16°

28°

Parma

Il batterio che allarma l'Europa. L'Efsa batta un colpo

Ricevi gratis le news
0

Pino Agnetti

Quando si profila una crisi che ha a che fare con la nostra salute, c’è un solo modo per prevenire e contenere l’allarmismo: fare chiarezza. E farlo in modo e con una tempistica tali che tutti percepiscano bene il messaggio. Nel caso del batterio che sta allarmando l’Europa, qualche dubbio al riguardo appare legittimo nutrirlo. Soprattutto dopo che se ne sono sentite e ascoltate di ogni sull’ormai famoso E. Coli (abbreviazione per Escherichia Coli). Avvistato prima nei poveri cetrioli spagnoli (poi scagionati) e quindi riapparso e isolato stavolta senza più rettifiche nei germogli di soia di una azienda «bio» (vatti a fidare di certi bollini) della Bassa Sassonia, adesso è rispuntato negli hamburger surgelati che hanno mandato all’ospedale sette bambini di Lille, in Francia. Per fortuna, questo secondo ceppo transalpino (per chi volesse prendere nota si tratta dello 0157) non ha la stessa pericolosità del suo parente teutonico (lo 0104) che di vittime ne ha già fatte 36 in Germania e una in Svezia, più alcune migliaia di contagiati. Dunque, siamo di fronte a due situazioni in parte collegate, ma diverse (anche se purtroppo le condizioni di uno dei bambini francesi permangono gravi). Così come sarà bene ricordare che l’antipatico batterio, nella sua variante «buona», è un ospite non solo abituale del nostro intestino al cui interno risiede in quantità industriali (dai 100 miliardi in su!). Ma addirittura essenziale ai fini di una corretta digestione del cibo che assumiamo. Detto ciò, il problema allora qual è? Il problema è che, sballottata fra un allarme di qua e un altro che riesplode di là proprio quando il pericolo sembrava ormai rientrato, la gente fa una fatica boia a raccapezzarsi. E, di conseguenza, ad accettare le rassicurazioni provenienti dalle diverse autorità sanitarie competenti. Queste ultime, poi, o parlano sempre un minuto (talvolta giorni se non settimane) troppo tardi. Oppure, si mettono a comunicare nello stesso momento, ma ognuna per conto proprio. Risultato? Una babele totale. Domanda: ma non eravamo, anzi non siamo, europei? E per quale ragione, visto e considerato che gli hamburger di Lille potevano finire tranquillamente anche sulle nostre tavole (infatti il Nas ha pensato bene di sequestrarne cinque tonnellate dello stesso marchio), deve essere il ministro della Salute italiano Fazio, piuttosto che il suo collega francese o tedesco, a spiegarci come stanno realmente le cose e quali sono le opportune precauzioni a cui attenersi? La scorsa settimana, l’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare con sede a Parma) ha emesso un primo comunicato per fare il punto della situazione. Peccato solo che, di quel comunicato, il cittadino medio europeo non ne abbia neppure sentito parlare. E, che nel frattempo, lo spettro dell’E.Coli abbia ripreso ad aggirarsi indisturbato da un capo all’altro dell’Europa. Vogliamo davvero impedirgli di continuare a fare danni superiori all’effettivo livello di allarme? Ebbene, la prossima volta che sia l’Europa stessa a parlare a tutti e per conto di tutti con una voce sola. Magari convocando una bella conferenza stampa proprio a Parma, nella sede dell’Efsa. E’ così che si possono sconfiggere gli spettri. E anche farci sentire una comunità unita. Non una babele.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Giulia: «Volate oltre l'odio»

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

1commento

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"