16°

28°

Parma

Il papà di Emmanuel in aula: "Quella sera mi è sembrato mezzo morto"

Il papà di Emmanuel in aula: "Quella sera mi è sembrato mezzo morto"
Ricevi gratis le news
5

"Un occhio gonfio, la faccia cambiata, un modo di camminare diverso: mi sembrava mezzo morto". Così Alex Bonsu ha raccontato questa mattina il suo primo impatto con il figlio Emmanuel, nel comando della Polizia municipale, dopo essere stato avvertito dell'arresto del giovane.

La cronaca della deposizione - «Mi accorsi che le ferite non erano quelle di chi cade a terra. Mi sembrava mezzo morto». E' l'impressione che Emmanuel Bonsu, il giovane ghanese arrestato «per sbaglio» il 29 settembre 2008 durante un’operazione antidroga dei vigili urbani di Parma, fece a suo padre Alex subito dopo la cattura. A ricordarlo è stato il padre, sentito oggi nel processo in corso a Parma contro otto dei 10 agenti che avevano partecipato al fermo.

L'uomo ha raccontato di aver ricevuto una telefonata a casa la sera dell’arresto del figlio. «La persona che mi aveva chiamato mi spiegò che dovevo andare al comando per riprendere Emmanuel. Io non avevo capito bene quello che era successo. Per questo presi con me mio figlio Giosuè (all’epoca quindicenne, ndr) e mia moglie». Lì l’ispettrice capo Stefania Spotti (che il padre ha riconosciuto in aula) gli spiegò che «Emmanuel si era fatto male scappando nel corso dell’arresto, ma io mi accorsi che le ferite non erano quelle di chi cade a terra. Mi sembrava mezzo morto». Allora, chiese spiegazioni al figlio: «lui mi rispose che non era caduto, ma che lo avevano picchiato». A quel punto tra il genitore e gli agenti presenti nacque una discussione e l’uomo disse che sarebbe andato in fondo alla vicenda, annunciando una denuncia ai carabinieri. In effetti, dopo il passaggio al pronto soccorso, la famiglia Bonsu - ha ricostruito sempre il padre – andò dai carabinieri ma al citofono di emergenza non rispose nessuno, rinviando quindi la denuncia al giorno dopo.

In aula Alex Bonsu ha raccontato anche la visita che il sindaco di Parma Pietro Vignali gli fece a casa il pomeriggio del 24 dicembre 2008. «Per me il sindaco è come il padre di tutti – ha premesso – e fui contento che venisse in casa nostra. Mi disse di non fare troppo rumore e non speculare sulla vicenda». Ma, rispondendo a una domanda del legale del Comune di Parma, ha precisato: «Il sindaco non mi disse che dovevo smettere di difendere mio figlio e verificare quello che era successo». Poi ha aggiunto di non aver subito comportamenti razzisti da parte della gente a Parma ma di aver avuto qualche difficoltà dal giorno della denuncia. «Ci sono delle persone che si comportano benissimo con me e con la mia famiglia ma altre che, appena mi riconoscono, non mi trattano bene», ha concluso.

Prima di Bonsu c'è stata la testimonianza del dottor Alberto Beldrighi, consulente di parte civile. «Quando Emmanuel fu visitato al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore fu sottoposto a esami radiologici, anche al cranio – ha spiegato – Nonostante ciò la prognosi fu di soli due giorni, praticamente corrispondente a un granello di sabbia in un occhio». Durante l'arresto Emmanuel fu ferito all’occhio sinistro e successivamente è stato sottoposto a un’operazione maxillo-facciale per rimuovere alcuni frammenti di osso nella cavità orbitale. «Una prognosi, quella del pronto soccorso, ai limiti del falso», ha commentato il giudice Paolo Scippa. Beldrighi ha aggiunto che dal giorno dell’arresto Emmanuel «non è più lo stesso» e che «si è chiuso in se stesso e ha modificato radicalmente la propria vita in peggio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • franco

    19 Giugno @ 23.27

    PREMETTO CHE CHI HA SBAGLIATO DEVE PAGARE, ma anche i familiari sono strumentalizzati. Vi ricordate LA PRIMA DICHIARAZIONE del papà ? Non era quella che ha detto oggi, qualcuno aveva e ha interesse a gettare benzina sul fuoco

    Rispondi

  • LC

    19 Giugno @ 21.12

    1) il fattaccio è avvenuto il 29 settembre 2008 e che si trattasse di un fatto sporco fu immediatamente chiaro. A 22 mesi di distanza, siamo ancora (sigh!) ai tira e molla del tribunale. 2) Ricordo la fotografia di Emmanuel: due giorni di prognosi del Pronto Soccorso non sono al limite del falso. Sono ben oltre il limite del falso.

    Rispondi

  • luna

    19 Giugno @ 15.51

    basta chi ha sbagliato deve pagare .....ma ormai è ora di finirla cavoli che barba.......

    Rispondi

  • franco

    18 Giugno @ 18.41

    ERO , E Resto della convinzione , che si DEBBA fare Chiarezza Su Quanto Accaduto . SE e COLORO , CHE HANNO , " SBAGLIATO " , DEVONO ESSERE MESSI Al Bando , Dalla Società !!!!! PRIMA è MEGLIO è . FALCO .

    Rispondi

  • bastiano

    18 Giugno @ 16.43

    io penso che su questa storiaccia si rischi di cadere nella speculazione mediatica. Ogni volta che c'è una udienza in tribunale giù a scrivere perdendosi in dettagli che oramai non aggiungono niente allqa cosa. Ed anche i familiari del ragazzo si prestano a questo. E' accaduta una cosa che è stata condannata da tutti. Tutti si sono scusati. Non perdiamo occasione a dire e dirci che Parma non è espressa dalle azioni di quei signori che ora sono sotto processo. Speriamo tutti che quegli "eroi" che hanno fatto quelle prodezze vengano giustamente condannati (probabile) e delistatii dal libro paga del Comune (improbabile). Dopodichè basta.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Foto d'archivio

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Radio Colonia

La Germania pensa di espellere gli italiani senza lavoro

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

1commento

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"