21°

31°

Parma

Sei anni ai rapinatori stakanov

Sei anni ai rapinatori stakanov
Ricevi gratis le news
0

 Professionisti delle rapine,  eppure  di un'ingenuità perdonabile.  Oltre che sfortunati. Tanto da mettere a segno due  colpi a distanza di venti giorni  utilizzando la stessa auto intestata a uno dei due. E farsi immortalare da un autovelox per  eccesso di velocità.
Sprovveduti e pericolosi al  tempo stesso, soprattutto quando il 4 settembre 2010 assaltarono l'In'S di strada Argini.  S.C., 33 anni,  e A.C., 29, entrambi residenti a Napoli,  nonostante il secondo sia nato a  New York, sono stati condannati  dal gip Maria Cristina Sarli a 6 anni di reclusione con giudizio  abbreviato, oltre a 2mila euro di  multa. Una pena pesante, che ha  rispecchiato in pieno la richiesta del pm Antonino Lupo, a maggior ragione se si considera che il rito alternativo prevede lo sconto di un terzo della pena.
Furono più fortunati la seconda volta, al Lidl di largo 24 Agosto 1942. Non solo perché il 23  settembre non incapparono nell'autovelox, ma perché il bottino fu di un  certo peso: 11.411 euro, quando il  4 settembre nelle loro tasche di  euro ne erano finiti 2.560. Stesso  modus operandi, stesse caratteristiche fisiche di un rapinatore:  gli uomini della Squadra mobile  fin da subito sono stati convinti  che i due assalti portassero le  stesse firme. In entrambi i casi, le  razzie vennero messe a segno al l'orario di chiusura dei super mercati. All'iN's, fu C.A. ad  entrare in azione verso le 12,30,  mentre S.C. faceva il palo. Giovane, volto scoperto, aspetto curato e occhi di ghiaccio. Estrasse  la copia di una semiautomatica  scura. Non ebbe bisogno di parlare a lungo, ma anche dalle poche frasi pronunciate si capì che,  a meno che non fosse un abile  attore, era originario della Campania.  Prima di scappare,  chiuse in bagno le due dipendenti (che furono poi liberate dalla  polizia). Una mossa studiata per  evitare che le commesse vedessero il modello e la targa dell'au to a bordo della quale sarebbe  fuggito con il complice che lo attendeva al volante.
Mossa azzeccata, se non fosse  stato per il passante che notò e  riferì agli investigatori il modello  della vettura e la prima lettera della targa. Un primo tassello al  quale gli uomini della Sezione  rapine sono stati abili a collegare  gli altri: quello di  una traccia di  guano sulla parte posteriore del l'auto beccata dal doppio autovelox. Attraverso la targa, la Mobile risalì al nome del proprietario, ossia al più «vecchio»  dei  due complici. Fu chiesto l'intervento dei poliziotti partenopei,  ma il titolare della Yaris non venne rintracciato. Per le indagini  sul colpo al Lidl, invece, gli elementi a disposizione degli investigatori furono molto più scarni, anche se non in contrasto con  quelli di inizio mese. Dell'auto si  sapeva solo che era chiara, di piccole dimensioni.
Quella volta, il 23 settembre,  poco dopo le 21, a entrare in azione furono due malviventi.  Il bottino,  di tutto rispetto, poteva bastare  per un po'. Ma così non è stato: tre  settimane dopo, gli stessi banditi  svuotano le casse del Lidl di Pescara. E nella città marchigiana,  lo scorso marzo, gli stakanovisti  della rapina vengono rintraccia ti e  arrestati. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Beyoncé vuole girare un video al Colosseo ma arriva lo stop: è già occupato da Alberto Angela

ROMA

Colosseo off limits per Beyoncé: è già occupato da Alberto Angela, ilarità sul web Foto

3commenti

Realcake dinastico

LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

7commenti

Lealtrenotizie

Arrestati i due pusher da 100mila euro in un anno e clienti tutti parmigiani

droga

Arrestati i due pusher da 100mila euro in un anno e clienti tutti parmigiani

12 tg parma

Nuovo Ponte della Navetta, posata la prima pietra. Fine lavori a marzo Video

incidente

Schianto tra due auto a Ramiola: feriti due giovani Foto

via Mordacci

Picchia a sangue la ex e la rapina

12 tg parma

World series baseball: gli Usa negano il visto, e Daniel (Collecchio) resta a casa Video

protezione civile

Allerta gialla: in arrivo temporali dalla mezzanotte

carabinieri

Ruba in un armadietto a Biologia: bloccata la "ladra in rosso"

«IO STO CON TE»

La casa in cui ripartono i padri separati

2commenti

Addio

Collecchio piange Ivana Tanzi, stilista raffinata

12 tg parma

Il Gobbi bis: "Da tifoso del Parma torno ad esserne un giocatore" Video

Capitan Lucarelli

«Il mio Parma gettato nel fango»

3commenti

provincia

Viabilità, entro settembre cinque strade provinciali "minori" risistemate

traffico

Mattinata difficile in tangenziale Nord: oltre un chilometro di code per lavori

OBIETTIVO 2020

San Francesco del Prato, nato il Comitato per i restauri

filatelia

Esce domani un nuovo francobollo dedicato a Guareschi. Ma non a Parma?

ALBARETO

Entra fumo nell'appartamento: intossicate due donne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Maltrattare gli animali, tradire l'amicizia

di Filiberto Molossi

3commenti

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

piacenza

Barista legata, imbavagliata e stuprata per ore: fermato a Milano il presunto

1commento

piacenza

Tragico schianto con un tir per il trasporto animali, muore un 56enne. Bovini in fuga in autostrada

SPORT

12 tg parma

Domani terzo test amichevole con il Foggia in attesa della sentenza sms Video

calcio

Il Tas annulla l'esclusione del Milan dalla Europa League

SOCIETA'

gazzareporter

“Cala” la luna in Val Baganza

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

MOTORI

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita