18°

Parma

L'assessore Fecci: "Sicurezza: il problema è la non certezza della pena"

L'assessore Fecci: "Sicurezza: il problema è la non certezza della pena"
Ricevi gratis le news
21

Ecco il testo di una lettera che l’assessore Fabio Fecci ha inviato ai direttori delle testate locali  

Egregio direttore, è di questi ultimi giorni la notizia che il Ministro Galan ha presentato un disegno di legge per incrementare le pene per chi deturpa i monumenti, prevedendo anche la misura della detenzione.

Come cittadino e politico non posso che dire: bene, anzi, benissimo, così avremo più strumenti per intervenire contro chi compie queste azioni, anche a tutela dei nostri beni archeologici, come ad esempio il Battistero. Benissimo anche gli inasprimenti per le violazioni del codice della strada, anche se siamo ancor in attesa della definizione del reato di omicidio stradale.

Ma quando queste misure saranno applicate con rigidità anche per chi commette reati, anche se considerati minori, ma con un grande impatto sulla percezione di sicurezza della gente, come scippi, borseggi o furti? Quando le Forze di Polizia potranno svolgere il loro lavoro in maniera veramente efficace? Quando il senso di legalità e di giustizia verrà riportato alla realtà?

Certezza della pena: un tema che mi sta particolarmente a cuore, un tema per cui cerco di battermi ogni giorno, un tema che in queste settimane, dopo alcuni episodi di cronaca nazionale, come ad esempio la povera donna ottantenne morta dopo uno scippo, è tornato prepotentemente all’attenzione della gente.

Il problema di questo Paese non sta nelle risorse investite per la sicurezza – sulle quali occorre però sempre investire per la tutela dei nostri cittadini - e nella capacità delle Forze dell’Ordine, ma piuttosto nella mancanza di regole e pene certe e severe per chi commette determinati reati.

E parlando di microcriminalità, poi, il tutto si complica ulteriormente: in presenza di reati cosiddetti minori, ma che oggi rappresentano un numero molto elevato dei crimini che si consumano nelle nostre città e che hanno un fortissimo impatto anche sulla percezione di sicurezza dei nostri cittadini, occorre garantire pene certe e severe. Chi sbaglia deve pagare, deve andare in carcere.

Un problema generale che si riverbera dall’alto al basso e che poi ci ritroviamo ad affrontare quotidianamente sulle strade delle nostre città.

Oggi, specialmente a Parma, stiamo investendo grandi risorse sulla sicurezza. Abbiamo emesso ordinanze in materia di sicurezza urbana, collaboriamo in maniera costante con le Forze dell’Ordine, svolgiamo attività di controllo con la Polizia Municipale, investiamo in strumentazioni tecnologiche per gli agenti e in videosorveglianza, assumiamo nuovi agenti di Polizia Municipale, ma senza un adeguato sistema legislativo in grado di garantire che chi delinque debba pagare, queste nuove misure rischiano di attenuare il problema e di non di risolverlo: Continuando così i risultati che otterremo non saranno sicuramente equiparati agli sforzi, anche economici, profusi.

Per tutto questo, caro direttore, è mia ferma intenzione sollecitare nuovamente il Ministro dell’Interno e il Ministro della Giustizia su questo tema, che ritengo fondamentale per sviluppare, in Italia, delle vere e serie politiche per la sicurezza dei cittadini”.

Fabio Fecci

Assessore alla Sicurezza del Comune di Parma

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    26 Settembre @ 11.14

    Anarca, Fecci poteva trincerarsi dientro le solite balle della lega dove la colpa è dei comunisti, di prodi, dell'europa e tanto altro, invece ha parlato del problema invece di trovare mille giustificazioni

    Rispondi

  • giuse

    25 Settembre @ 16.33

    Caro assessore invece di scrivere , pensi ai 600 milioni di debiti fatti dalla sua giunta , alle sputtanate nazionali dei TG e al fatto che la nostra città è stata paragonata alla Catania dei tempi migliori. Dia retta si metta a lavorare e pensi ai debiti , lafesta è finita.

    Rispondi

  • Egiziano

    25 Settembre @ 11.29

    In 5 anni di giunta vignali, sono cambiati due assessori alla sicurezza e 3 capi dei vigili. Il primo assessore è stato silurato per incompetenza, ha dato il via alla politica di intolleranza e si è trovato ad affrontare il caso bonsu. Il secondo è ancora li per non si sa quale ben precisata ragione e c' è stato un altro cambio al vertice dei vigili per presunte tangenti, coperte dall' acquisto dell' unità cinofila. Caro Fecci vorresti davvero fare credere che il problema sia la certezza della pena?

    Rispondi

  • Raffaele

    25 Settembre @ 08.50

    Se ci fossero più persone che come l'Assessore Fecci credono in ciò che fanno molte cose cambierebbero!!!

    Rispondi

  • daniela

    25 Settembre @ 08.26

    Qui si vogliono confondere le idee ai cittadini, il problema vero di Parma è che non si sa par quale ragione le REGOLE non si fanno rispettare Sono propio i nostri amministratori che NON vogliono che le forze dell'ordine intervengano.VEDI DEGRADO OLTRE TORRENTE.Alla certezza della pena siamo molto lontani......

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana mantiene il titolo di Miss Italia. "Quelle foto osè erano rubate"

decisione

Carlotta Maggiorana mantiene il titolo di Miss Italia. "Quelle foto osé erano rubate"

Zanza

Maurizio Zanfanti, detto "Zanza"

RIMINI

Malore fatale con una ragazza: è morto "Zanza", re dei playboy

Mirco Levati "paparazzato" con Belen

GOSSIP

Mirco Levati "paparazzato" con Belen Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Cammino dei sapori: dall’Appennino al mare tra natura e gastronomia

La copertina del libro

NOSTRE INIZIATIVE

Il Cammino dei sapori: dall’Appennino al mare tra natura e gastronomia

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

CALCIO

Napoli-Parma: turnover leggero per i crociati, confermati Gervinho e Inglese Diretta dalle 21 

Segui gli aggiornamenti minuto per minuto a partire dalle 21

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

1commento

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

università

UniRankings 2019: l'ateneo di Parma 501esimo nella classifica mondiale

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

FIDENZA

Vandalismo: distrutto il lunotto di una Lancia Y

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

12 TG PARMA

Rifugiati: il Ciac lancia una petizione sul web contro il decreto Salvini Video

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I «like», la morte e il valore della vita

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

ITALIA/MONDO

mafia

Aemilia, il procuratore generale di Bologna: "Usare l'aula bunker anche per l'appello"

CHIETI

Violenta rapina a Lanciano: arrestati tre romeni. E si cerca il capobanda italiano

SPORT

procura

Moto, Fenati ora è indagato per violenza privata

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

4commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel