14°

22°

Parma

Ruba una bici e se ne va: fermato 38enne, denunciato per furto di bici poche ore prima

Ricevi gratis le news
27

Ha scelto una bici parcheggiata in centro, l'ha sollevata e se n'è andato con il veicolo sotto braccio. Un tentativo di furto andato male a un napoletano 38enne che abita in città. Non solo, per lui sembra essere una specie di abitudine: fra aprile e maggio ha collezionato quattro denunce per furto di bici. La penultima... poche ore prima.
Ieri pomeriggio un barista della zona di via Garibaldi lo ha visto passare con la bici sottobraccio: la scena gli è sembrata sospetta. In effetti poco dopo la polizia ha trovato il 38enne mentre cercava di spaccare il lucchetto con un bastone. L'uomo è stato denunciato in questura. Poche ore prima, ieri mattina, il napoletano era stato denunciato per un furto di bici. Altre denunce sono state fatte lo scorso 8 aprile dalla polizia, il 25 aprile dai carabinieri. In tutto, quattro nel giro di nemmeno due mesi.
Oggi si tiene il processo per direttissima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • simone

    27 Maggio @ 13.26

    @GB il confronto con lei è sempre stimolante. e citi pure, molti non parmigiani apprezzeranno. Forse non ha capito bene il mio intervento: i dettagli che chiedevo in aggiunta alla cronaca non erano per determinare altre fasce di delinquenti ma al contrario per capire quali sono PER VOI i dettagli che vale la pena riportare e quali tralasciare. Avete voi stessi ritenuto più indicativo il dettaglio de NAPOLI che il modello della bicicletta o la condizione sociale del derubato (magari napoletano pure lui). Fate pure voi un esamino di coscienza. Possiamo essere ipocriti "fino in fondo" e dire che siamo tutti uguali, ma non è così. non dico che c'è chi è meglio e chi è peggio, ma che culturalmente non siamo tutti uguali. (per fortuna) inconfutabile. e in certe circostanze l'indole di una persona emerge e si distingue dagli altri in base alla sua cultura e alle sue tradizioni. se vogliamo dire che tutto il mondo è uguale a Napoli allora viviamo pure nell'ipocrisia di dirlo. Il povero Napoletano che ha rubato la bici, forse è talmente indigente da non potersi spostare a piedi per la città, o per comprare qualche biglietto del bus per attraversare il centro. Oppure per lui il proprietario delle bici non se la meritava questa bici e ha convenuto che servisse più a lui che al legittimo proprietario. Taglio la testa al toro: credo che a Napoli sia facile delinquere e forse, si è più spinti a farlo, credo sia addirittura un fatto "moralmente accettato" se non l'espediente più diffuso per tirare avanti. qui no. questo almeno è la percezione che ho e se vogliamo, pure indotta dai media. Forse ha ragione lei. è colpa della società che discrimina chi delinque. Non tutti gli immigrati delinquono, non tutti i meridionali, non tutti i napoletani e non tutti i 38 enni, ma senza ipocrisia cominciamo a pensare che non è il "paese ospitante" ad avere sempre torto e cominciamo a capire davvero dove sta la responsabilità della collettività (società civile e aministrazione pubblica) e dove quella del singolo. ..anche se poi, tutto mondo è paese.

    Rispondi

  • LUCA

    27 Maggio @ 12.22

    ho appurato che è lo stesso tizio che mi ha rubato la bici l altra notte....io le facce non le dimentico,e nemmeno lui si dimentichera' del mio crick.......

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    27 Maggio @ 11.19

    @yatta - Non le citerò il poco elegante detto parmigiano secondo il quale quando si pesta è meglio non ecc. ecc. , nè ho la presunzione di farle cambiare le sue idee. Ma per mantenerle, non ci attribuisca cose non vere: noi non mettiamo "il dettaglio della napoletanità", ma mettiamo "tutti" i dettagli che abbiamo su una notizia. Se lo sappiamo, scriviamo che è uno giovane/vecchio, alto/basso, uomo/donna. Se sappiamo che è parmigiano lo scriviamo, idem se è milanese, straniero o - appunto - napoletano. Ma visto che lei vuole perseguire questa strada, allora lo faccia fino in fondo. Se noi scrivessimo ogni volta - come lei chiede nel suo post - anche il colore degli occhi, al secondo rapinatore con gli occhi azzurri lei prenderebbe il pc e ci scriverebbe per chiedere il rimpatrio di tutti quelli con gli occhi azzurri...? Ovviamente no. Allora, se vuole che la segua, proviamo a fare un ragionamento leggermente diverso. Un conto è ammettere le difficoltà e gli effetti collaterali che può portare con sè un massiccio fenomeno di immigrazione (che si tratti di africani, di meridionali, o di italiani in America come avvenne per decenni). E questo significa, sì, che chi sbaglia deve pagare (che si chiami Gennaro Esposito da Napoli o Gabriele Balestrazzi pramzan dal sàs), ma significa soprattutto lavorare per eliminare qauelle difficoltà, di fronte a un fenomeno che - come hanno più volte spiegato in modo ben più autorevole del mio - è comunque inarrestabile, e per certi versi necessario per il nostro benessere cui tanto teniamo, e domani anche per tante nostre pensioni. Ben diversa è una sentenza da "bar sport" basata sul fatto - vero o presunto - che nella percentuale dei reati gli africani o i napoletani sono proporzionalmente più "avanti" dei parmigiani genuini. Certo, non siamo tutti uguali, ma non solo in base alla carta d'identità. Ci sono parmigiani di cui essere orgogliosi e altri di cui dovremmo vergognarci, e così per i napoletani. Se perdessimo meno tempo a discutere sulle etnìe, e più a preoccuparci dei problemi concreti e delle loro soluzioni, avremmo fatto un grande passo avanti., e magari ci treoveremmo più spesso d'accordo e perderemmo meno tempo a dividerci. Tutto qui. (G.B.)

    Rispondi

  • "eterosessuale"

    27 Maggio @ 09.51

    Ma possibile che i Parmigiani sono tutti come quelli che leggo nei commenti?! Non ci voglio credere. Io sono Parmigiano e mi vergogno.

    Rispondi

  • simone

    27 Maggio @ 08.53

    @REDAZIONE grazie per la lezione di politically correct e di libertà di stampa, siete sempre il mio esempio. Il dettaglio della "napoletanità" lo avete messo voi e i casi sono 2: o non aggiunge niente alla cronaca e quindi è superfluo e discriminatorio, oppure è un dettaglio che aggiunge forma e sostanza e quindi è normale diventi un punto su cui soffermarci , altrimenti, sempre per dovere di cronaca avreste detto anche l'altezza, l'aspetto fisico, il colore delgi occhi, il modello delle bici... Vi fa comodo lanciare il sasso e nascondere la mano, ma va bene così lasciate che altri si sporchino le mani. Non è certo quella bicicletta e quel povero disgraziato a tracciare lo stereotipo del napoletano. Ci hanno pensato loro stessi, per quanto mi riguarda, in almeno 30 anni di storia. se vi fa comodo che una persona rappresenti la sua città all'estero, nel bene, è normale lo faccia anche nel male. Provate ad andare in molte località turistiche (Grecia, spagna ecc) e dite di essere italiani, poi sentiamo i commenti. DI certo se dico di venire da Parma non tengono stretti il portafoglio pensando a Tanzi. Se nemmeno a me piacciono le discriminazioni, non si può nemmeno far finta di essere tutti uguali e che ognuno non abbia una cultura diversa e diversi atteggiamenti culturali verso il rispetto degli altri e delle regole.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Avicii, la famiglia rivela: "Non poteva più andare avanti"

MUSICA

Avicii, la famiglia rivela: "Non poteva più andare avanti"

Baye litiga con Aida per il tiramisù: invettive e intimidazioni. E il "Grande Fratello" minaccia provvedimenti

TELEVISIONE

Baye-Aida, violento litigio: il "Grande Fratello" minaccia provvedimenti Foto Video

Cafè Tano: la laurea  di Biagio Foto: ecco chi c'era alla festa

PGN FESTE

Cafè Tano: la laurea di Biagio Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Salvato dall'infarto grazie all'holter

Sanità

Salvato dall'infarto grazie all'holter

TRAVERSETOLO

Allarme droga: siringhe nei bagni pubblici

Progetto

Largo ai giovani con la Dallara Academy

1commento

SALSO

Lo Street Talk di Villani in onda in tutt'Italia

WHATSAPP

«Solo dopo i 16 anni? Giusto, ma non basta»

2commenti

FIDENZA

Addio a Rina Guidelli, esperta contabile e borghigiana doc

Intervista

Anna Pirozzi, diva in Tosca: «Ringrazio mio marito»

gazzareporter

"Parco Bizzozero, perché il secondo cancello resta chiuso?". E intanto i vandali...

IL CASO

La Bandiera Lilla sventola su Fontanellato: il turismo per i disabili

BASSA

Ponte sul Po fra Colorno e Casalmaggiore: a giugno il bando, in primavera la riapertura

Il ponte sarà restaurato e riaperto al traffico: ecco le prossime tappe dell'iter

1commento

vigili del fuoco

Pitone di oltre un metro in un tombino di via Treviso Video

5commenti

il caso

L'inquilina (abusiva) accoglie i proprietari con il coltello

3commenti

Evento

Torna (parco Ex Eridania) il concerto del 1° Maggio a Parma Il programma

TRUFFA

Vende il camper, ma gli rifilano un assegno falso da 30mila euro

3commenti

Prevendita al via

Parma-Ternana, torna "Porta due amici in curva"

GOVERNO

Danni da maltempo: dichiarato lo stato di emergenza anche per l'Appennino di Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pd-Di Maio ultima chance per evitare le elezioni

di Vittorio Testa

6commenti

CHICHIBIO

Ustaria dal m’rcà: tradizione fatta in casa con fantasia

1commento

ITALIA/MONDO

violenza

Studentessa accoltellata in centro a Milano per rapina

morbegno

Ritrovata Rebecca, la 15enne scomparsa in provincia di Sondrio

SPORT

PARMA BASEBALL

400 giocatori in 60 anni di storia

PARMA CALCIO

Verso Vercelli: Vacca torna in gruppo, si lavora per il recupero di Scavone Video

SOCIETA'

Posta elettronica

Google cambia Gmail: ora i messaggi si autodistruggono

GAZZAREPORTER

Lago Santo: 25 Aprile al rifugio Mariotti

MOTORI

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel

2commenti

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone