10°

28°

Parma

Editoriale - Il Governo tecnico è l'unica soluzione

Ricevi gratis le news
22

Giuliano Molossi

Se tutto andrà come sembra, se cioè il neo senatore a vita Mario Monti sarà il nuovo presidente del Consiglio di un esecutivo di emergenza nazionale o di larghe intese che dir si voglia, due partiti che hanno perso le ultime elezioni politiche, il Pd e l'Udc, governeranno il Paese. E' ingiusto, è assurdo, è antidemocratico strillano i «berluscones da combattimento», i La Russa, i Matteoli. E' una vergogna, è la vendetta dei poteri forti, tuonano i leghisti. L'indignazione di chi vede ribaltata la volontà popolare è comprensibile. Ma non tiene conto del contesto, della eccezionale gravità del momento. In una situazione normale, quando una maggioranza non gode più della fiducia del Parlamento, la scelta più logica è quella di tornare alle urne. Ma è evidente a tutti che qui non siamo di fronte a una situazione normale. Come si può pensare di portare un Paese come il nostro che è sull'orlo del baratro alle elezioni anticipate? Andare al voto vorrebbe dire stare tre mesi secchi senza un governo. Sarebbe un suicidio, i mercati, quelli che di questi tempi dettano legge, ci massacrerebbero. Il Paese andrebbe dritto filato verso il default.
La verità è che noi non siamo più liberi di scegliere. L'Italia, di fatto, è già stata commissariata dall'Europa. Non può scegliere cosa fare. Deve fare, possibilmente molto in fretta, ciò che le viene chiesto. E oggi quello che le viene chiesto è un governo forte che faccia le riforme. I mercati pretendono stabilità, vogliono certezze. Il governo tecnico non è la migliore delle soluzioni. E' l'unica soluzione. Non siamo mai stati abituati a prendere decisioni in tempi rapidi. Ve le ricordate le interminabili consultazioni della Prima Repubblica, quel rituale polveroso al Quirinale, quelle manfrine attorno al nulla, quelle fumose dichiarazioni in favor di telecamera?
Noi siamo sempre stati quelli delle mediazioni, del lavorìo diplomatico, delle convergenze parallele. Nel giro di 24 ore, al termine di una delle più drammatiche giornate della storia repubblicana, tutta la vecchia liturgia è stata buttata a mare. Tutto è cambiato in questa frenetica corsa contro il tempo, le ore hanno sostituito i mesi. Credevamo tutti che l'annuncio delle dimissioni «alla moviola» da parte di Berlusconi sarebbe comunque bastato a rassicurare i mercati. Il risveglio, invece, era stato choccante: spread Btp/Bund alle stelle, rendimento dei titoli decennali al 7,3 per cento, Borsa in picchiata. Un Paese alla deriva. Le vaghe promesse di Berlusconi non bastavano più. Ci voleva ben altro, un segnale forte e dirompente per fermare la valanga. E finalmente questo segnale è arrivato con la sorprendente nomina di Mario Monti a senatore a vita. La mossa del Capo dello Stato, che ha di fatto indicato l'ex commissario Ue come «premier in pectore», è servita a fermare la speculazione e a farci rifiatare. E' una mossa che spariglia tutti i giochi e che ha conseguenze politiche enormi. Divide le coalizioni (Pdl e Pd insieme al governo, Lega e Di Pietro all'opposizione), spacca i partiti (a cominciare dal Pdl che vivrà una diaspora molto dolorosa), uccide il bipolarismo. Ma è l'unica mossa che può tenere in piedi il Paese. Mario Monti gode in Europa di un grande prestigio e ha le idee chiare su quello che bisogna fare. Ieri, parlando a Berlino, ha detto di essere convinto che «la crescita richieda riforme strutturali, che tolgano ogni privilegio alle categorie sociali che ne hanno, cancellando il problema italiano di chi protegge la propria circoscrizione elettorale». Come inizio, non c'è male.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ilasuha

    14 Novembre @ 09.27

    Dott. Molossi sono perfettamente d'accordo con la sua analisi, ma assolutamente contraria alla sua soluzione. Siamo obbligati a fare delle scelte per sistemare i problemi causati dalla crisi mondiale e dal malgoverno che da anni purtroppo si è abbattuto sull'Italia sia con Berlusconi che con Prodi. Ma le scelte da fare sono necessariamente politiche e in una democrazia occorre andare al voto in questi casi e lasciare decidere al popolo la ricetta per la soluzione. Perché fra fare una patrimoniale sui beni immobili, tassare il risparmio o far pagare le tasse alla chiesa cattolica c'è una differenza politica enorme.

    Rispondi

  • Francesco

    12 Novembre @ 11.41

    E' una situazione veramente angosciosa ! Non c' è dubbio che ci si aspettino dall' Italia provvedimenti radicali ed immediati , senza le lungaggini che comporterebbero elezioni anticipate ed una nuova Legislatura. PERO' , se il problema è Berlusconi , BERLUSCONI ESCE DALLA PORTA E RIENTRA SUBITO DALLA FINESTRA , GRAZIE ALLA ROBUSTA MAGGIORANZA CHE HA AL SENATO, DOVE , SENZA IL PDL, NON CI SONO I VOTI PER FAR NIENTE. MA LA QUESTIONE DI FONDO, BEN PIU' TRAGICA, E' UN' ALTRA. E' LA PERDITA DELLA NOSTRA SOVRANITA' NAZIONALE. Per far contenti tedeschi e francesi dovremo gettare nella disperazione i nostri anziani, senza più pensioni ? NO, GRAZIE ! Per far contenti tedeschi e francesi dovremmo togliere ai nostri lavoratori i diritti sindacali faticosamente conquistati con le lotte di tutto il ventesimo secolo (cosa, peraltro, già abbondantemente avvenuta...) ? NO, GRAZIE ! SI E' SEMPRE SAPUTO CHE LA POLITICA ECONOMICA E MONETARIA DELLA GERMANIA E' MOLTO DIVERSA DALLA NOSTRA. LORO HANNO DIRITTO A DECIDERE PER LORO, NOI DOBBIAMO RIVENDICARE IL DIRITTO A DECIDERE PER NOI. SE VOGLIONO RISOLVERE I PROBLEMI DEI LAVORATORI E DEI VECCHI CON LE CAMERE A GAS , LO FACCIANO LORO, CHE HANNO ESPERIENZA , NOI NO ! NON POSSIAMO SOTTOMETTERCI , OLTRE TUTTO OSANNANDOLI , A SICARI MANDATI DA ALTRI A FARE MACELLERIA SOCIALE CONTRO IL PROPRIO POPOLO ! Monti e Draghi erano funzionari di Goldman Sachs quando certificarono i bilanci falsi della Grecia, consentendole di entrare nell' Euro, e, adesso, stanno rischiando di provocare una rivoluzione in quel Paese , dove il Popolo , privato di ogni fonte di sopravvivenza, è disperato e sull' orlo della rivolta ! Ci vuole una bella faccia tosta ! IL RAPPORTO LEVIN DELLA COMMISSIONE PERMANENTE PER LE INDAGINI DEL SENATO DEGLI STATI UNITI ATTRIBUISCE A GOLDMAN SACHS COMPORTAMENTI TRUFFALDINI AI DANNI DEI RISPARMIATORI E LO INDICA COME UNO DEI PRINCIPALI RESPONSABILI DELLA CRISI FINANZIARIA MONDIALE . E NOI CI FACCIAMO "RISANARE" DA QUELLI CHE ESCONO DI LI' ? FACCIAMO PAGARE A VECCHI E LAVORATORI ITALIANI LE TRUFFE DI GOLDMAN SACHS ? Ma, forse , bisognava pensarci bene prima di correre ad aderire al Sistema dell' Euro. Noi pensavamo di farci pagare i nostri debiti dalla Germania , ma millenni di Storia ci avrebbero dovuto aver insegnato chi sono i Tedeschi ! NAZIONI DI SECOLARE CIVILTA' E DEMOCRAZIA , COME IL REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA , LA SVEZIA, LA DANIMARCA ED ALTRE HANNO CAPITO SUBITO LA MINACCIA ALLA LORO SOVRANITA' E NON HANNO ADERITO ALL' EURO ! SI SONO BEN GUARDATE DAL DEMOLIRE IL LORO "WELFARE" , CHE ACCOMPAGNA IL CITTADINO DALLA CULLA FINO ALLA TOMBA , PER FAR CONTENTA BERLINO ! L' UNIONE EUROPEA E' COMPOSTA DA 27 STATI, MA SOLO 17 HANNO ADOTTATO L' EURO. Noi Italiani, invece....,....i soliti "boccaloni" ! Certo che, adesso che ormai siamo dentro , uscire è molto difficile e molto pericoloso , ma un moto di residuo orgoglio dovremmo avercelo !

    Rispondi

  • Alberto

    12 Novembre @ 07.50

    Ha ragione il direttore, un governo tecnico e' l'unica soluzione possibile in questo momento con i mercati in subbuglio. Deve fare tutte le cose rimandate da troppi anni e sicuramente impopolari. Vista la classe politica che ci ritroviamo in questo momento delicatissimo, che pensa ancora ai propri interessi anziché all'Italia non vedo altra soluzione possibile. Chi parla di ribaltone legga la Costituzione e ringrazi di avere un Presidente della Repubblica come Napolitano.

    Rispondi

  • Francesco

    11 Novembre @ 19.41

    Dunque, Berlusconi , CHE E' SEMPRE IL CAPO DEL GOVERNO ( almeno fino a domani sera ) , HA DETTO CHE, ANCHE QUANDO LUI NON SARA' PIU' PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, IL PDL RESTERA' ( e, quindi , resterà anche lui ) ED AVRA', IN SENATO , UNA MAGGIORANZA TALE PER CUI, SENZA IL SUO CONSENSO , MONTI NON POTRA' FARE UN BAFFO ! Si dice addirittura che non voglia Monti come suo successore, ma Dini , che, forse, potrebbe anche avere i voti della Lega. Nel frattempo Di Pietro che, ieri, votava contro, oggi vota a favore. SE RESTA UNA SITUAZIONE DI QUESTO GENERE L' UNICA E' FARE UNA CHIAREZZA RADICALE E ANDARE A VOTARE , E , SE ALL' EUROPA, COLONIA FRANCOTEDESCA , NON PIACE , BISOGNERA' CHE SE LO FACCIA PIACERE !

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    11 Novembre @ 19.37

    Lei ha poca memoria. Non avevo scritto Berlusconi DEVE andare avanti. Avevo invece scritto, il 30 ottobre scorso che Berlusconi VUOLE andare avanti. E’ un po’ diverso, non trova? Quanto al resto, è la prima volta (e penso che sarà anche l’ultima) che qualcuno mi attribuisce la responsabilità della crisi economica, dello spread alle stelle! Mi raccomando, non lo dica troppo in giro…..

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno