19°

30°

Parma

Festa per 300 davanti al Campus: arrivano vigili e carabinieri

Festa per 300 davanti al Campus: arrivano vigili e carabinieri
Ricevi gratis le news
5

Chiara Pozzati

Via i libri, avanti deejay e bottiglie. E si scende in pista nel giardino dello studentato del Campus. Circa 300 gli universitari che hanno partecipato alla festa andata in scena, la notte tra martedì e ieri, nel complesso residenziale che sorge a pochi metri dal Conad. Inizio alle 22 in allegria, conclusione con sirene e lampeggianti. Attorno all’una, infatti, municipale e carabinieri, tempestati di chiamate, hanno rispedito tutti a casa. Gli organizzatori hanno parlato di un concerto autorizzato, ma la certificazione mancava all’appello e negli uffici di via del Taglio non risultava nulla.
Per ora non è stata staccata nessuna contravvenzione (può essere notificata entro 60 giorni) e sono in corso gli accertamenti del caso. I promoter hanno utilizzato un passaparola vecchia maniera: niente Facebook ma volantini che passano di mano in mano, nelle aule e nei bar frequentati dagli aspiranti dottori.  Un unico imperativo: «Per entrare bisogna portar da bere». Almeno secondo la striminzita versione di alcuni dei partecipanti dagli occhi pesti di sonno e decisamente poco propensi a parlare, all’indomani dell’«evento» che ha riscosso un inatteso successo.
Sono le 21.30 di martedì sera: l’impianto stereo, con tanto di computer, casse e cuffie professionali è montato sulle scale antincendio che si affacciano direttamente sul giardino, mentre un cartello con la scritta: «serata tranquilla» accoglie la tribù.  Sul prato c'e' un pubblico misto, ragazzi e ragazze ballano un pop velocissimo e i brindisi si sprecano. Il popolo della notte aumenta e ben presto si riversa nel parcheggio e, a detta di alcuni, alle fermate degli autobus. La musica inonda la strada e capannelli di curiosi si accalcano nel parcheggio per vedere che succede.
Tra loro c’è chi è appena uscito dal cinema e chi dal bar a due passi dal supermarket. All’una il megafono gracchia: «La festa è finita: vigili e carabinieri ci fanno smettere». A quel punto scatta il fuggifuggi. Facce deluse, sbuffi eloquenti, bicchieri pieni fino all’orlo abbandonati qua e là. Gli organizzatori si concedono qualche ora di sonno prima di tornare in giardino, allo spuntar del sole, armati di scope e sacchetti per la spazzatura. Gli studenti, occhiali grandi e spessi, hanno poco da dire, se non qualche parola storta.
«Siamo tutti ragazzi giovani - sbotta una 20enne che preferisce non rivelare il nome - è difficile che qualche residente abbia chiamato per lamentarsi. Potrebbe essere un tiro mancino da parte di qualche discoteca - commenta amara  preoccupata di perdere i clienti del mercoledì, già soddisfatti dopo un martedì alternativo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nazzareno

    07 Ottobre @ 19.10

    Siamo in un paese libero e democratico e i giornalisti per primi si sono sempre battuti per la libertà di parola e di pensiero, usufruendo di questo diritto mi permetto di dire che questo articolo dimostra come la maggior parte dei giornalisti oggi scrivono e vedono soltanto quello che vogliono vedere, soltanto quello che per loro fa notizia costruendo e scrivendo articoli che non rispecchiano totalmente la realtà, mantenendo sempre quel po di verità. La signorina Chiara evidentemente non era presente alla festa e il suo articolo si basa su voci prese qui e la! Se lei fosse stata veramente presente li quella sera, avrebbe raccontato si l'arrivo dei carabinieri e della municipale, ma sicuramente non avrebbe descritto la serata nel modo in cui ha fatto. Ha descritto questa festa come un "rave party" facendo una tragedia su una festa sana e tranquilla, come possono testimoniare centinaia di persone. La stampa è uno dei mezzi di informazione più forti e seguiti e quindi, a mio parere, prima di scrivere un articolo ACCERTARSI che si stia raccontando la verità!! Mi disp che un giornale come la Gazzetta di Parma dedichi così tanto scalpore ad una festa per studenti nelle residenze per studenti!!

    Rispondi

  • Davide Mazzola

    07 Ottobre @ 11.10

    Credo che la giornalista fosse presente ad un'altra serata perchè ciò che scrive in questo articolo è una distorsione totale di un evento tranquillo e amichevole! Dove veniva trasmetto il senso di rispetto, di educazione e di condivisione con gli altri! Dove ai partecipanti non veniva chiesto alcun soldo per arricchire gli organizzatori ma si offriva tutta la serata e tutti i servizi in modo totalmente gratuito! Per rendere ciò possibile era però richiesta la collaborazione dei partecipati, che avevano il compito di portare una bottiglia da dividere con gli amici! Insomma sembra che certe feste, gratuite, fatte per il sano divertimento nel totale rispetto degli altri non piacciano a Parma!

    Rispondi

  • giovanni

    06 Ottobre @ 23.29

    La serata era molto tranquilla invito la giornalista a vedere quello che succede nelle normali discoteche " li si che dovrebbero andare la municipale o i carabinieri a controllare", il fuggi fuggi non c'è stato anzi si è andati tutti a casa tranquilli, le sirene le ha sentite solo la giornalista probabilmente aveva bevuto troppo, per quello che riguarda la musica il pop velocissimo era Ligabue e i Luna pop?

    Rispondi

  • michele

    06 Ottobre @ 23.27

    ARTICOLO PESANTE ED INCONCEPIBILE.\r\n\"sirene lampeggianti\"??, \"alla fine c\'è stato un fuggi fuggi\"??\r\nGiornalisti con mancanza di informazione...\r\nDa come è stata raccontata sembra sia stato un RAVE PARTY!!\r\n...Universitari vi chiedo umilmente di raccontare la vostra verità

    Rispondi

  • Paolo

    06 Ottobre @ 23.21

    La serata era molto tranquilla invito la giornalista a vedere quello che succede nelle normali discoteche " li si che dovrebbero andare la municipale o i carabinieri a controllare", il fuggi fuggi non c'è stato anzi si è andati tutti a casa tranquilli, le sirene le ha sentite solo la giornalista probabilmente aveva bevuto troppo, per quello che riguarda la musica il pop velocissimo era Ligabue e i Luna pop?

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arte e Gusto: il quarto compleanno, ecco le foto della festa

PGN

Arte e Gusto: il quarto compleanno, ecco le foto della festa

Sondaggio: qual è il miglior bar di Parma per l'happy hour?

GAZZAFUN

Sondaggio: 10 ristoranti di mare di Parma e provincia, vota il migliore!

Faraona ripiena - Ecco come renderla morbida

LA PEPPA

La ricetta Faraona ripiena - Ecco come renderla morbida

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pagamento degli stipendi: niente contanti dal 1° luglio

L'ESPERTO

Pagamento degli stipendi: niente contanti dal 1° luglio

Lealtrenotizie

I sub, l'elicottero in volo, poi il ritrovamento del cellulare: ecco i passi che hanno permesso di rintracciare Cristopher

scomparso

Cristopher ritrovato in una ex casa cantoniera di San Prospero Foto Video 

CARABINIERI

Furti sulle auto in sosta: arrestato un 23enne a Collecchio

2commenti

anteprima gazzetta

VinciCasa (Win for Life): 500 mila euro vinti da un parmigiano Video

calcio

Serie A e Coppa Italia: ecco le date ufficiali. Parma in campo il 12 agosto

CARABINIERI

Rapinarono un connazionale a Soragna: arrestati quattro indiani

I quattro uomini sono ai domiciliari e vivono a Soragna, Busseto, Guastalla (Reggio Emilia) e Castellucchio (Mantova)

Lutto

Addio a Ficini, storico pasticciere di via Bixio

calciomercato

Nell'anniversario di "Bologna 2005", il procuratore: "Dezi resta al Parma"

ANIMALI

Conigli abbandonati in varie zone della città, è allarme

9commenti

PARMA

Edilizia popolare: 8 nuovi alloggi in via Casa Bianca Video

3commenti

FIFA18

Si cerca il «videogiocatore» crociato

1commento

TRADIZIONE

«Rozäda äd San Zvàn», non solo tortelli

Sicurezza

Polizia municipale, più interventi ma organico ridotto

SOS ANIMALI

Frisky è scomparso a Calicella di Langhirano Foto

Accoglienza

Parma, dal 2015 274 migranti liberate dalla tratta

GAZZAREPORTER

Divani e reti abbandonate tra via Gazzola e borgo del Naviglio Foto

FONTEVIVO

Abbandona i rifiuti in strada, il sindaco glieli riporta

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La magia di una vita (vera) al tempo dei social

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria Armanda» una gita per la tradizione della Liguria

ITALIA/MONDO

LONDRA

Brexit: nuova sconfitta per Theresa May ai Lord sul voto in Parlamento

violenza

"Branco" picchia e rapina 2 giovani in centro a Roma, 3 arresti

SPORT

RUSSIA 2018

L'Inghilterra batte la Tunisia all'ultimo respiro

share da record

Il 99.6% degli islandesi davanti alla tv per la nazionale

SOCIETA'

kansas City

Bimbo fa cadere un scultura , i genitori devono pagare 130mila euro Video

IL CASO

Pesce allevato o pescato? Stesso gusto, prezzo molto diverso, eppure...

1commento

MOTORI

RESTYLING

Toyota: la urban car Aygo si rifà il trucco

NOVITA'

Land Rover Discovery, nuovo motore diesel V6 3.0 litri