15°

24°

Parma

Quando in Oltretorrente suona l'Ave Maria

Quando in Oltretorrente suona l'Ave Maria
Ricevi gratis le news
0

 Nuove campane per la chiesa dell’Annunciata, nell’Oltretorrente. Padre Adriano Della Valle, parroco della famosa chiesa di Padre Lino e dei francescani di Parma, ha lottato negli ultimi due anni, da quando si è insediato nella parrocchia, per ripristinare il suono delle campane, che annunciano la messa mattutina e l’Ave Maria serale, come segno e simbolo di un tempo non solo dedicato al commercio e alla movida. Anche così si cerca di risolvere la difficile situazione spirituale e religiosa di un quartiere, l’Oltretorrente, che negli ultimi tempi ha mostrato problemi di tenuta sociale. Le manifestazioni dei giorni scorsi sono il termometro di un malessere diffuso. Lo sfregio alla statua di padre Lino lascia interdetti. Padre Adriano ha un’esperienza molto ricca come parroco: «Sono nato a Rimini» spiega. «Sono stato a Busseto cinque anni, dove ho grandi amici, e poi dieci a Faenza, nove a Roma e due anni a Gerusalemme dove ho lavorato come responsabile della tipografia francescana e sei anni a Milano Marittima, in una realtà complessa come quella di un posto di vacanza. Questa lunga esperienza mi serve per affrontare la vita del quartiere dove sono adesso». L’Oltretorrente è sempre stato un quartiere che ha ospitato migranti, poveri e straccioni. E’ sempre stato un quartiere «caldo», tanto che Mussolini l’ha raso al suolo per bonificarlo dalle tensioni anarchiche che serpeggiavano nelle osterie. Oggi torna a essere un quartiere vivo, specchio di una società complessa come la nostra. «La mia parrocchia ha circa 2000 anime, un terzo costituito da residenti storici, un terzo di emigranti e un altro terzo di studenti fuori sede. Specialmente i vecchi parmigiani sentono e vivono il degrado di un quartiere che non riconoscono più come loro e alcuni non escono più  nemmeno di casa. Per questo ho voluto il suono delle campane. Non è solo un simbolo che invita alla preghiera! E’ anche un suono di fede che voglio riportare nel quartiere anche se il campanile come sapete non si vede, è mozzo!». Padre Adriano ha le idee chiare. «Credo che il vangelo bisogna portarlo fuori dalla chiesa, in mezzo alla gente, nella strada, parlando con i commercianti, con chi abita le vie, facendoci conoscere. Non faceva così anche Gesù quando incontrava i poveri, i ladri, tra pubblicani e farisei? Era Gesù che andava da loro. Diceva: «Seguimi, vieni con me!». Credo che la chiesa e il vangelo, i suoi valori di amore, umanità e speranza, possano essere un valido punto di riferimento non solo per la parrocchia, ma per tutto il quartiere che ha al suo interno la mensa di padre Lino e il centro di smistamento di beni di prima necessità».
Non solo dunque un’azione legata al sociale, ma soprattutto al mondo spirituale. I valori del vangelo, in una società come quella di oggi, sono ancora uno scandalo. «Penso che il parroco debba andare in mezzo alla gente, parlare con tutti, capire i problemi e il disagio. Anche negli incontri prematrimoniali invito sempre al reciproco rispetto e alla pazienza, cerco di essere un amico che aiuta gli altri. Se non c’è l’amore di due persone che costruiscono una famiglia, diventa difficile poi restituire questo amore nella società». Padre Adriano è consapevole che non esiste una ricetta assoluta ma solo un modo evangelico di porsi verso i parrocchiani. «Io credo negli adulti. Mi piacerebbe che gli adulti cominciassero a frequentare la parrocchia come un luogo vivo, di scambio d’idee e di valori con cui affrontare la realtà del presente. Io sono qui, le porte sono aperte. La parrocchia può diventare un punto di riferimento nel quartiere, per tutti. Il lavoro è lungo e difficile. Ma credo che gli adulti, prima di tutto, possano fare molto. Sono loro che insegnano ai propri figli. Se manca la famiglia è difficile restituire alla società i suoi valori. Io credo molto in questo. Spero che le campane diano la sveglia a un quartiere che ha bisogno di valori di solidarietà e di amore». All’inizio qualcuno si lamentava perché le campane disturbavano, oggi qualcuno si lamenta quando le campane non suonano. Dice don Adriano: «L’Ave Maria di Nazaret che si ascolta di sera è un pensiero di saluto dalla vostra chiesa che raggiunge ciascuno nella propria casa, senza nessuna distinzione, tutti i giorni. E questo non è poco. Per molti può essere già un motivo di consolazione. Un modo per dire: io sono qui!». G.C.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Bellezze...mondiali (sugli spalti) Gallery

tifo e tifose

Bellezze...mondiali (sugli spalti) Gallery

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Salsomaggiore: Fritelli vince per 100 voti

Fritelli esulta alla notizia della vittoria

Salsomaggiore

Fritelli rieletto sindaco: vince per 101 voti dopo un lungo testa a testa

Affluenza in calo: ha votato il 49,6% dei salsesi

INCIDENTE

Si schianta contro un suv: motociclista in Rianimazione

Carabinieri

In manette il «ras» dei pusher nordafricani

Lavoro

Donne in divisa, quattro storie di coraggio

LUTTO

Busseto e Polesine piangono Elisabetta Ferrari: aveva 51 anni

BILANCIO

Salso calcio, è dei tanti giovani il «miracolo» dell'Eccellenza

STORIE DI EX

Veron: «Il Parma merita la A»

Nuoto

Ghiretti, pioggia di medaglie a Palermo

Strumento

Da Parma un «naso elettronico» per scovare le bombe

POLITICA

Selfie con Fritelli per il sindaco di Sorbolo: "Si riparte dai giovani e bravi amministratori"

Post su Facebook di Nicola Cesari

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

2commenti

football americano

Panthers battuti dai Giants Bolzano nella semifinale scudetto

La sconfitta arriva al Tardini per 30-25

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

3commenti

pericolo

Voragine in via Volturno, via Musini La foto

1commento

30 GIUGNO

"Mia madre non lo deve sapere": Chiara Francini presenta il suo libro a Parma

Incontro con Chiara Cabassi alla Corale Verdi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come potranno motivare una condanna?

di Michele Brambilla

LA PEPPA

Fusilli estivi, pasta fredda protagonista

ITALIA/MONDO

politica

Ballottaggi: crollo del Pd, trionfo del centrodestra. Avellino e Imola ai 5 Stelle, Di Maio: "Straordinario"

CALCIO

Alicia Piazza convoca i tifosi: "Non iscriviamo la Reggiana al campionato"

SPORT

RUSSIA 2018

Colombia travolgente: la Polonia è già fuori

calcio

Giappone e Senegal, gol e spettacolo: finisce 2-2

SOCIETA'

cani

Sos per Tito, uno splendido esemplare di bracco ungherese

cina

Il bus si ribalta e i passeggeri volano fuori dal finestrino

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse