19°

29°

Parma

Sedie di plastica? Così fan (quasi) tutti. Ma senza la multa

Sedie di plastica? Così fan (quasi) tutti. Ma senza la multa
Ricevi gratis le news
17
Sedie di plastica bandite dal centro storico? A quanto pare no. Basta fare una passeggiata tra le vie del centro per rendersi conto che sono molti - praticamente la maggioranza - i bar che utilizzano arredi in plastica per gli esterni.
Eppure, il regolamento comunale in materia di occupazione del suolo pubblico in centro storico, parla chiaro: «colori e forme sono libere» ma «il materiale plastico non è consentito». Lo sanno bene i proprietari della Caffetteria D’Azeglio, Pietro Ghirardi e Nicola Virdis, che la scorsa settimana sono stati multati proprio per aver esposto delle sedie di plastica davanti al bar.
 Le regole sono regole. Ma è così per tutti? Piazza Garibaldi: Gran Caffè Orientale. Le sedie utilizzate all’interno e all’esterno del dehor sono in plastica; simili, almeno in apparenza, a quelle della Caffetteria D’Azeglio, ma di colore bianco. Pochi metri più in là: Caffè Garibaldi. Sedie di plastica, questa volta nere. Via Farini: Le Malve espone sedie in alluminio, il  Gavanasa opta invece per le classiche seggiole di plastica, colore verde scuro. Svoltiamo l’angolo: Mood Caffè: sedie in alluminio, «solo perché ce lo impone il regolamento», commenta il barista.
La reazione degli esercenti alla notizia della multa alla Caffetteria D’Azeglio è pressoché unanime: le regole vanno rispettate, ma evidentemente la legge non è uguale per tutti. Chi ha adottato la plastica ha fatto fatto una scelta di praticità, oltre che di costi. «Gli arredi sono più semplici da pulire e di solito più comodi rispetto a metallo e in legno - spiega Tiziano Vicariotto, dell'Orientale -. Per l’esterno poi materiali come il ferro o il tessuto sono ingestibili». «Credo che fondamentale sia lo stile, più che il materiale in sé. Ci sono sedie di plastica che sono oggetti di design, eleganti oltre che costosi».
«Forse per la caffetteria di via D’Azeglio era un problema di colore», azzarda un collega, che aggiunge: «Evidentemente il senso estetico è più importante della praticità. Anche noi avremmo voluto personalizzare il locale con arredi colorati, ma non è stato possibile».
«Legalmente la multa è giusta, ma a volte occorrerebbe un po' di buonsenso. In via D’Azeglio come in altre zone del centro si vede di peggio, e non solo arredi».
«Noi abbiamo scelto sgabelli in ferro per l’esterno - commenta Stefano del bar Caracol -, ma solo per averli uguali a quelli dentro il locale. Vietare le sedie in plastica è una regola che, a mio parere, lascia un po' il tempo che trova». E a chi ha esposto sedie in plastica chiediamo: vi hanno mai multato? La risposta è una sola: «No, mai».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • maria vittoria

    18 Novembre @ 11.31

    temo che purtroppo le nostre opinioni non arriveranno mai ai giusti mittenti..ma ci tengo a dire che sono indignata e disgustata da quello che vedo succedere nella mia città... credo che dovremmo essere felici di avere tra i 1000 kebab ancora qualche bar gestito da concittadini...e non dovremmo fare un caso se le sedie esposte sono colorate oppure no..io credo che per migliorare la qualità e l'estetica del centro storico, e soprattutto dell'oltretorrente, i Vigili dovrebbero fare ben altro, anzichè multare chi è al lavoro dal mattino alla sera e paga regolarmente le tasse... mi riferisco al degrado in cui si riversano le strade del centro ... Personaggi ubriachi sotto i portici di via d'Azeglio che urinano e non solo, lasciando odori nauseabondi, urla e azioni illegali sotto gli occhi di tutti...ho 28 anni e non credo sia giusto dover aver paura di uscire dal lavoro sola la sera... Dove sono i Vigili o le altre forze dell'ordine ? La mia speranza è che inizino a multare chi davvero se lo merita, anche se fa paura...

    Rispondi

  • angela

    18 Novembre @ 09.34

    Scusate ma... siamo al delirio? Proibite le sedie di plastica????

    Rispondi

  • Elisa

    18 Novembre @ 08.25

    Gli amici sono esonerati dal rispetto dei regolamenti, sono esonerati anche dal pagare il plateatico.... Parma, un modo di vivere.

    Rispondi

  • claudio

    18 Novembre @ 08.16

    ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO di parma CERCA GRATUITAMENTE N. 100 SEGGIOLE DI PLASTICA, DI QUELLE IMPILABILI, DA UTILIZZARE PER LE RIUNIONI ASSEMBLEARI E GLI INCONTRI. I BAR DELLA PIAZZA SONO INVITATI, NEL CASO CAMBIASSERO SEGGIOLE E SI REGOLARIZZASSERO. SAREMO molto GRATI AL DONATORE per il bel gesto. contattare la redazione che hanno l'indirizzo email.

    Rispondi

  • cantarelli claudio

    17 Novembre @ 23.24

    Hanno ragione ad essere intransigenti, visto la gravità del reato. Bisogna essere fermi su mancanze e inottemperanze di quel tipo: tolleranza zero. Bisogna dare degli esempi, per evitare il malcostume delle sedie in plastica: i bar citati nell'articolo e non ancora multati vanno al più presto sanzionati ma a parziale giustificazione bisogna comprendere che questo non è ancora probabilmente accaduto per la notevole distanza dalla sede municipale. Suggerirei quindi di dotare le solerti guardie di mezzi idonei a raggiungere detti locali e intervenire in modo, finalmente radicale. Non se ne può più di uno scempio di tale portata. A proposito gradirei conoscere l' ideatore e l'estensore di quel regolamento comunale per proporre una promozione e l'affidamento senz'altro di un compito di maggior responsabilità visto l'acume e l'ampia visione sociale dell'idea. Chiedo infine: da cosa nasce l'idea di vietare le seggiole di plastica? Gradirei una risposta quanto prima. Grazie.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

sospetto

Test di medicina, picco su Google: "Qualcuno ha barato"

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse