19°

29°

Parma

Pietro De Angelis e Arrigo Allegri: "Il Comune ha fatto il suo dovere"

Ricevi gratis le news
2

"Dopo il blocco amministrativo del Termovalorizzatore imposto dal Comune i cittadini di Parma stanno assistendo ad uno scontro politico accesissimo. Vorremmo ricostruire i fatti in modo chiaro e comprensibile per tutti". Così inizia un comunicato stampa firmato da Pietro De Angelis e Arrigo Allegri e diffuso dal Comitato Gestione Corretta Rifiuti.
"Il 18 luglio 2006 il Comune di Parma firma un accordo con ENIA allo scopo di trasformare la destinazione dell’area prescelta per il Termovalorizzatore (TVC) da agricola ad industriale. In questo documento fondamentale, all’art. 2 si legge:”Il Comune assume che le suddette opere ( il TVC, n.d.r.) rientrano,per motivazioni esposte ,tra quelle previste dall’art. 7 comma 1 lett.d) della L.R. 25/11/2002 n.31”. In questo art.7 sono esposti i quattro casi di esenzione dall’obbligo di richiedere il permesso di costruire, e la lettera d) dice: “per le opere pubbliche del Comune”. Quindi nel luglio 2006 il Comune di Parma considerava il TVC una propria opera pubblica,e come tale, esente dall’obbligo di conseguire il permesso di costruire. Qualcuno però deve aver fatto notare ai tre soggetti coinvolti (ENIA, Comune e Provincia) che un’opera pubblica deve obbligatoriamente essere assegnata tramite una gara pubblica. Per evitare la gara pubblica ed assegnare direttamente ad ENIA (ora IREN) un’opera di questa importanza, alla fine dell’iter autorizzativo presso la Provincia di Parma, il TVC viene da quest’ultima definita: “un’opera privata di interesse pubblico”. Con questo “escamotage” non sarebbe quindi più necessaria una gara pubblica perché il TVC non risulta più essere un’opera pubblica del Comune bensì un’opera privata di ENIA (oggi IREN), ma come tale necessita pur sempre di un permesso di costruire. Che non c’è!"
"Infatti,conseguite le autorizzazioni ambientali dalla Provincia, ENIA ( REN) apre subito il cantiere e sui cartelloni, su cui vanno obbligatoriamente indicati gli estremi del Permesso di Costruzione, indica lo stesso art.7 della L.R. 25/1172002 n.31 che il Comune aveva citato nell’accordo del luglio 2006 con ENIA, omettendo – forse per pudore.... – la lettera d) “opera pubblica del Comune”. Questi sono i fatti e speriamo che ora siano chiari a tutti. Se i dirigenti del Comune hanno applicato e poi rinnovato il blocco amministrativo del Cantiere è perché “responsabilmente” hanno accertato la mancanza del permesso di costruzione e per la legge non avevano alternative. In poche parole hanno fatto il loro dovere, anche se l’opera (privata) è stata definita di pubblica utilità ed anche se risulta in avanzata fase di realizzazione. In Italia può oggi suonare strano ma la legge è legge. Inoltre, la mancanza del permesso di costruzione non è solo una irregolarità amministrativa ma anche un reato (abuso edilizio). Sarà quindi compito degli organi giudiziari competenti accertarne la sussistenza e le eventuali responsabilità personali".

"Questo però non è l’unico fatto “anomalo” relativo al TVC. Esso infatti ,pur essendo un forno inceneritore, non è classificato come impianto di smaltimento rifiuti ma come impianto di recupero energetico. Tale qualifica viene conseguita grazie all’apporto dell’ energia calorica prodotta dal TVC, in aggiunta a quella elettrica, per il Teleriscaldamento. Ma non è questa l’”anomalia”, bensì il fatto che la Rete del Teleriscaldamento è di proprietà IREN. Parma infatti risulta essere l’unica città dotata di Teleriscaldamento la cui rete non è di proprietà pubblica (del Comune)ma di una società privata (IREN) che la iscrive a Bilancio nei cespiti patrimoniali. In tutte le altre città italiane la Rete di Teleriscaldamento è di proprietà comunale o da questa affidata in concessione per un tempo determinato ad una società privata che poi deve restituirla al patrimonio comunale. Ma non a Parma: qui IREN è piena proprietaria della Rete di Teleriscaldamento e gode pertanto di una privilegiata quanto illegittima situazione di monopolio. La rassegna delle “anomalie” relative al TVC termina con due fatti che portano ad una ben poco rassicurante previsione. La Provincia ed il Comune di Reggio Emilia hanno recentemente comunicato ufficialmente che spegneranno il loro Forno inceneritore e che utilizzeranno altre metodologie di smaltimento. In precedenza il Comune di Piacenza aveva indetto una gara pubblica (!!) per l’adeguamento del locale Forno inceneritore. Unico offerente ENIA. Facile aggiudicazione quindi,ma stranamente questa ha rinunciato a sottoporre l’offerta, perdendo anche 40.000 euro versati a titolo di cauzione per l’offerta (bid bond). E’ azzardato affermare che anche il Forno di Piacenza, non adeguato alle nuove normative,verrà presto spento? Quando? Provate ad immaginarlo, visto che IREN è il Gestore dei rifiuti di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. E’ pensar male che il TVC di IREN, situato a Parma, brucerà anche i rifiuti di Piacenza e Reggio? O pensate che le limitazioni imposte dalla Provincia di Parma circa la provenienza e le quantità dei rifiuti, con deroghe già incorporate (punti 7 e 32 dell’autorizzazione provinciale) saranno dei baluardi inespugnabili? Noi non avremmo dubbi ma forse siamo influenzati dalle troppe “anomalie” di questo progetto..." 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    29 Agosto @ 16.43

    Bravi, finalmente un pò di chiarezza, speriamo che adesso siano chiari tutti i soggetti coinvolti perchè non è corretto rinegare un forno inceneritore solo per scopi elettorali quando poi lo si vuol fare davvero

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    29 Agosto @ 11.49

    IREN è una società privata che è riuscita a fare a Parma quello che non ha fatto altrove grazie alle autorità comunali, ed una volta completato l'inceneritore brucerà quello che gli pare.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse