13°

28°

Parma

Bigliardi rilancia: "Il civismo? Non è finito. Anzi, ha un futuro"

Bigliardi rilancia: "Il civismo? Non è finito. Anzi, ha un futuro"
Ricevi gratis le news
3

Si dice «amareggiato e deluso» dalle vicende di questi ultimi mesi. Chiede scusa alla città. Ma non rinuncia a pensare che per il civismo ci sia ancora un futuro a Parma. A lui il direttivo di Parma Civica, dopo aver congelato nome e simbolo, ha dato il compito di decidere cosa fare. E ora, mentre è alle prese con quel che resta del movimento, Claudio Bigliardi accetta di parlare. «Sono stati mesi pieni di amarezza e delusione. Amarezza per come è finita questa esperienza amministrativa. Ma credo che chiunque ami Parma non possa gioirne».

E la delusione?
Nasce dal fatto che l’amministrazione non è riuscita a mantenere gli impegni presi, a dare risposte adeguate alle richieste che ci sono arrivate soprattutto dalle zone periferiche: penso, tanto per fare un esempio, alle scuole non realizzate nel quartiere Vigatto. Per questo motivo mi sento di porgere le mie scuse ai cittadini.

Quali sono stati gli errori di Vignali e della giunta comunale?
Uno degli errori commessi lo ha riconosciuto Vignali stesso: continuare a realizzare nuovi progetti, caricando la struttura comunale, società partecipate comprese, di ulteriori indebitamenti. Le intenzioni erano condivisibili: sostenere il mondo imprenditoriale, salvare posti di lavoro, preparare la città alla ripresa... Ma i calcoli, purtroppo, si sono rivelati sbagliati: è stata sottovalutata la durata della crisi. Peraltro molti amministratori, anche di primo piano, hanno commesso simili errori di valutazione. Invece bisognava puntare solo su alcune opere prioritarie.

Vignali si doveva dimettere prima?
Sì. Io e una parte degli amministratori civici abbiamo sempre sostenuto che occorresse cessare l’esperienza amministrativa subito dopo aver messo in sicurezza il bilancio comunale e aver pagato i fornitori: non c’erano più le condizioni politiche per continuare. Peraltro, come presidente di Parma Civica ho preso atto e rispettato la volontà del sindaco e del gruppo consiliare di non dimettersi fino alla conferma dell’arrivo dei 70 milioni ex-Metro. Adesso l'auspicio è che il commissario Cancellieri, che ha indubbie capacità amministrative, riesca a pagare quei fornitori che sono ancora in credito con il Comune o con le società partecipate.

Il commissariamento chiude 13 anni di amministrazioni civiche, prima Ubaldi e poi Vignali. Il bilancio?
Sicuramente positivo. L’amministrazione Ubaldi, di cui ho fatto parte, ha avuto il pregio di rilanciare una città immobile e di riportarla al passo coi tempi. Parma lo meritava. Ma in questa operazione sono state iniziate tante opere impegnative e lasciate in eredità a Vignali: naturalmente, con una crisi mondiale così forte, non è stato facile gestire tale mole di lavoro e di impegno economico. Nonostante ciò diverse opere sono state concluse o sono in via di conclusione: ad esempio la nuova Ghiaia, la sede dell’Efsa e la scuola europea».

Le indagini hanno toccato persone vicine al movimento. Quale giudizio?
Il giudizio lo darà la magistratura. Io posso dire che i fatti contestati sono quanto di più lontano c’è dalla idea di fare politica mia e di tanti amici che si sono impegnati anima e corpo in questi anni.

Parma civica è finita?
Sono ancora valide ed attuali le ragioni che hanno portato il movimento, i suoi dirigenti, i suoi 2.000 iscritti a impegnarsi per lo sviluppo di Parma. Tanto è vero che il civismo non è affatto finito, e anzi ritengo che ve ne sia un gran bisogno, soprattutto alla luce di quanto sta avvenendo nella politica nazionale. Intendiamoci: il civismo non può essere identificato in una sola persona, anche se di spessore, ma deve essere il punto di arrivo di un movimento di cittadini che hanno voglia di spendersi per il bene della propria comunità.

E quindi ora cosa farete?
Il direttivo mi ha conferito un mandato chiaro: iniziare un dialogo e un confronto con i movimenti e partiti di area moderata e riformista che si riconoscono in un progetto di rilancio della città. In tempi brevi organizzeremo un’assemblea pubblica per chiamare a raccolta quanti ci hanno sostenuto fino ad oggi e quanti si vogliono avvicinare a noi, per individuare un nuovo percorso, una nuova proposta programmatica e un nuovo gruppo dirigente.

A chi pensate? Ubaldi e gli ex amici? La Guarnieri?
Sono persone con le quali ho condiviso anni di lavoro amministrativo. Manon penso a nessuno in particolare. La gravità del momento impone un dialogo e un confronto con tutti quelli che si sentono responsabili del futuro di Parma.

E la Lega? Torri dice che con Bigliardi non giocherebbe neanche a pallone…

E farebbe bene perché non ho mai giocato a calcio in tutta la mia vita. Però mi sono da sempre impegnato in politica, nel sociale e nel volontariato per il bene della mia città e oggi più che mai ritengo che Parma non abbia bisogno di battute e provocazioni in stile Lega, ma di concretezza e serietà.

In questi giorni nel toto–candidati circola il nome dell’ex assessore allo sport Ghiretti. Che ne pensa?
Roberto è un amico, un serio professionista e una persona molto stimata in città. In Giunta ha fatto molto bene, con concretezza e sobrietà, interpretando fino in fondo i valori del civismo. Ha dimostrato di saper dialogare con la città in modo trasversale e di saper valorizzare il protagonismo della società civile. Penso sia una risorsa importante.s.pil.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    24 Ottobre @ 09.14

    Proprio Bigliardi parla di civismo, proprio lui che il civismo voleva farlo morire avvicinandosi sempre di più al PDL e strizzando l'occhio alla lega nord. Comoda adesso rilanciare il civismo scaricando i partiti che ti hanno sostenuto e con cui volevi governare...

    Rispondi

  • Sempreccitato

    23 Ottobre @ 23.51

    Ma costui mentre i suoi amici e compagni di partito governavano il comune di Parma cosa faceva?? Se ne resti in pace a fare l' amministratore nell' industria dove lavora che ne abbiamo gia' tanti così. Di quelli che per fortuna sono andati e' meglio non parlarne e gli altri sono peggio, se poi per caso qualcuno vuole provare la sinistra attuale si accomodi pure. L' amara realta' e' che non c' e' uno straccio di persona decente che dia un minimo di affidabilita' in nessun raggruppamento politico o civico nel panorama parmigiano attuale, che e' poi la stessa cosa che vediamo tutti i giorni su scala nazionale. Gli italiani dovrebbero smettere di andare a votare fino a quando l' attuale intera classe politica non se ne fosse andata a fare del bene altrove che e' veramente ora, o no??

    Rispondi

  • emme

    23 Ottobre @ 19.58

    Ma andate a nascondervi... avete rovinato una città, voi e vostro essere megalomani... A suon di chiacchiere e slogan nazionalpopolari alla Berlusconi

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

1commento

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno