11°

18°

VIA BURLA

Fiammetta Borsellino a tu per tu coi detenuti per mafia: "Potete ancora riparare"

Fiammetta Borsellino a tu per tu coi detenuti per mafia: "Potete ancora riparare"
Ricevi gratis le news
0

Era accaduto solo altre due volte: in un carcere minorile e a maggio, quando ha chiesto di incontrare i fratelli Graviano, accusati della strage di via D'Amelio. Mercoledì la figlia più giovane di Paolo Borsellino ha varcato le porte dell'istituto penitenziario di via Burla per uno straordinario colloquio con i redattori-detenuti del giornale del carcere. Un dialogo intensissimo, non sempre facile e con momenti di grande commozione.

CHIARA CACCIANI

«Ma è vera questa cosa che l’abbiamo qui?», si chiede sussurrando Antonello. «Sono commosso», le dirà poco dopo, al suo turno nel giro di presentazioni. «Anche io», risponde lei, voce e occhi. Lei che poi così si descrive, semplice e potente: «Mi chiamo Fiammetta, ho 45 anni e sono la terza figlia, la più piccola, di Paolo Borsellino, di cui voi certamente conoscerete la storia». C’è un silenzio di attesa già ripagata e di attesa di qualcosa che certamente verrà, nella redazione. Che non è una redazione qualsiasi, come non lo è l’intervistata.

Carcere di via Burla, comparto scuola, ultima stanza dopo l’infilata di controlli, muri, sbarre e scattare di porte che si aprono a distanza. E’ lì che ha sede «Ristretti orizzonti», il giornale nato in carcere e coordinato da due giornaliste, Ornella Favero e Carla Chiappini. In redazione, una decina di detenuti che hanno già scontato oltre 20 anni: c'è chi dietro le sbarre si è laureato, chi sta scrivendo la tesi, tanti i siciliani («compaesani», li accoglie - invertendo i ruoli - l’invitata), otto i condannati all'ergastolo ostativo. Fine pena mai, per loro, e mai un permesso d’uscita: lo sancirono proprio le leggi emergenziali varate dopo la strage di via D’Amelio, che seguiva di 57 giorni quella di Capaci. E in questo lungo dialogo tra vittima e colpevoli - di altre storie ma dallo stesso humus - emergerà anche quello: il legame percepito tra i destini, la distanza - anche - della rispettiva rielaborazione, la tentazione di risposte "facili". E un altro finale possibile.

Discretissimo, quasi pronto a scomparire, c'è anche un giovane assistente di polizia penitenziaria che ha chiesto di poter ascoltare.

Parte dalle origini il racconto della figlia del riconosciuto eroe Paolo, da quel bambino che «arrivava da un quartiere malfamato, da cui sono usciti grossi personaggi criminali. Ce le raccontava, le partite a calcio in piazza coi figli dei boss. Ed è lì che è maturata la sua scelta».

Parla dell’insegnamento che ha tratto «da questa vicenda familiare dolorosa: il coraggio è andare avanti anche di fronte ai pericoli. Mio padre era consapevole dei rischi per se stesso e per noi, ma non si è mai nascosto e ha sempre camminato a testa alta. A differenza di chi - appostandosi, tramando, nel silenzio e nella copertura di tutti - ha organizzato la sua morte». Sfilano le curiosità ben documentate dei redattori-detenuti («Leggo tantissimo - dice Carmelo - Purtroppo ho iniziato solo dopo l’arresto…»), si parla di depistaggi, pentiti, processi da rifare, coinvolgimento di elementi deviati dello Stato. «La morte di suo padre - le dice qualcuno - noi l’abbiamo pagata due volte: perché ingiusta e perché quelle leggi speciali hanno avuto ripercussioni pesantissime anche su di noi». «Vi chiedo di uscire da questa condizione vittimistica - risponde lei con lucida grazia - Questo regime l’avreste dovuto scontare comunque, per ciò che avete commesso. L’inasprimento delle condizioni, invece, purtroppo è dovuto al fatto che la violenza genera risposte violente, ed è per questo che va rifiutata a monte. Io non ho mai pensato che il dolore che provo sia diverso da quello del figlio di un mafioso ucciso». Invita ad avere fiducia nelle istituzioni («con tante persone che combattono per la verità, guardate il caso Cucchi»), a non affievolire nelle responsabilità dello Stato le proprie.

E poi il passaggio che ferma per qualche secondo il respiro: «Mio padre ci ha insegnato che si può morire con dignità quando si vive con dignità. E si può morire con dignità anche quando, dopo aver fatto cose gravissime, si arriva a riconoscere i propri sbagli, a prendere le distanze e a cercare di riparare».

Riparare. E' su questa parola che roteerà lo scambio successivo: non facile, non univoco, smussato proprio da questa figlia che racconta la spinta emotiva che a maggio l’ha portata per la prima volta in un carcere, ad incontrare i fratelli Graviano, accusati della strage di via D’Amelio. «E non è stato per la ricerca di una verità a cui comunque tutti dobbiamo aspirare, ma per il bisogno di raccontare loro tutte le sofferenze che ci hanno causato. Perché io credo nelle persone, nel cambiamento e nei miracoli».

«Cosa possiamo fare noi per aiutarla?», è la domanda di Claudio che spalanca la strada. «Si combatte la mafia col cambiamento culturale, ciascuno nel proprio campo, e col rispetto delle regole. E poi c’è la riparazione concreta: ciascuno di voi ha una vittima a cui consegnare un pezzo di verità, a cui chiedere scusa». C’è chi frena («i familiari delle nostre vittime non sono come lei, dottoressa: sono come noi…»), chi annuisce: «L’ho chiesto e spero di avere presto un incontro con loro», si commuove Antonello; «Sto scrivendo un libro che racconti come sono finito così: spero serva a salvarne almeno uno», continua Antonio. Nasce l’idea di una testimonianza a più voci in diretta video con una scuola del Sud.. «Me ne vado da qui con grande serenità: per me sapere che oggi avete un’altra vita è una vittoria», sorride loro Fiammetta Borsellino. «Non è un arrivederci per sempre, vero?» chiede Giovanni. «No: se partiamo con un progetto, io ci sono». Concretamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le bellezze dell'Eicma 2018: foto

MILANO

Le bellezze dell'Eicma 2018: foto

Suora salta i tornelli ed entra in metropolitana

ROMA

Suora salta i tornelli ed entra in metropolitana senza biglietto Video

La Egonu si consola con Skorupa, dopo la sconfitta bacia la fidanzata a bordocampo

Foto dalla Gazzetta dello Sport

PALLAVOLO

Paola Egonu bacia la fidanzata Kasha Skorupa a bordo campo

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gomme da neve dal 15 novembre

PNEUMATICI

Gomme invernali: tutto quello che devi sapere. Dal 15 il cambio

Lealtrenotizie

Aversa si dimette da Ateneo e Ospedale, ma deve restare ai domiciliari

CONQUIBUS

Aversa si dimette da Ateneo e Ospedale, ma deve restare ai domiciliari

VACCINI

Parma, gli studenti non in regola sono 7mila

FIDENZA

Scuolabus, nuovi disagi. Il Comune: «Sostituiamo la ditta che ha in appalto i trasporti»

URZANO

Cerva uccisa da un bracconiere

Zibello

Raid all'alba in una villetta : rubato anche il liquore

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

ICT

Cdm: con l'ingresso in Lutech si rafforza la nostra identità

Calcio dilettanti

Simone Pompini, il gol nel sangue

Collecchio

Vandali al Mainardi se la prendono con un cestino e un estintore

carabinieri

Denunciato il giorno prima per spaccio, cambia zona ma non "mestiere": (ri) arrestato

BUSSETO

Bimbo di 8 mesi si ustiona con l'acqua bollente Video

Incidente domestico: sul posto ambulanza, automedica ed elicottero del 118. Il video del 12 TgParma

PARMA

Auto parcheggiata male blocca gli autobus: ingorgo in stazione Video

3commenti

Parma

E' cominciato l'abbattimento degli alberi sullo Stradone Video

gazzareporter

Il Natale si avvicina: tornano le luminarie (in via Cavour) Foto

Il fatto del giorno

November Porc, a Zibello protagonisti Piovani e il "dream team" di ospiti della Bassa

PARMA

In fiamme il tetto di una villetta: lungo intervento dei vigili del fuoco Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La politica ha perso il significato delle parole

di Paolo Ferrandi

PENSIONI

Con quota 100 assegno ridotto. Ecco perché

ITALIA/MONDO

Lavoro

Il giudice dà ragione a Ikea: licenziata la mamma con un figlio disabile a casa

Roma

Arbitro pestato dopo due espulsioni, interviene il governo, Salvini: "300 in un anno, follia"

SPORT

gazzatifosi

Un "Forza Parma" anche alla Bombonera per Boca-River Foto

germania

Bayern Monaco, Ribery perde la testa: schiaffo a un giornalista

SOCIETA'

"Respiro libero"

I bambini della Corridoni recitano in inglese contro lo smog

verona

Fanno sesso su una panchina in un parco pubblico, arrestati

MOTORI

MOTORI

La Hyundai i20? Si compra su Amazon. Ma solo a novembre

MOTORI

Skoda Connect: la quotidianità è digitale