16°

28°

Parma

Lettera aperta di Frateschi: "Non assumo responsabilità altrui"

Lettera aperta di Frateschi: "Non assumo responsabilità altrui"
Ricevi gratis le news
48

Attraverso una nota, l'ex direttore generale del Comune Carlo Frateschi scrive

Gli accadimenti degli ultimi giorni e soprattutto delle ultime ore mi impongono di far cessare quel silenzio stampa che da almeno sei anni ha caratterizzato il mio impegno e il mio lavoro.

In questi anni nelle Amministrazioni che ho diretto ho voluto lasciare, come giusto che sia, il primato alla politica, perché i successi fossero ascrivibili a chi aveva dato impulso alle azioni e non a chi li aveva operativamente raggiunti.

In questi dodici ultimi anni:

-          ho trasformato la città di Parma con infrastrutture e dotazioni che ci invidiano molti Comuni;

-         ho modificato e migliorato i servizi ai cittadini di Parma con primati che hanno avuto attestazioni ufficiali a livello nazionale;

-         ho portato la macchina amministrativa a livelli di efficienza, efficacia ed economicità riconosciuti a livello nazionale, oltre che da tutti i cittadini che entrano in contatto con la macchina comunale;

-         ho creato una capacità di propulsione della macchina comunale tale da rendere raggiungibili con efficacia e rapidità gli obiettivi ai quali, di volta in volta, il Sindaco pro tempore saprà dare impulso.

Questo naturalmente è stato reso possibile per intelligenza e capacità di due straordinari Sindaci e per l’impegno,  l’abnegazione, l’orgoglio e la professionalità di tutti i Dipendenti e i Dirigenti del Comune di Parma.

Tutto ciò è stato fatto nel rispetto, da parte mia, di leggi e regole e nella totale trasparenza.

L’azione da me svolta in questi 12 anni non ha determinato MAI a mio carico alcun effettivo rilievo: né della Magistratura Penale, né della Magistratura Civile, né dalla Magistratura Amministrativa e né della Magistratura Contabile.

Quindi mentre DIFFIDO pubblicamente chiunque dallo sfiorare i profili di correttezza e trasparenza che hanno caratterizzato il mio operato, sfido chiunque ad un confronto pubblico sui risultati raggiunti.

Con questo comunicato ritengo inoltre di dover entrare ulteriormente nel merito per precisare:

1.     i fatti sotto il profilo amministrativo (responsabilità degli atti)

le regole che definiscono i profili di responsabilità amministrativa sono:

a) il sindaco per legge nomina con proprio decreto i dirigenti stabilendone durata, funzioni e risultati attesi. Inoltre, su proposta del nucleo di valutazione (oggi OIV) stabilisce di premiare o non premiare i dirigenti stessi per i risultati conseguiti;

b) i dirigenti per legge sono autonomi nella stesura degli atti ed hanno la responsabilità univoca della regolarità tecnico-amministrativa, della regolarità contabile e della legittimità giuridica degli atti nessun altro può prevalere su tali responsabilità;

c) il direttore generale per legge “provvede ad attuare gli indirizzi e gli obiettivi stabiliti dagli organi di governo dell’ente, secondo le direttive impartite dal sindaco e sovraintende alla gestione dell’ente, perseguendo livelli ottimali di efficacia ed efficienza”, quindi ha la responsabilità di come si perseguono i risultati (di cui si è già detto) non già degli atti;

d) il segretario generale per legge ha “……funzioni di assistenza giuridico-amministrativa nei confronti degli organi dell’ente in ordine alla conformità dell’azione amministrativa”, gli compete quindi un compito di vigilanza amministrativa;

2.     i fatti sotto il profilo civilistico (il danno per l’Ente)

IO, E NON ALTRI, ho, invadendo il campo delle autonomie dei dirigenti, contestato e quindi sospeso sin dall’aprile del 2009 atti di pagamento di fatture per circa 6 milioni di euro formalmente già predisposti, perché emergevano, nell’ambito delle prestazioni dell’appalto del verde, controlli carenti rispetto a quanto stabilito nel contratto. Ho quindi evitato qualsiasi danno emergente per l’Amministrazione riferito ai fatti sui quali la Magistratura sta indagando;

3.     i fatti sotto il profilo penale (la vigilanza)

certo che la Magistratura svolgerà al meglio i suoi compiti, auspico in ogni caso che si rivelino insussistenti le responsabilità penali, ESCLUSIVAMENTE PERSONALI E DI COMPORTAMENTO, relativamente ai fatti per i quali, allo stato, risultano indagati tre dirigenti del Comune.

In ogni caso, preciso che, pur essendo ognuno responsabile delle proprie azioni e che i fatti penali, ribadisco, sono esclusivamente soggettivi:

a)     il Comandante della Polizia Municipale non dipende nelle sue funzioni dal Direttore Generale;

b)     il Responsabile delle Relazioni Esterne e della Comunicazione si rapportava evidentemente con gli organi politici in modo biunivoco;

c)      il Responsabile delle manutenzioni del verde è stato sottoposto tempestivamente ad un’azione ispettiva da parte del sottoscritto che un anno fa aveva prodotto su richiesta riservata del Sindaco una relazione riservata, anche a firma dell’Ispettore Generale, che non lasciava dubbi e che ha determinato da parte del Sindaco azioni conseguenti a tutti note.

Solo un breve accenno alle questioni finanziarie rimandando ad altro momento, se potrà essere utile, un’ulteriore comunicazione.

La finanza del Comune è sempre stata sotto controllo e oggi lo è più di ieri.

I problemi finanziari provengono dalle Società controllate o rette da Presidenti, Amministratori Delegati e Direttori Generali con piena autonomia e fiducia concessa dagli Amministratori pubblici. Il compito di indirizzo e vigilanza su tali Società è affidato agli stessi Amministratori del Comune nella sede delle rispettive assemblee.

Quando a novembre del 2010 mi è stato chiesto di controllare STT, assumendo la carica di Direttore Generale senza emolumenti, anzi con una riduzione di stipendio, per effetto dell’entrata in vigore della Legge sui manager pubblici, ho obbedito per servizio.

Prima da solo, poi assieme al Prof. Massimo Varazzani abbiamo fatto emergere il problema finanziario e lo abbiamo risolto con il plauso di tutti. Ciò l’ho fatto, voglio ricordare, quando mi è stata attribuita la responsabilità di controllare assumendo un ruolo che lo consentisse.

Questo mio comunicato sono convinto che potrà e dovrà servire a tutti coloro che in queste ore difficili devono assumere decisioni importanti che non potranno che avere conseguenze importanti.

Nel rispetto delle persone, della professionalità e della loro moralità, sono disposto a continuare ad operare seriamente per il bene della città. Tuttavia, non sono né disposto né disponibile ad assumere eventuali RESPONSABILITA’ O COLPE altrui delle quali non sono tenuto a rispondere.

Mi riservo di comprendere meglio gli eventi e di rinviare eventuali ulteriori considerazioni a modi e a tempi diversi.

Dott. Ing. Carlo Frateschi

LA NOTIZIA DI IERI SERA: SILURATO FRATESCHI. «L’Amministrazione comunale ha deciso di rivedere la macrostruttura del Comune, eliminando la direzione generale. La nuova organizzazione consentirà un maggior presidio del sindaco sulla struttura organizzativa del Comune».
Con queste parole è stato reso noto dal Comune il licenziamento del direttore generale Carlo Frateschi. La notizia è arrivata attorno alle 21.
Le dimissioni di Frateschi erano state chieste da più parti nell'intenso dibattito politico di questi giorni, dopo l'arresto di 11 persone nell'ambito dell'operazione Green Money 2.

L’allontanamento di Frateschi era stato richiesto direttamente da Parma Civica e anche dal Pdl. Il motivo: non essere stato in grado di controllare quei settori e quei dirigenti coinvolti nella vicenda giudiziaria. La rimozione di Frateschi è stata indicata come priorità anche dagli assessori Mario Marini e Paolo Zoni, quest’ultimo era arrivato a minacciare le proprie dimissioni in caso non si fosse arrivati a questa decisione.

Nel pomeriggio Frateschi si era incontrato con il sindaco Vignali, poi attorno alle 21 il comunicato ufficiale con il suo allontanamento. In serata, ospite della trasmissione 'Parma Europà di Teleducato, ha spiegato il provvedimento il vicesindaco Paolo Buzzi indicandolo come il naturale prolungamento dei provvedimenti presi sabato scorso quando la Giunta ha azzerato i dirigenti delle aree operative della macchina comunale. «La politica deve ora riprendere in mano la gestione della macchina comunale - ha concluso Buzzi -. Negli ultimi giorni è emersa questa esigenza: un ruolo non solo di indirizzo ma di controllo diretto. E questo era ancora più importante quando la macchina non è in grado di evitare episodi come quelli su cui ora sta indagando la magistratura».

Il provvedimento invece non soddisfa la minoranza. Chi si deve dimettere è il sindaco - ha commentato il capogruppo in consiglio comunale del Pd Giorgio Pagliari -. Certamente la responsabilità penale è personale, ma la responsabilità politica è chiara ed è da imputare all’amministrazione Vignali, non certo a dirigenti o a figure tecniche del comune.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • dado

    30 Giugno @ 20.18

    Ubaldi è il vero burattiniere di tutta questa incresciosa situazione, e il PDL è complice in quanto non fa nulla per difendere l'operato di chi, come il direttore generale e il suo staff come pure coloro che in queste ore non sanno che cosa devono fare a livello organizzativo, ha lavorato bene e per il bene comune. Invece i consiglieri e assessori di centro destra in queste ore non solo difendono solo loro stessi ma le stanno studiando tutte per rimanere sulle loro poltrone. Ubaldi nel frattempo ride aspetta i cadavari che passano ma stesse attento perchè il Diavolo fa le pentole ma non i coperchi e qualcosa potrebbe andare storto anche per lui che non è neanche più giovanissimo... tra l'altro l'assessore all'ambiente e l'ispettore generale cosa stanno facendo?? Nessuno chiede più le loro dimissioni?? SOno già tutti daccordo?? Poveretti ...non hanno fatto i conti con i cittadini di Parma..

    Rispondi

  • sebastiano

    30 Giugno @ 12.48

    "Missiva autocelebrativa che fa seriamente riflettere sul suo mittente, primo progettista del ponte a Nord, e su chi l'ha voluto al governo della cosa pubblica, Ubaldi in primis..... "

    Rispondi

  • guido campanini

    30 Giugno @ 11.59

    Scrive Frateschi: "il Responsabile delle manutenzioni del verde è stato sottoposto tempestivamente ad un’azione ispettiva da parte del sottoscritto che un anno fa aveva prodotto su richiesta riservata del Sindaco una relazione riservata, anche a firma dell’Ispettore Generale, che non lasciava dubbi e che ha determinato da parte del Sindaco azioni conseguenti a tutti note." Quindi un anno fa il Sindaco Vignali sapeva. Come può dire oggi che non sapeva nulla? O Vignali mente o Frateschi mente. Per saperlo, basta guadare nel protocollo riservato del sindaco: o la lettera di Frateschi c'è, e allora ha ragione Frateschui e Vignali mente, o la lettera non c'è, e allora è vero il contrario. Un Commissario governativo poterbbe facilmente fare luce anche su questo episodio.

    Rispondi

  • Ari

    30 Giugno @ 11.44

    Bè, ma scusate, ci sono delle persone in galera... qualche responsabile è stato individuato. Volete arrestare tutta la città?

    Rispondi

  • Andrea Montagna

    30 Giugno @ 10.51

    saltano direttori generali, si dimettoo assessori ed in tutto questo l'assessore all'ambiente che fine a fatto? svanito nel nulla! eppure qualche responsabilità dovrebbe averla.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ASTI

Il pick-up del padre lo investe: muore un bimbo di tre anni

brescia

Carabiniere dà fuoco ai peluches della figlia e la chiude nella casa in fiamme

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"