18°

Parma

Un papà scrive alle istituzioni: "Degrado alla scuola Racagni"

Ricevi gratis le news
7

Il padre di un bambino che frequenta la scuola «Racagni» ha scritto una lettera al Comune e al Provveditorato agli Studi protestando per una serie di problemi che, a suo giudizio, si trascinano da tempo. Nella lettera - inviata anche ai media locali e a Regione, Provincia, parlamentari parmigiani e dirigente scolastico dell'istituto - il signor Gianluca Giliberti parla di crepe e scarsa sicurezza. Il genitore cita anche episodi di cui qualcun altro gli ha parlato, che riguarderebbero allagamenti e caduta di pezzetti di soffitto.
Ecco la lettera inviata da Gianluca Giliberti:

«Sono il papà di un bimbo di 7 anni che frequenta la Scuola Primaria “Paolo Racagni” di Parma. Le scrivo in ordine allo stato di fatiscenza e precarietà delle condizioni strutturali della Scuola frequentata da mio figlio, ricordando che già diverse iniziative di protesta e di denuncia sono state realizzate in questi anni, senza che le stesse abbiano sortito alcun risultato tangibile.
Nell’ultimo periodo mi sono stati riferiti episodi, che se confermati, avrebbero dell’inverosimile, quali l’allagamento della sezione 5° A di qualche giorno fa, o la caduta di pezzi del soffitto in uno dei bagni della struttura.
Lo scorso anno, inoltre, dopo i primi giorni di scuola, i bambini della 1° A sono stati spostati in un locale fino ad allora non adibito ad aula, in quanto nella loro classe vi erano evidente crepe e/o cedimenti strutturali.
Ed ancora, la vetrata esterna, che da sulle scale attraverso le quali i bimbi raggiungono le rispettive aule, è segnata da vistose crepe, per cui ci fu assicurato al temine del trascorso anno scolastico, che prima della riapertura della scuola, si sarebbe intervenuto a porvi rimedio: è ancora nelle stesse condizioni di sempre!!!!!!!
Per non parlare dei pavimenti sconnessi, dei montanti delle porte incrinati, delle infiltrazioni d’acqua, tutte cose conosciute ed esaminate dalle amministrazioni comunali che si sono succedute che hanno, infine, portato l’allora assessore Aiello a promettere, in estate, la piena risoluzione del problema che, a suo dire, poteva raggiungersi solo se la Scuola Racagni fosse stata “demolita e ricostruita invece che semplicemente ristrutturata. Questo, non solo per come è stata costruita, negli anni ’50, ’60, per i materiali impiegati, per la natura e lo stato degli impianti, che risultano decisamente obsoleti, per il non rispetto dei livelli energetici imposti dalle vigenti normative, ma ancor più per la carenza di sicurezza statica e, in particolare, per l’assenza assoluta di resistenza al sisma”.

Per di più, il presidente del Consiglio nazionale dei geologi, Gian Vito Graziano, ha ricordato recentemente che nelle scuole italiane vi è «una totale carenza di sicurezza» per quanto riguarda il rischio sismico. Difatti, secondo i dati pubblicati dal ministero dell'Istruzione, il 95% delle scuole italiane è stato costruito tra il 1900 e il 1990, dato già di per se non rassicurante. A ciò deve aggiungersi, che il 57% degli istituti non ha alcun documento che ne certifichi la cosiddetta «agibilità statica», ovvero la buona salute dei pilastri, delle travi e di tutte le parti strutturali di un edificio.

Assenza assoluta di resistenza al sisma, diceva dunque l’assessore Aiello, affermazione grave ed incomprensibile se pensiamo che in quella struttura sono ancora presenti bambini, insegnanti, bidelli, ecc., senza che, all’apparenza, nulla venga fatto per garantire un minimo di sicurezza a tutti loro.

La preoccupazione diventa angoscia se pensiamo allo sciame sismico che ha interessato fino a pochi mesi fa la provincia di Parma, che mi porta a chiederLe, quand’anche ne fosse garantita la copertura finanziaria, cosa non scontata per i tagli lineari imposti dal Governo con le ultime leggi finanziarie, se, allo stato attuale, possiamo permetterci di aspettare il mese di giugno per il rifacimento della scuola Racagni, o forse non sarebbe il caso di studiare nell’immediato soluzioni alternative che rendano sicura la frequentazione delle lezioni dei nostri bambini?

Nella speranza si possano affrontare e risolvere le problematiche sopra esposte, si porgono cordiali saluti».
Parma, 15 novembre 2011

Gianluca Giliberti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianluca giliberti

    17 Novembre @ 21.51

    qui non parliamo di piccoli interventi, ma di qualcosa di molto più serio, visto che comunque l'ex assessore aveva deciso di rifarla ex novo. Non è un capriccio dei genitori che vogliono una scuola esteticamente bella, noi la vogliamo sicura. Mi rivolgo a chi chiedeva se la casa di quel genitore fosse antisismica, gli rivolgo io una domanda: ha mai visitato la scuola racagni?

    Rispondi

  • gianluca giliberti

    17 Novembre @ 19.58

    caro signor antonio, la mia casa non è antisismica, ma manutenuta regolarmente.\r\nla racagni oltre alla mancanza della certificazione prescritta dalle leggi per gli edifici pubblici, è in uno stato di totale abbandono ed incuria...\r\ninoltre, è gestita in maniera discutibile, basti pensare che l\'aula chiusa lo scorso anno è stata riaperta come sala musica con la giustificazione che permanenza dei bimbi nel locale non è più fissa e che, nonostante le ripetute lamentele dei genitori, nel dopo mensa \"a pagamento\", i bambini continuano ad essere stipati in uno sgabuzzino.

    Rispondi

  • gianluca giliberti

    17 Novembre @ 19.58

    caro signor antonio, la mia casa non è antisismica, ma manutenuta regolarmente.\r\nla racagni oltre alla mancanza della certificazione prescritta dalle leggi per gli edifici pubblici, è in uno stato di totale abbandono ed incuria...\r\ninoltre, è gestita in maniera discutibile, basti pensare che l\'aula chiusa lo scorso anno è stata riaperta come sala musica con la giustificazione che permanenza dei bimbi nel locale non è più fissa e che, nonostante le ripetute lamentele dei genitori, nel dopo mensa \"a pagamento\", i bambini continuano ad essere stipati in uno sgabuzzino.

    Rispondi

  • Francesco

    16 Novembre @ 12.16

    Io AUGURO DI CUORE ai genitori della "Racagni" di avere presto una scuola nuova, decorosa e sicura per i loro bambini . TUTTAVIA DOMANDO : dove si pensa che un Comune con oltre 600 milioni di debito , che non ha neanche i soldi per finire la Stazione Ferroviaria , potrà trovarne per costruire una scuola nuova ? E non venitemi a dire che si sono fatte spese pazzesche per opere faraoniche inutili e sbagliate ! Questo è vero, ma, ormai, il latte versato è versato.

    Rispondi

  • antonio

    16 Novembre @ 09.43

    che la scuola racagni non funziona lo sa tutta parma,lo posso dire perche mia figlia ha frequentato la scuola.i problemi non sono i bambini ma i genitori e il preside che deve organizzare le classi e la scuola.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Pausini, cancellate le due date di Eboli: ha l'otite

oggi e domani

Laura Pausini cancella le due date di Eboli: ha l'otite

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

3commenti

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

Teatro Due

Jeffery Deaver presenta stasera il nuovo romanzo

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati Foto

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

5commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

anteprima gazzetta

L'export made in Parma vola: +13% nel secondo trimestre

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

dopo 12 anni

Esproprio ex Federale: Comune costretto a pagare 1,6 milioni di euro

social

Il Parma viaggia verso Napoli (in treno): "selfone" di gruppo

INCIDENTE

Autocisa, un'auto si ribalta in galleria: i soccorsi arrivano (anche) in elicottero Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

Aggressione

"Violento predatore sessuale", condanna tra 3 e 10 anni a Bill Cosby, il papà de "i Robinson"

sicurezza

Abbandono bimbi in auto: via libera del Senato al ddl "seggiolini"

SPORT

Lega pro

Berlusconi compra il 100% del Monza. Galliani ancora al suo fianco

SOFTBALL

Collecchio Under 13, la fotogallery delle finali nazionali

SOCIETA'

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel