13°

28°

Parma

L'Anffas scrive al Comune: "Grave ridurre le borse di lavoro per i disabili"

Ricevi gratis le news
3

Il presidente di Anffass Carlo Passeri ha inviato una lettera aperta al Comune in merito alla riduzione delle borse di lavoro a sostegno degli inserimenti lavorativi. Questo il testo:

"Da alcuni giorni le case dei nostri associati sono destinatarie di lettere inviate dall’ Agenzia Disabili che comunica la riduzione delle borse lavoro a sostegno degli inserimenti lavorativi. Non possiamo non manifestare tutta l’amarezza di questa scelta che si colloca nell’alveo di un atteggiamento punitivo nei confronti delle persone con disabilità sempre più diffuso anche a livello nazionale. Spiace rilevare che non ci sia stata alcun opportunità di confronto sia con l’Assessore né tanto meno con il Sindaco.
Non possiamo riconoscere, in questa scelta, il Comune Amico. Non è sufficiente dichiararsi tali così come non è sufficiente dichiararsi Città Amica delle persone con disabilità. Lo slogan delle persone con disabilità che abbiamo fatto nostro è “nulla su di noi senza di noi”. Mai ci saremmo attesi che il Comune di Parma, dopo aver in più sedi affermato che non avrebbe diminuito di un euro i servizi alle persone, avrebbe preso risorse dai servizi per disabili per trasferirli alle scuole dell’infanzia… Mai avremmo pensato di doverci confrontare, nella città che ha inventato l’inserimento lavorativo in Italia e per anni è stata modello di riferimento anche per molti Paesi europei( all’inizio vennero chiamate borse CEE in quanto finanziate dalla Comunità Europea), con una scelta di politiche sociali così grave, non tanto per gli aspetti economici (anche se per molti potrebbe aver risvolti personali e familiari gravi) quanto per gli aspetti culturali e sociali che tale scelta manifesta.
Uno dei pilastri dell’inserimento lavorativo era sempre stata la valutazione delle capacità della persona e del suo impegno rispetto al progetto definito che a volte non dipende dal disabile ma dalle condizioni esterne e o dalla capacità del servizio di promuovere luoghi e opportunità di inserimento più lunghi di quelli fattivamente disponibili. La borsa lavoro dovrebbe essere uno stimolo all’impegno e, in alcuni casi, anche il riconoscimento di una seppur minima produttività sociale. Chiediamo al Comune di rivedere questa scelta e di poterne discutere prima di ogni cambiamento".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • emme

    29 Settembre @ 12.15

    E la Prof.ssa Caronna, nei mesi scorsi così vicina all'Assessore Bernini e alle posizioni di questa Giunta, cosa pensa in merito a questo provvedimento??? Grazie

    Rispondi

  • Silvana Borlenghi

    28 Settembre @ 18.10

    Al nostro bel Comune non interessano le borse lavoro per disabili. Non gli interessa dare a queste persone l'opportunità di un inserimento nel tessuto sociale. Questi amministratori privilegiano i loro amici, le loro simpatie, qualche familiare da accontentare un pò nella carriera. Anzi chi entra a lavorare in Comune come categorie protette, inserimenti lavorativi gli fanno vedere i sorci verdi con azioni di mobbing. Questa situazione l'ho vissuta dal 2004 al 2009 sulla mia pelle quando i miei dirigenti della Cultura (ora una è in un altro assessorato) mi hanno lasciato senza mansioni, senza lavoro da svolgere e tutto il giorno guardavo il bel soffitto di travi. Il nostro Comune adotta queste buone azioni nei confronti delle fasce deboli, dei dipendenti deboli. Tra l'altro poi se ne libera mandando questi dipendenti a cui non sanno quali lavori far svolgere (questa è stata la comunicazione del dirigente data ad un colloquio con la consigliera Carla Mantelli) ai loro dipendenti presso cooperative sociali con una convenzione ma questi dipendenti restano comunque di fatto dipendenti del Comune ma se ne sbarazzano in questo modo. Sarebbe ora di tutelare queste frustrazioni e queste discriminazioni. Danilo Amadei sensibile a queste situazioni ci ha provato a fornire le dovute informazioni, i dovuti consigli alla diririgente che gli aveva chiesto se io quando c'era lui lavoravo. Il mio dispiacere non è tanto perchè continuavo ad essere senza lavoro e a guardare il soffitto ma il fatto che i consigli non vengono ascoltati specialmente dati persone che hanno a cuore la dignità della persona. Queste dirigenti a cui io chiedo le dovute spiegazioni e motivazioni compresa anche la commissione del concorso interno del 2006 che hanno messo in difficoltà e a disagio le persone con domande del tipo cosa consiste la tua mansione? In questo caso cosa rispondi o ti alzi e ti fai sentire oppure come ho fatto io (ho sbagliato) per scrupolo mi sono rifatta alle esperienze apprese negli anni precedenti (ai servizi sociali) ma che non avevano nessun riferimento con l'assessorato dove lavoravo nell'ultimo periodo (Cultura). Cerchiamo di tutelare il lavoro dei disabili perchè possano tirare fuori le loro potenzialità senza che persone cattive, indifferenti e menefreghiste blocchino e spengano la loro motivazione e soprattutto che non vengano dimenticati tra le quattro mura di una stanza. Dottoressa Aimi è ora che dia le motivazioni perchè lei mi ha fatto veramente soffrire. L'altra dirigente spero che possa un domani mettere in atto quei consigli che la mettevano sulla strada corretta.

    Rispondi

  • Piero

    28 Settembre @ 15.01

    Stando a quanto riportato nell'articolo, in quanto cittadino di questa città, mi sento in dovere di far notare che se sono stati prelevati soldi destinati ai Servizi alla Persona e sono stati altresì dirottati ai Servizi per l' Infanzia di cui era Assessore chi sappiamo ( e di cui il Sig. Davide ne ha fatto un appunto proprio ieri qui in questro sito, essendo, egli stesso, stato a sua volta vittima di situazione di malaffare ), appare pacifico che non vi sia bisogno di star li a scervellarsi nel domandarsi sui motivi per cui è avvenuto ciò. In tal caso credo che sia del tutto evidente che l'unica cosa da fare è chiedere con urgenza un incontro con gli Organi comunali competenti al fine di ripristinare questa incresciosa situazione nel giusto ordine che era stato precedentemente stabilito tra le parti. Per quanto concerne i Servizi per l' Infanzia ne risponderà poi di persona, per quanto compete le proprie responsabilità, colui o coloro che hanno determinato la situazione di disagio a quanti sono rimasti, proprio malgrado, vittime di questa malagestione Saluti.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

decreto sicurezza

Salvini: "Via tutti i campi rom entro fine legislatura"

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno