14°

27°

Parma

Emmanuel, interrogazioni di Soliani e Motta - Guarnieri: "Politica sulla sicurezza in città, bilancio deficitario"

Ricevi gratis le news
0

La senatrice Albertina Soliani ha presentato un’interrogazione parlamentare per i ministri dell’Interno Roberto Maroni e delle Pari Opportunità Mara Carfagna. La parlamentare del Partito democratico ha chiesto ufficialmente chiarimenti al Governo su quanto denunciato dal giovane Emmanuel.
In particolare la Soliani chiede ai ministri di fornire ulteriori informazioni sulla dinamica dell’accaduto e “se non si ritenga opportuno prevedere attività di formazione di tutte le forze deputate a garantire la sicurezza sul territorio nazionale, compresi i Corpi di Polizia Municipale, per far si che l’esercizio del potere avvenga sempre nel rispetto dell’ordinamento e non interferisca sulla sfera di diritti e libertà della persona costituzionalmente tutelati”.
La senatrice auspica inoltre un impegno forte del Governo per sostenere i processi di integrazione e rafforzare le politiche di contrasto alle discriminazione, politiche fondamentali per la lotta alla criminalità e per l’innalzamento del livello di sicurezza. «I gravi episodi di intolleranza registrati negli ultimi tempi a livello nazionale - recita il testo dell'interrogazione -  sono il chiaro segnale di un clima di  crescente tensione e discriminazione e ciò rappresenta un serio pericolo per la vita democratica e civile della nostra comunità».

INTERROGAZIONE ANCHE DI CARMEN MOTTA. Alla Camera sarà Camen Motta a presentare un'interrogazione. “Con l’entrata in vigore del decreto-legge sulla sicurezza, che prevede il conferimento di nuove funzioni alle amministrazioni locali e ai comuni, molti sindaci, compreso il sindaco di Parma, hanno emesso ordinanze, attribuendo alla Polizia municipale compiti prima assegnati esclusivamente alla Polizia di Stato - dice la Motta, in una nota -. Dopo quanto accaduto è necessario e assolutamente indispensabile che nelle Aule del Parlamento sia fatta una seria riflessione sull’adeguatezza di questi provvedimenti e verificare se le forze di polizia municipale abbiano le competenze, la formazione e gli strumenti necessari per poter intervenire in modo corretto, per tutelare la sicurezza e la legalità nel nostro territorio nazionale. Come Partito democratico, proporremo un’interrogazione urgente chiedendo al Governo una precisa ricostruzione dei fatti accaduti a Parma e una valutazione degli effetti del decreto sicurezza”.

“Qualora fosse confermato si tratterebbe di un episodio gravissimo, come dichiarato anche dallo stesso ministro Maroni - continua la Motta -. Noi siamo perché vengano accertati i fatti, senza alcun pregiudizio ma in fretta. Il clima creatosi il questo Paese, anche in una città come Parma, conosciuta per una lunga e nobile tradizione di civiltà e di buona convivenza, sta mutando. Vorremmo evitare che si verificassero nuovi casi di questo genere, perché di tutto abbiamo bisogno tranne che di creare allarmi, nuove tensioni e situazioni di  insicurezza per i nostri cittadini”.

GUARNIERI: «PERCHÉ LA POLIZIA MUNICIPALE?». Maria Teresa Guarnieri, consigliere comunale della lista “Altra Politica”, in una nota sottolinea che a suo giudizio la politica della giunta Vignali riguardo alla sicurezza ha un «bilancio ampiamente deficitario». Si chiede inoltre per quale motivo operazioni come quella antidroga all'ex Eridania siano fatte dalla Polizia municipale, anziché essere demandate a polizia e carabinieri.
«La giunta Vignali si è caratterizzata in questi mesi per una grande attenzione al problema della sicurezza - dice il comunicato della Guarnieri -. Oltre ad aver nominato un assessore con una delega precisa su questo tema, questa amministrazione è stata in prima linea nella nel promuovere la cosiddetta Carta sulla Sicurezza e, conseguentemente ha previsto una serie di provvedimenti che vanno dall’adozione da parte della Polizia Municipale del manganello fino alle sette recentissime ordinanze sulla sicurezza. Non stupisce di conseguenza che dall’inizio del mandato sono stati molti i nuovi agenti entrati nell’organico della Polizia municipale; e a questi si aggiunge la recentissima nomina di un dirigente della sicurezza che sarà anche Comandante e che - sia detto per inciso - proviene da una lunga esperienza nei Nas».

Il giudizio politico è netto: «Si tratta di scelte politiche di un’amministrazione che un cittadino può non condividere, ma che di sicuro la giunta Vignali ha tutto il diritto di esprimere. Però un bilancio di queste scelte bisogna pur tentare di farlo e, purtroppo, si tratta di un bilancio ampiamente deficitario se è vero come è vero che nell’arco di due mesi siamo balzati all’onore delle cronache nazionali per operazioni di polizia con esiti quanto meno dubbi, e mi riferisco alla bruttissima immagine della prostituta “abbandonata” nella guardiola di viale della Villetta. E a fronte di tutto questo non mi pare che i risultati sul piano di un effettivo miglioramento della sicurezza in città siano incontrovertibili».

La consigliera Guarnieri auspica infine una migliore «suddivisione dei compiti» tra forze dell'ordine. «Ripeto: la verità deve essere accertata e chi ha sbagliato pagherà, però mi chiedo: perché il corpo di Polizia municipale - dice nella sua nota - viene sempre più spesso utilizzato in operazioni che, almeno a me, sembrano più da Polizia di Stato e Carabinieri? I nostri agenti sono adeguatamente formati per questo genere di compiti? Abbiamo davvero il controllo di questo strumento o non è per caso che il clima politico determinatosi intorno al tema della sicurezza sta magari “esaltando” qualche singolo?
E infine dobbiamo chiederci: sono proprio questi i compiti che vogliamo affidare alla nostra Polizia municipale? Pur rinnovando tutta la mia stima per un corpo che ha sempre reso un servizio prezioso per la nostra città, credo che su questa questione sia fondamentale procedere con grande attenzione e trasparenza: il nostro compito  deve essere quello di tutelare i cittadini di Parma, tutti e senza distinzione di pelle o di razza, ma soprattutto dobbiamo evitare che possano accadere nuovi e sempre più pericolosi incidenti, che rischiano di distruggere il rapporto di fiducia che deve sempre esserci tra cittadino e forze di polizia».

SORO (PD): "IL GOVERNO RIFERISCA SU GRAVI EPISODI". "A Roma oggi un ragazzo cinese di 25 anni è stato picchiato selvaggiamente. E’ l'ultimo, grave, episodio di stampo razzista in Italia dopo quelli recenti di Milano e Parma. Siamo in presenza di una escalation di intolleranza e violenza nei confronti di cittadini stranieri e di cittadini italiani colpevoli soltanto di avere un colore della pelle diversa". Lo afferma il capogruppo del Pd Antonello Soro. "Non possiamo sottovalutare questi episodi per la loro gravità e per il rischio che possano innescare nuovi fenomeni di violenza razziali - aggiunge -. Chiediamo pertanto al governo di riferire   quanto prima alle camere per conoscere quali misure immediate intenda prendere non solo per prevenire simili violenze ma per   sradicare questo pericoloso clima di paura e di intolleranza che sta crescendo nel Paese".

EVANGELISTI (Idv): "IL GOVERNO REAGISCA". "Quanti Abdoul Guiebre dovranno morire o essere aggrediti perché il Governo reagisca?» Lo chiede, tramite una nota, Fabio Evangelisti dell'Italia dei valori (Idv). «Due giorni fa, ricordando l’orribile immagine dei pogrom, abbiamo cercato di richiamare l’attenzione degli esponenti del Governo affinché prendessero una posizione chiara e concreta sulle vicende di violenza contro immigrati e stranieri. Prima la morte di Abdoul a Milano, poi il pestaggio di Emmanuel a Parma e oggi giunge la notizia del giovane cinese aggredito a Roma. Sarebbe opportuno che chi ancora ritiene che in Italia non possa sussistere un allarme razzismo – conclude Evangelisti – si confrontasse con la drammatica realtà dei fatti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Cnn, 8 donne accusano Morgan Freeman di molestie

cinema

Cnn, 8 donne accusano Morgan Freeman di molestie

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Oggi nuovo esame di scienze: che voto ti darebbe Piero Angela?

GAZZAFUN

Esame di cultura nerd: scopri se Sheldon ti promuoverebbe!

Lealtrenotizie

Bimbi maltrattati alla materna di Colorno, le indagini continuano

BASSA

Bimbi maltrattati a Colorno, le indagini continuano: genitori dai carabinieri Video

1commento

MAESTRE ARRESTATE

Una mamma: «Anche mio figlio maltrattato 4 anni fa» Video-choc

9commenti

triplice "salto"

Domenica festA al Tardini per la promozione del Parma: il programma

anteprima gazzetta

Il nome del figlio? Benito (Mussolini). Interviene il Tribunale Video

1commento

Sviluppo sostenibile

Sabato, prove di isola pedonale tra via Garibaldi e strada Repubblica Video

1commento

ufficiale

Insulti per il rigore sbagliato contro il Parma: Gilardino lascia lo Spezia

1commento

PARMA

Nella sua casa di via Buffolara teneva cocaina per 8mila euro: arrestato 22enne

Denunciato anche il coinquilino: aveva 10 grammi di hashish

3commenti

Calcio e sorrisi

Parma in A: la colonna sonora della cavalcata cantata da giocatori e... Video

1commento

venerdì in edicola

Pablo e Montanara in festa: Gazzaweekend in pillole

Sanità

Visite Ausl "bucate", in arrivo sanzioni

4commenti

PARMA

Furto alla scuola Pezzani: rubati 3 pc, sfondate porte e finestre

Danni ingenti dopo il "colpo" avvenuto nella notte. Indaga la polizia

4commenti

GAZZAREPORTER

Ancora parcheggio selvaggio in via Montebello

CARABINIERI

Vende i biglietti per Juventus-Real Madrid ma è una truffa: denunciato 38enne

Tre studenti di Parma volevano vedere la partita di Champions allo stadio ma sono incappati in un truffatore

1commento

PARMA

Deruba donna al telefono in auto: inchiodato dalle telecamere

I carabinieri hanno riconosciuto l'auto del malvivente e lo hanno denunciato: si tratta di un 47enne napoletano

PARMA CALCIO

Tante feste nel week-end per celebrare la promozione Video

dolore

Busseto in lacrime per la scomparsa della piccola Carla Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un nuovo premier e tante incognite

di Domenico Cacopardo

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

carabinieri di cavriago

Auto di lusso a prezzi bassissimi: ma è una truffa. 5 arresti

il caso

Femminicidio, il paese di Tenno non è unito: il sindaco si dimette

SPORT

Foruma Uno

"Libere" a Montecarlo, attacco tedesco: "Ferrari irregolare"

Bufera

In ginocchio durante l'inno per protesta. Bufera Nfl

SOCIETA'

Cina

I vicini sono spider man e salvano il bimbo

privacy

Google, facebook: scatta domani giro vite Ue su protezione dati

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv