tribunale ad adottare il provvedimento definitivo impugnato essendo competente in merito l'Autorità Giudiziaria Svizzera ai sensi dell'articolo 1 della Convenzione dell'Aia del 5-10-1961». Davvero una situazione che sembra continuare ad ingarbugliarsi anche se, sempre su «La Stampa», il professor Carlo Rimini, ordinario di Diritto Privato all’Università di Milano sottolinea: «Non sono più tollerati i colpi di mano. Lo afferma la Convenzione dell’Aja del 1980 sulla sottrazione internazionale dei minori che l’Italia ha ratificato nel 1995. Ciò significa che, se un genitore trasferisce un bambino dallo Stato di residenza abituale ad un altro Stato, senza il consenso del genitore che ha il diritto di decidere sulla sua residenza, i giudici del luogo dove il bambino è stato illegittimamente portato devono ordinare l’immediato ritorno del bambino nel luogo in cui viveva». La vicenda del pronipote di Giovannino dura ormai da cinque anni, anni durante i quali, dice ancora il nonno Alberto: «Per un intero anno la mamma ed il bimbo non hanno potuto incontrarsi, né telefonarsi; ora si vedono un'ora e mezza al mese, sempre sotto stretta sorveglianza». Questioni giudiziarie a parte, lo stesso professor Rimini rimarca che: «Le storie dei bambini sottratti - portati, dopo la separazione dei genitori, dal papà o dalla mamma lontano dal luogo in cui sono cresciuti - sono storie di bambini infelici». Per questo la riflessione di nonno Alberto è davvero amara: «Mi chiedo: se le accuse mosse a mia figlia sono cadute, perché lei ed il suo bimbo sono ancora separati? Perché possono vedersi solo due volte al mese per un’ora e mezza sotto strettissima sorveglianza? E ancora mi chiedo: perché le decisioni della vicina Svizzera sull’affido di mio nipote non sembrano tenute in alcuna considerazione in Italia? Concludo amaramente ricordando come mio padre, anche dopo l’ingiusto trattamento ricevuto dalla giustizia, fosse riuscito a non vergognarsi mai di essere un italiano: io, considerando con amarezza quanto sta succedendo al mio nipotino e a mia figlia, non so se, come lui, riuscirò ad amare ancora il mio Paese e a sentirmi ancora fiero di essere italiano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Andrea

    04 Giugno @ 09.36

    Ho conosciuto la vicenda e prima di dare un commento a vanvera bisognerebbe conoscere REALMENTE come sono andate le cose. A partire da un padre NN che in realtà esisteva... Evitate i commenti senza sapere. E' una roba assurda!

    Rispondi

  • Marco Delpino

    04 Giugno @ 08.57

    Sono vicino ad Alberto con tutta la solidarietà possibile, e dico "non scoraggiatevi! La Provvidenza è grande e aiuterà le persone perbene come voi!". Con amicizia e affetto.

    Rispondi

  • Edi Morini

    03 Giugno @ 16.30

    Da troppo tempo strajè in Piemonte, quando posso torno volentieri a Parma e sempre faccio tappa dalla famiglia Guareschi, di cui ben conosco le ottime qualità morali. Spero che quanto prima il suono gioioso della Gertrude festeggi il ritorno del bambino tra le braccia della mamma, dei nonni e di un affezionato clan di zii e cuginetti. Forza, Alberto!!

    Rispondi

  • Edi Morini

    02 Giugno @ 12.54

    Esprimo alla famiglia Guareschi, che conosco da sempre, la mia più totale solidarietà. A Giovanna e al bimbo, una montagna di bacioni

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Giulia: «Volate oltre l'odio»

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

parma calcio

D'Aversa promuove Gervinho: "Per Parma fa la differenza" Video

viabilità

Domani chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati Video

PARMA

Gervinho, che gol!

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

ricerche in corso

Albareto, soccorsi attivati per un altro fungaiolo disperso

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

1commento

SPORT

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

Moto

Super pole di Lorenzo, pasticcio Valentino Rossi: 18esimo

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"