14°

25°

Parma

GCR: i segreti del Cornocchio

Ricevi gratis le news
9

Comunicato stampa

I segreti del Cornocchio
La verità, 15 anni dopo

Un plico anonimo nella casella di posta del GCR, ormai è un'abitudine.
In quest'occasione però crediamo ci sia materiale per far saltare sulle sedie giornalisti, magistratura, ARPA e AUSL.
Nell'aprire la busta infatti ci troviamo davanti le copie di una ricerca denominata “Analisi della fragilità genetica indotta da contaminanti ambientali”, studio condotto dentro il sito dell'inceneritore AMNU del Cornocchio nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 1996, a firma del Prof. Nelson Marmiroli e della Dott.ssa C. Conte.
I risultati e le conclusioni sono a nostro parere sconcertanti e non capiamo come mai non se ne trovi traccia nella stampa del periodo. Si parla di “presenza allarmante di metalli pesanti, in particolare piombo, rispetto a campioni di controllo cresciuti in aree non contaminate”.
I ricercatori evidenziano i rischi di esposizione al piombo che “ad elevate concentrazioni determina danni a carico del cervello e di altri organi, anemia e a dosi molto elevate, anche la morte per avvelenamento sistemico”.
Gli effetti potrebbero essere aumentati da concause quali “l'età (anziani e bambini i più esposti), il sesso, il peso, il grasso corporeo, lo stress psicologico e le condizioni climatiche”.
Dalla lettura delle carte si capisce che la ricerca è stata commissionata da AMNU probabilmente all'Università di Parma, in quanto il Prof. Nelson Marmiroli risulta essere, oggi, professore ordinario di Biologia applicata presso la facoltà di Scienze Ambientali.
Mettiamo questi documenti a disposizione dell'opinione pubblica e degli enti competenti, invitando ad una seria riflessione nel merito.
Vorremmo ora conoscere, più che una richiesta ci sembrerebbe un obbligo, la situazione sanitaria dei dipendenti Amnu che hanno operato al Cornocchio nel periodo di attività del forno.
Non pensiamo sia difficile tirar fuori questi dati.
Tipo di malattie, incidenza di alcune di esse, mortalità. Ora vogliamo sapere.
Ci interessa anche un altro argomento.
Come vengono proposti gli impianti di incenerimento alla popolazione?
Nei nostri archivi abbiamo un depliant pubblicato proprio in occasione dell'inaugurazione dell'inceneritore del Cornocchio il 2 luglio del 1975.
L'impianto, con una strana assonanza che ci ricorda le parole di Andrea Allodi (ex presidente Enia), quando magnificava pochi mesi fa le doti dell'impianto di oggi, viene presentato come quanto di meglio la tecnologia possa offrire, “uno strumento di primaria importanza per la tutela dell'igiene ambientale, a salvaguardia della salute dei cittadini”.
Parole che risuonano grottesche alla luce dei risultati dello studio del Prof. Marmiroli.
Grottesche o tragiche, a seconda dei risultati delle indagini sanitarie che chiediamo.
Ci poniamo tante domande.
E' stata avvisata la popolazione del Cornocchio degli esiti di questa ricerca?
I dipendenti AMNU sono stati messi al corrente?
E' stato avvisata la massima autorità sanitaria della città?
Perché l'impianto ha continuato a funzionare fino al 2002?
Domande che pesano e a cui vorremmo poter dare una riposta.
Il dubbio che ci assale è tremendo e non vorremmo che come già accaduto spesso in casi simili, si sia passato sotto silenzio una scomoda verità, per non compromettere il funzionamento di una macchina già molto ben oliata.
Oggi serve assoluta verità, vengano rese pubbliche i dati scientifiche su cause di malattie e mortalità per i cittadini che hanno abitato nella zona circostante negli anni tra il 1975 e il 2002, e che lo stesso venga fatto per i dipendenti AMNU del Cornocchio.
Lo pretendiamo perché con la salute dei cittadini non ci devono essere segreti.
E non ci si deve scherzare sopra inneggiando a grigliate ed aerosol.

Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma - GCR

Parma, 19 settembre 2011

+80 giorni dallo stop del cantiere dell'inceneritore di Parma
+476 giorni dalla richiesta a Iren del Piano Economico Finanziario del Pai, forse perché l'inceneritore costa 315 milioni di euro?

Da giugno 2011 anche a Parma il tetrapak (cartoni del latte, dei succhi di frutta) può essere riciclato, mettendolo nel bidone giallo per la raccolta di vetro, plastica e barattolame.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Simone

    20 Settembre @ 17.40

    comune o provincia....non è questione di colore! è perfettamente evidente che hanno paura delle reazioni della cittadinanza. il buon senso vorrebbe che si abbandonasse subito l' idea di costruire il termo. E' peraltro perfettamente vero che esiste una ampia fascia di cittadini pigri e menefreghisti che non aiutano certamente a fare un ampia rigorosa e precisa raccolta differenziata, contro i quali bisogna scontrarsi.

    Rispondi

  • Gio

    20 Settembre @ 16.58

    Nel 1996 NON c'era la raccolta differenziata e quindi bruciavano Tutto. Plastica, carta ecc. Io sono per la differenziata ma non si riesce a riciclare o riutillizzare tutto come si deve fare ? Io sarei per dividere anche le lattine subito senza mescolare nel plastica e barattolame e per avere una raccolta di batterie,pile usate almeno in ogni quartiere. Poi voglio dire due parole sulla pigrizia di molta gente che fino a quando non sono andati sotto casa aprendere la differenziata non la facevano ! Erano tutti impossibilitati ad andare nelle aree predisposte ? Non quelle dei rifiuti ingombranti ma quelle con i cassonetti dedicati sempre disponibili.. Io ci andavo in bicicletta nelle ore e nei giorni in cui riuscivo.

    Rispondi

  • la camola

    20 Settembre @ 15.29

    La nostra regione è attiva solo nell'applicare le addizionali sulle bollette e sulle pensioni. L'ARPA fa, probabilmente, quello che i politici le lasciano fare, ho l'impressione che sia un organismo costoso ma dormiente.

    Rispondi

  • Andrea

    20 Settembre @ 15.27

    Io piuttosto direi "PER SFORTUNA in quel periodo è cambiato il colore del Comune, altrimenti sarebbero state fatte denunce anzichè insabbiare le inchieste!!!"

    Rispondi

  • il Viandante delle Beccherie

    20 Settembre @ 15.22

    gigi il colore del Comune è cambiato da allora, quella che non è cambiata è la voglia di costruire gli inceneritori.............questo insegna che sarebbe ora, di smettere di guardare ai colori e alle etichette, ma solo alle azioni delle persone e decidere, solo ed esclusivamente, in base ad esse.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paola Di Benedetto dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo

TELEVISIONE

Sexy Paola dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo Foto Video

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

INCHIESTA

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

TRUFFA

Vende il camper, ma gli rifilano un assegno falso da 30mila euro

Lutto

Addio a Sergio Alfieri, il partigiano «Felice»

PARMA BASEBALL

400 giocatori in 60 anni di storia

INTERVISTA

Andrea Carè: «Davanti a Pavarotti mi tremarono le gambe»

Intervista

Jack Savoretti: «Fiero delle origini italiane»

Hobby

Pezzali e i trattori, storia di un amore

Via Farini

Ladro di cellulari incastrato dall'app

25 APRILE

In 5mila in piazza Garibaldi. I Baustelle sul palco

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

ANTEPRIMA GAZZETTA

Inchiesta sugli affitti: 2 sfratti al giorno in media a Parma e provincia Video

Inquilini abusivi: proprietario di un appartamento "accolto" con un coltello

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

politica

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

Cavandoli: "Entrambe le parti erano mosse da motivazione valide e giuste"

6commenti

sfilata

Parma, 25 Aprile: tutti i colori della libertà Foto

AUTOSTRADE

Schianto in A1: due in Rianimazione. Incidente in A15 in serata

Una moto è finita a terra in A1 tra Fidenza e il bivio per l'A15

GAZZAREPORTER

Lago Santo: 25 Aprile al rifugio Mariotti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

LA BACHECA

Ecco 20 nuovi annunci per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

CAMERINO

Dopo la condanna per abusi assume un mix farmaci: morto prof di Anatomia

TECNOLOGIA

WhatsApp vietato ai minori di 16 anni in Europa

1commento

SPORT

CHAMPIONS

Il Real Madrid sbanca Monaco: 2-1 al Bayern

PARMA CALCIO

Verso Vercelli: Vacca torna in gruppo, si lavora per il recupero di Scavone Video

SOCIETA'

COPENHAGEN

Ergastolo all'inventore del Nautilus per l'uccisione della reporter

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel