13°

25°

Parma

Processo Bonsu. Chiesti 56 anni per gli 8 imputati

Processo Bonsu. Chiesti 56 anni per gli 8 imputati
Ricevi gratis le news
19

«Non abbiamo niente da dire, per noi parleranno i nostri avvocati». Emmanuel Bonsu, presente ieri in aula a fianco del padre Alex - che ha rilasciato queste poche parole -  non ha voluto commentare i 56 anni (e dieci mesi) complessivi che la pubblica accusa ha chiesto come condanna per gli otto vigili imputati per il pestaggi del giovane ghanese. Ha assistito alla ricostruzione accusatoria del pm Roberta Licci che, dopo otto ore di requisitoria, ha partorito le pesantissime  richieste di condanna, con la stessa aria tranquilla e sicura con cui  ha seguito la «maratona» processuale.  Nove anni e tre mesi di reclusione per Pasquale Frantantuono, nove anni  per il commissario Simona Fabbri, otto anni e otto mesi di reclusione  per Stefania Spotti, otto anni e sette mesi per  Mirko Cremonini, a cui è contastata, con Fratantuono, l'aggravante di discriminazione razziale. Per Fratantuono, Fabbri, Spotti e Cremonini il  pm ha chiesto  l'interdizione perpetua dei pubblici uffici. Ma non è finita. Per Andrea Sinisi,  sei anni e undici mesi di reclusione, un mese in meno (sei anni e dieci mesi), invece, per Giorgio Albertini e Marco De Blasi, sei anni e nove mesi di reclusione è la richiesta di condanna per Graziano Cecinato.  Per loro il pm ha chiesto  l'interdizione  di cinque anni dai pubblici uffici. Per tutti gli imputati, nella richiesta  della pena,  ha inciso l'aggravante di aver agito in continuazione «allo scopo di ottenere l'impunità; una continua attività - ha affermato il pm -  tesa a coprire  quello che era realmente accaduto e  finalizzata a trarre in inganno l'autorità giudiziaria».  
(L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • alceo

    28 Settembre @ 17.37

    non ho capito sei il sig. clansman nei suoi interventi sia guidato da antipatia personale per neri, extracomunitari etc oppure faccia semplicemente il tifo per quattro aspiranti callaghan di paese che si sono coperti di ridicolo .. ma ognuno ha le sue frustrazioni..

    Rispondi

  • Geronimo

    28 Settembre @ 16.40

    Clansman, a Bonsu non gli hanno dato proprio un ceffone.... Comunque sapete tutti che le pene alla fine saranno più lievi, giustamente un PM chiede il massimo come fa anche con uno spacciatore, il puntè è un altro, questi non si faranno nemmeno un giorno di carcere, non gli verranno toccati i beni, non verranno licenziati dal comune anche se è stata chiesta l'interdizione dai pubblici uffici, il reato quando arriverà la sentenza dell'ultimo grado di giudizio sarà prescritto e il risarcimento a Bonsu lo darete voi cittadini parmigiani con le vostre tasse. Per voi la colpa sarà sicuramente di Bonsu ma non vi sfiora il minimo dubbio che sia della politica? Perchè chi ha sbagliato non deve pagare e deve farlo indirettamente tutta la città? Signora Michela, non so se lei si occupa generalmente di penale, lo so che dovete difendere fino all'ultimo il cliente di turno, lo so che dovete guadagnare giustamente, è il vostro lavoro, ma come mai se il vostro cliente di turno è palesemente colpevole cercate in tutti i modi di allungare i tempi dei processi con impedimenti vari e per fare i vari appelli apsettate a presentarli l'ultimo giorno utile? Non mi dica che sono tempi tecnici e questioni di tempo, sappiamo benissimo che è questione di tattica difensiva. Ma non avete un pò di rispetto per le vittime? o è più importante magari scarcerare un assassino o il vostro conto in banca?

    Rispondi

  • Elbano Bagnoli

    28 Settembre @ 13.53

    E pensare che il vero SPACCIATORE arrestato dai vigili nel corso dell'operazione è stato solamente denunciato a piede libero. E se non fosse stato arrestato nuovamente un anno dopo non si serebbe fatto nemmeno un giorno di prigione...

    Rispondi

  • parmense doc

    28 Settembre @ 13.33

    per elbano: violentare una bambina a parma è meno grave di arrestare un nero innocente..e di darlgi 1 ceffone..questa è PARMA

    Rispondi

  • il Viandante delle Beccherie

    28 Settembre @ 12.57

    @michela: ha fatto bene a precisare che è avvocatessa, se avrò bisogno di un legale eviterò tutte le signore avvocato di nome michela, visto come conosce bene la giustizia......come scrive bene Maurizio, c'è qualcosa d'altro oltre alle lesioni personali, e le dico io cosa: qui una cricca di, presunti, tutori dell'ordine si è ingegnata per coprire il misfatto, quindi c'è abbastanza carne al fuoco, falsi rapporti, testimonianze concordate, omissioni e depistaggi interni al Corpo per evitare che saltasse fuori il caso, così almeno riporta la requisitoria del PM, quindi ce ne è a sufficienza per contemplare qualche reatuccio: la falsa testimonianza, il falso materiale ed ideologico, nonché il favoreggiamento e l'istigazione al reato, e penso che anche il fatto che fossero pubblici ufficiali abbia avuto suo bel peso nella richiesta di pena. Almeno così credo. Ma io sono ignorante in materia, pertanto mi rimetto alle valutazioni di chi conosce la giustizia........ma per davvero, se possibile.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' nato il terzo royal-bay: è un maschio

Gran Bretagna

E' nato il terzo royal-baby: è un maschio

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Le matricole: il Trash party d'apertura. Le foto della festa

TONIC

Le matricole: il Trash party d'apertura Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Quiche tricolore, cucina patriottica

LA PEPPA

La ricetta - Quiche tricolore, cucina patriottica

Lealtrenotizie

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

INTERVISTA

Baronchelli e Bugno, ciclisti-bersaglieri

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

MEMORIA

I luoghi della Resistenza a Parma

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

Il personaggio

Beppe Boldi, maestro di cori: 55 anni di carriera

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

REGGIO EMILIA

Silvia Olari su Fb: "Mi hanno rubato il tablet". E i Carabinieri lo rintracciano subito

"Tutto è bene quel che finisce bene", scrive la cantante

Serie B

L'Empoli strapazza il Frosinone, il Parma resta al secondo posto

Lucarelli esorta tutti su Fb: "Non esiste sconfitta nel cuore di chi lotta"

1commento

alimentare

Anno da record per il Parmigiano Reggiano

I dati del 2017: 3 milioni 650 mila forme prodotte, +5,2% rispetto 2016 nonostante l'aumento dei prezzi

Mondo

Nicaragua, 25 morti in scontri, cronista muore in diretta

Colpito alla testa mentre stava riprendendo su Facebook.

PARMENSE

Superenalotto: vincita da oltre 41mila euro a San Secondo

Coltaro

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Trattative perditempo: Mattarella in campo

di Vittorio Testa

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

10commenti

ITALIA/MONDO

Mondo

Macron vola da Trump: "Nessun piano B sull'accordo con l'Iran" Video

Economia

Dazi: accordo Ue-Messico per rimuovere il 99% delle barriere Video

SPORT

RUGBY

Zebre: pullman per i tifosi sabato a Treviso

parma calcio

Al Tardini la nascita delle Parma Legends e il raduno di “Serie A: Operazione nostalgia” Foto

SOCIETA'

MEDIA

Osservatorio giovani-editori: entra Tim Cook di Apple 

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover