-1°

Parma

"Vaticano paga tu": a casa del parmigiano che ha ideato la pagina Facebook

"Vaticano paga tu": a casa del parmigiano che ha ideato la pagina Facebook
Ricevi gratis le news
66

Francesca Lombardi

Combattono i «privilegi del Vaticano» con caffè e conference call. Incollati al computer, indifferenti al tempo che scorre. Sul monitor sempre la stessa pagina : ogni volta che la aggiorni, i “fans” crescono di numero - in sei giorni sono diventati oltre 129mila - o scrivono al mondo il loro pensiero. Sono in sei, gli autori della pagina facebook «Vaticano pagaci tu la manovra finanziaria» (www.facebook.com/vaticanopagatu): due sono di Parma.

Agostino, 22 anni, da mercoledì, quando l'iniziativa ha preso vita, lavora da San Polo di Torrile. Gli altri lo chiamano «il nottambulo», perché lui il monitor, per la causa, non lo molla nemmeno quando fuori fa buio. Nel silenzio della Bassa agostana,  solo il ticchettìo della sua tastiera.  Nemmeno il rumore del condizionatore: non ce l'ha, e per combattere il caldo tiene la finestra aperta.
Alessandro, 44 enne, sta invece in città, quartiere Lubiana. E' lui l'ideatore della pagina, il coordinatore che dirige il social media show e che rilascia interviste a radio, giornali e tv («ma senza protagonismi -  sottolinea allo sfinimento- , perché l'importante è la causa e non i cognomi e le facce di chi la fa vivere»).
Risponde al citofono mentre è al telefono, apre la porta di casa fulmineo per  tornare immediatamente in postazione. E' in corso una conferenza via Skype, parlano in tre: Agostino, Alessandro e Giulia da Milano. Gli altri tre, Anna di Reggio Emilia, Giuseppe "dal Salento"  e Francesco di Roma, sono “in pausa”. Tutti e sei, spiegano, all'iniziativa stanno dedicando tutto il loro tempo libero, o le loro ferie. Giulia ha 23 anni e studia Giurisprudenza: vuole fare il magistrato. Legge ai compagni alcuni commenti che affollano la pagina. Ogni messaggio, spiega, viene vagliato. «Non è questione di censura: a noi interessa che l'attenzione sia focalizzata sul tema della manovra finanziaria. Per questo cancelliamo i post di chi parla d'altro e agiamo affinché il nostro messaggio sia conosciuto il più possibile per influire sulle prossime scelte politiche».

L'idea è quella di mettere luce sulle agevolazioni ed esenzioni d'Oltretevere. Argomento tabù, dicono gli “amici reali uniti dal virtuale”, «poco affrontato dai media tradizionali eppure molto sentito a livello sociale, e la nostra pagina lo dimostra ». «In una situazione di crisi economica, andrebbero rivisti anche i privilegi della Chiesa», dicono. Così, il movimento spontaneo partito da Parma, è finito sulle pagine dei quotidiani nazionali, spagnoli e inglesi, approdato sui telegiornali e trasmesso in radio. Ora i sei amici sognano un confronto televisivo e un grande evento di aggregazione.  «Stiamo pensando di organizzare un incontro a Roma in cui lanciare in aria tantissimi palloncini bianchi con l'immagine del Papa e dei dollari», dice Alessandro.

Sulla sua scrivania di vetro che è anche il tavolo da pranzo, sono appoggiati occhiali da vista «per la stanchezza», una tazza sporca di caffè. E un piatto di pasta al sugo: lo mangia frenetico, alle 18, senza capire se sta pranzando o cenando. «Ieri sono andato a letto alle 11 di mattina», sorride mentre controlla gli ultimi aggiornamenti e spiega che è in contatto con Mario Staderini, segretario dei Radicali italiani. «E' l'unico politico che finora ci ha dato una mano in questa battaglia nata e cresciuta in rete – spiega- , fornendoci materiale informativo e rispondendo in prima persona ad alcune critiche. Sono sicuro che diventerà il punto di riferimento di questi ragazzi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • franco

    20 Novembre @ 15.23

    un marchio? "politicalmassoP2-3-4-clericalmafie" un paese strano e poco normale? e chi ha fame? le prediche e false promesse?

    Rispondi

  • rossana

    20 Novembre @ 15.19

    sarebbe suficente e basterebbe! tagliare immediatamente tutti i previlegi che lo stato elargisce in un anno? miliardi di euro ! usando un sistema di favoritismi incontrollato, una vergogna inamissibile quando ai cittadini vengono tagliati servizi di prima necessita'? basta oligarchi al potere, basta saccheggi alle casse dello stato per favoritismi? basta usare metodi di regime? serve piu' controllo e cancellare il concordato stato-chiesa ? il vaticano stato possidente piu' ricco al mondo? non ha bisogno di sovvenzioni? stato indipendente e autonomo? così sia amen!!

    Rispondi

  • cat gnisà n'...

    26 Agosto @ 15.50

    Ma è grazie a 2000 anni di condizionamenti morali se adesso non siamo ancora del tutto allo sfascio credo che la chiesa abbia commesso tanti errori e che l'ignoranza del "popolo" abbia fatto nei secoli la sua fortuna ma certi dettami che tutti o quasi rispettiamo inconsciamente fanno parte della nostra civiltà e ci permettono di coesistere....poi certo su alcune sfumature la chiesa non si adegua ai tempi che cambiano ma se avesse modificato i suoi dettami a seconda della direzione del vento non sarebbe durata fino ad oggi...ma questo non ha nulla a che vedere con le tasse

    Rispondi

  • Gianfranco

    26 Agosto @ 12.04

    Per Giuliana: quello che tu scrivi non fa altro che confermare la assoluta necessità che lo stato sia completamente laico e che non faccia alcuna concessione a nessuna religione, perchè quello che pretendono oggi i cattolici lo pretenderanno domani i musulmani, gli ebrei, gli induisti, gli scintoisti ... e per chi si appella alle tanto care radici cristiane, ricordo a tutti che la civiltà occidentale come la conosciamo noi è la storia del cristianesimo, ma la storia della liberazione dal cristianesimo, perchè senza il vento illuminista, anche l'occidente sarebbe ancora dominato dalle leggi religiose come i paesi islamici odierni. Insomma vorrei dire a tanti cattolici che se vivono in un mondo leggermente più democratico, lo fanno non grazie alla loro religione, ma nonostante la loro religione. Ribadisco: totale libertà religiosa, ma lo stato fuori

    Rispondi

  • caspao

    26 Agosto @ 11.33

    deliri estivi sarò colpa del caldo eccezionale. Non fatevi troppe illusioni se mettete su facebook che è meglio la dittatura della democrazia almeno 6000 persone vi daranno ragione.cioè circa lo 0,01 % della popolazione.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola deifamosi

Ghezzal quando giocava nel Parma (foto d'archivio)

Canale 5

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola dei famosi

Ecco le nomination per gli Oscar 2019: dieci per La Favorita e Roma.

Cinema

Ecco le nomination per gli Oscar 2019: dieci per La Favorita e Roma

Quasi 6 mln e 21.9% per 1/a parte Adrian

ASCOLTI TV

Quando c'è il Molleggiato in scena quasi 6 milioni di spettatori per "Adrian"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nino Frassica a Roccabianca, Amanda Sandrelli a Fidenza, aspettando Flashdance al Regio

VELLUTO ROSSO

Attesa per Flashdance al Regio

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Nasce la figlia e lui diventa violento: condannato

MALTRATTAMENTI

Nasce la figlia e lui diventa violento: condannato

SPACCIO

Due anni e mezzo allo studente che teneva in casa quasi 2 chili di marijuana

incidente

Eia, tamponamento nella notte: due feriti

Romagnosi

«La mia civetta? Un simbolo dell'antica Grecia»

BALI LAWAL

Da top model a mediatrice culturale: «Insegno ai giovani ad essere liberi»

Borgotaro

È morto Marco Terroni, il prof cercatore di funghi

BERCETO

Addio al consigliere comunale Roberto Ablondi

LUTTO

Maria Gorreri, stroncata da una malattia rarissima a 60 anni

Teatro Due

RezzaMastrella, l'adrenalina in scena

immigrazione

"Caso Cara", Pizzarotti: "Pagina nera del governo"

bedonia

Scopre il ladro in casa, lo insegue e lo riconosce: arrestato un giovane del paese Video

Parma

Minacce, insulti e tensione alla biglietteria della stazione: denunciata una 25enne

legambiente

Brescia, Lodi e Monza le città più inquinate. Parma seconda in Emilia: "Si respira smog un giorno su tre"

2commenti

sentenza

Tecnici rapiti in Libia: condannati 3 manager della Bonatti, "Pronti all'appello"

La società: «Pur non condividendo l’esito del giudizio, siamo vicini alle famiglie dei dipendenti deceduti nei tragici fatti».

Udinese-Parma

Parma-San Daniele, dal campo alla tavola lo sfottò è...affettato Video

La storia

Linda Vukaj, dalla fuga in barcone ai viaggi da fotografa senza confini-Gli scatti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Da Cagliari è salpato il partito del non voto

di Vittorio Testa

2commenti

LA BACHECA

Ecco 78 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

sindacato

Cgil, Landini segretario generale. Lo sfidante Colla sarà il vice

Mantova

Lo chef stellato Tamani rapinato e sequestrato per 1 ora nel suo ristorante

SPORT

calciomercato

E' fatta, Piatek va al Milan (per 40 milioni)

arbitri

Nicchi: "Var, i tifosi tranne pochi scemi sono meglio di addetti ai lavori"

SOCIETA'

WASHINGTON

Le cascate del Niagara ghiacciate Video

ristoranti stellati

Chef italiano festeggia la terza stella Michelin in Francia

MOTORI

ANTEPRIMA

Toyota, il nuovo Rav4 arriva a marzo

MOTORI

Citroën: ecco C3 Uptown, l'auto «pour homme»