20°

Parma

Vignali a Bersani: "Guardi in casa sua"

Vignali a Bersani: "Guardi in casa sua"
Ricevi gratis le news
65

«La mia posizione è simile alla sua: non siamo indagati, ma abbiamo collaboratori accusati di gravi reati». Il sindaco di Parma Pietro Vignali ha risposto così, con una lettera aperta, al segretario del Pd Pier Luigi Bersani, che ieri sera ha partecipato ad un’iniziativa a Parma, per associarsi alla richiesta di dimissioni del Pd locale.
«Apprendo dai giornali che il suo stretto collaboratore Filippo Penati è indagato per un pesante giro di tangenti. Vignali no. Secondo lei è una differenza da poco? La mia posizione è più vicina alla sua che a quelle dei Filippo Penati e dello stesso Premier cui lei, senza ragione, mi associa: Vignali, come Bersani, non è indagato. Vignali, come lei, caro Bersani, ha stretti collaboratori accusati di fatti gravi. Si tratta di accuse e non di condanne e spero che il lavoro della Magistratura, in cui anch’io, come lei, nutro grande fiducia, dimostri l’estraneità di tutti ai fatti contestati. Dei miei collaboratori come dei suoi».
«Tra le cose che lei ieri sera non ha spiegato – ha aggiunto il sindaco parmigiano – è che a Venezia, dove il Pd amministra, sono stati arrestati o indagati diversi dirigenti comunali: ma, in Laguna, il Pd invoca la separazione tra sindaco («non sapeva»?) e dirigenti. A Parma, invece no». Vignali ha anche assicurato che «se il sottoscritto dovesse risultare indagato per quei fatti cui lei fa riferimento, si dimetterebbe. Anche se in Italia non lo fa quasi nessuno». 

Questoa la versione integrale:

Caro Segretario, come lei anche io accetto le critiche, ma non le aggressioni e il fango. Ecco perché  alcune sue parole (e silenzi) di ieri qui a Parma mi hanno meravigliato.
Non solo perché la verità e l’oggettività dei fatti devono sempre trovare un qualche riscontro anche all’interno di un dibattito politico avvelenato come quello a cui stiamo assistendo in questi giorni in ogni parte d’Italia.
Ma anche per il rispetto che il Segretario di un grande partito dovrebbe avere per i cittadini e, in particolare, per la sua stessa base di militanti e simpatizzanti. Probabilmente disorientati e preoccupati dalle ombre minacciose che si addensano sulla presunta e pretesa diversità “morale”, “genetica” e anche “politica” del suo partito.
Insomma, Segretario, mi sarei aspettato da lei una responsabile prudenza.
“Di notte tutte le vacche sono nere”, disse un celebre filosofo. Io non voglio sostenere questo, ma penso che i mandriani, prima di parlare delle mandrie altrui, dovrebbero quantomeno buttare un occhio anche alle proprie.
Lei, prima di salire sul palco, ha fatto notare ai cronisti che il suo stretto collaboratore “Filippo Penati si è dimesso e Vignali, invece, no”.
A parte che Penati non si è dimesso dalla carica e dallo stipendio di consigliere, ma solo dagli incarichi nel Pd e da vicepresidente del Consiglio regionale, apprendo dai giornali che il suo stretto collaboratore è indagato per un pesante giro di tangenti.
Vignali no. Secondo lei è una differenza da poco?
Caro Bersani, che le faccia piacere o no, mi sembra chiaro che la mia posizione  è più vicina alla sua che a quelle dei Filippo Penati e dello stesso Premier cui lei, senza ragione, mi associa.
Sì, perché Vignali, come Pier Luigi Bersani, non è indagato.
Vignali, come lei, caro Bersani, ha stretti collaboratori accusati di fatti gravi .
Sia chiaro che si tratta di accuse e non di condanne e spero che il lavoro della Magistratura, in cui anch’io, come lei, nutro grande fiducia, dimostri l’estraneità di tutti ai fatti contestati. Dei miei collaboratori come dei suoi.
Sento dire che Vignali non poteva non sapere se alcuni suoi collaboratori si facevano rifare il giardino di casa o intascavano tangenti.
E lei, Bersani, poteva non sapere se, come leggo sui giornali, suoi stretti collaboratori hanno raccolto per anni fondi illeciti per il partito? E in quella misura? Paliamo di milioni di euro.
Tra le cose che lei ieri sera non ha spiegato, caro Segretario, è che a Venezia, dove il Pd amministra, sono stati arrestati o indagati diversi dirigenti comunali: ma, in Laguna, il Pd invoca la separazione tra sindaco (“non sapeva”?) e dirigenti. A Parma, invece no.
Che l’ex assessore alla Sanità pugliese Tedesco, cui il Senato ha riconosciuto il “fumus persecutionis” (ma non avevate rispetto del lavoro dei Magistrati?) e respinto la richiesta d’arresto è entrato e siede a Palazzo Madama nonostante le gravi accuse a suo carico. Anche lui, quindi, è ancora lì.
Che il suo collaboratore Pronzato ha patteggiato la pena per l’accusa di corruzione per le tangenti Enac.
Che il debito procapite del Comune di Parma di cui lei si è scandalizzato è meno di un terzo di quello di città che il Pd indica a modello come Torino.
Tutte cose che, per onestà intellettuale e  rispetto alla città e ai suoi stessi militanti che ieri sera sono venuti ad applaudirla, lei, caro Segretario, avrebbe potuto e dovuto spiegare.
Prima di scherzare sul Vinavil degli altri bisognerebbe pensare al proprio cemento a presa rapida, che certo non è raro tra gli uomini del suo partito.
Voglio rassicurarla, caro Segretario, che se il sottoscritto dovesse risultare indagato per quei fatti cui lei fa riferimento, si dimetterebbe. Anche se in Italia non lo fa quasi nessuno.

Con immutata stima
Pietro Vignali

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianluca

    29 Luglio @ 19.30

    SIG SINDACO HAI RAGIONE BERSANI DEVE GUADARE A CASA SUA . E LEI TRASLOCARE IN VIA BURLA.

    Rispondi

  • andrea

    29 Luglio @ 17.49

    Ci sono i debiti?m a guarda, e io che pensavo che le oere pubbliche si realizzassero gratis

    Rispondi

  • andrea

    29 Luglio @ 17.47

    KOKANEE mi risulta sia stato bersani a parlare male di vignali, cosi lui ha risposto. dai su non è un concetto difficilie puoi riuscir a capirlo.

    Rispondi

  • sbairsda

    29 Luglio @ 17.33

    è un pò il bue che dà del cornuto all'asino

    Rispondi

  • pino

    29 Luglio @ 16.06

    sparare su Bersani è come sparare sulla CroceRossa...è incredibàile! Degno di Crozza, chiede le dimissioni di tutti tranne che a se stesso. Sono 60 anni che il PCi,PDS,Ds,Pd si foraggia taglieggiando ovunque...diversi da chi?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Dogman di Matteo Garrone è il candidato italiano agli Oscar

Cinema

Dogman di Matteo Garrone è il candidato italiano agli Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Auto sbanda, code in Autocisa

CARABINIERI

Operazione antidroga: arrestato tunisino sfuggito all'arresto in giugno

Il 30enne, residente a Parma, è stato fermato al porto di Genova, al suo rientro dalla Tunisia

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

2commenti

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Gazzareporter

Parma di sera vista da Giulia, 14enne appassionata di fotografia

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

2commenti

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

MOTORI

Il Motor Show diventa Festival e trasloca da Bologna a Modena

MONTE SERRA

Incendio nel Pisano: 700 sfollati, in azione i Canadair. "Scenario apocalittico" Foto

SPORT

CALCIO

Doping: Giuseppe Rossi a processo, chiesto un anno di stop

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel