17°

27°

Parma

Processo Ciappazzi: condannati Geronzi e Arpe

Processo Ciappazzi: condannati Geronzi e Arpe
Ricevi gratis le news
3

Cesare Geronzi condannato a 5 anni, Matteo Arpe a 3 anni e 7 mesi: è questa la sentenza emessa al termine del processo Ciappazzi, nato da un "filone" del crac Parmalat, per i principali imputati. Condanne dai 3 ai 4 anni per gli altri 6 imputati. Per tutti 10 anni di interdizione dall'esercizio di impresa e 5 dai pubblici uffici.

Il presidente del collegio giudicante, Pasquale Pantalone, ha stabilito che gli imputati non potranno ricoprire incarichi dirigenziali o essere titolari di un’attività di impresa 10 anni e che l’interdizione dai pubblici uffici sarà invece di cinque anni.
Il risarcimento del danno causato alle parti civili (tra questi centinaia di risparmiatori che avevano investito in titoli o obbligazioni del gruppo di Collecchio) sarà determinato da un giudizio civile che vedrà tra i responsabili l'istituto Unicredit e Banca di Roma in solido con gli imputati giudicati in primo grado dal Tribunale di Parma.

LA VICENDA. Al centro del processo penale di Parma c'era l’affare Ciappazzi, combinato secondo l’accusa tra il gruppo Ciarrapico e la Parmalat di Calisto Tanzi su pressione illecita di Cesare Geronzi che, all’epoca dei fatti (era il 2002), era il numero uno del gruppo bancario romano. Stando all’accusa, Tanzi avrebbe acquistato la società di acque minerali siciliane che versava in uno stato di completo sfacelo, ad un prezzo gonfiato al solo scopo di ottenere dal gruppo Capitalia un finanziamento da 50
milioni di euro che sarebbe servito a tenere a galla il settore turismo della Parmalat. La banca, dal canto suo, avrebbe consentito al gruppo Ciarrapico di incamerare i soldi della vendita e di conseguenza far rientrare in Banca di Roma (poi Capitalia) i fondi di un finanziamento concesso anni prima. I difensori di Geronzi hanno sempre negato tutti gli addebiti.
Le altre condanne hanno riguardato i manager di Capitalia Riccardo Tristano, tre anni e quattro mesi, e Luigi Giove, tre anni.

LE RICHIESTE DEL PM. In luglio il pm Picciotti aveva chiesto una condanna a 7 anni per Geronzi, accusato di bancarotta fraudolenta e usura aggravata. Per Arpe, ex "ragazzo prodigio" di Capitalia, erano stati chiesti 2 anni e 6 mesi. Secondo la difesa, Geronzi era estraneo ai fatti perché in quanto presidente di Capitalia non aveva responsabilità dirette sulle operazioni al centro del processo.
Questa mattina Geronzi e Arpe non erano in aula.

L'AVVOCATO DI GERONZI: "SENTENZA INGIUSTA". «Ci sembra una sentenza profondamente ingiusta in primo luogo perché questo tribunale ha ribadito che i banchieri rispondono di tutto ciò che accade in imprese grandi e articolate come lo era la Parmalat di Calisto Tanzi e in secondo luogo perchè la sentenza chiude gli occhi sulle risultanze del dibattimento». Così dopo la lettura della condanna a cinque anni per Cesare Geronzi il legale dell’ex banchiere Ennio Amodio parlando con i giornalisti.
«Non c'erano risultanze che vedevano Geronzi come causale dei fatti oggetto del processo - ha continuato l’avvocato Amodio - non mi resta che concludere che la giustizia in questo paese è quella dei pm perchè i tribunali manifestano un’adesione acritica alle tesi della pubblica accusa».
L'accusa aveva chiesto per Geronzi una pena di sette anni non riconoscendogli le attenuanti generiche. Il tribunale di Parma ha anche stabilito per 7 degli 8 imputati a processo una provvisionale da pagare alle parti civili, tutti risparmiatori, che ammonta al 4% del danno.
In una nota, i legali di Geronzi, gli avvocati Amodio e Vassalli, ribadiscono le ragioni per cui ritengono ingiusta la sentenza di condanna nei confronti del loro assistito. «La prima - scrivono - consiste nell’aver equiparato erroneamente la posizione del banchiere a quella dell’imprenditore, come se chi finanzia un’impresa potesse essere a conoscenza degli illeciti posti in essere dalla società emersi successivamente in relazione alla operatività di Parmalat. In secondo luogo - aggiungono - questa sentenza chiude gli occhi di fronte ai risultati acquisiti in un lungo dibattimento. Non ci sono testimoni, documenti e consulenze tecniche che abbiano confermato il benché minimo contributo personale di Cesare Geronzi al finanziamento di Parmalat e all’acquisto dell’azienda Ciappazzi».
«Se il processo deve ridursi in un’acritica adesione alle tesi dell’accusa, allora - ribadiscono i legali - è meglio riconoscere apertamente che a fare giustizia nel nostro Paese sono i Pubblici ministeri».
«Confidiamo - conclude la nota - che la Corte d’Appello sappia valutare quanto è emerso nel processo con la necessaria cura ristabilendo la verità dei fatti».

ARPE: "LA SENTENZA DI FATTO MI ASSOLVE". «La sentenza del processo Ciappazzi riconosce la mia estraneità alla vicenda e dunque mi assolve». Così Matteo Arpe, in una nota, ha commentato la sentenza del tribunale di Parma che lo ha condannato a 3 anni e 7 mesi per la bancarotta Parmalat in relazione alla vicenda Ciappazzi. L’accusa aveva chiesto 2 anni e 6 mesi riconoscendo per l’allora ad di Capitalia le attenuanti generiche.
«Nello stesso tempo - ha continuato Arpe - però sarei colpevole per un finanziamento a Parmatour (l'impresa del Gruppo Parmalat che operava nel turismo ndr) al quale mi ero opposto, che è stato deliberato in mia assenza e che non avrei potuto impedire neppure ex post, come confermato dallo stesso ex ispettore della Banca d’Italia, che all’epoca dei fatti dirigeva l'ispezione proprio in Capitalia. Sotto questo aspetto la decisione pare francamente paradossale e soprattutto non meritata. Sicuramente le sentenze vanno rispettate ma è certo anche che faremo appello».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Elisa

    01 Dicembre @ 08.52

    Tutto il mondo è paese, avete provato ad andare da Barriera Farini in Oltretorrente in autobus?

    Rispondi

  • franco

    29 Novembre @ 21.53

    Ma almeno ci va in galera ? altrimenti che sentenza è.

    Rispondi

  • geronimo

    29 Novembre @ 17.08

    COME GODO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Incidente Autocisa

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

SICUREZZA

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

8commenti

colorno

Botte e minacce alla moglie per costringerla a rapporti sessual: arrestato

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

TIZZANO

Frana di Capriglio, l'ira del sindaco Bodria: «I lavori subito o evacuo il paese»

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

SERIE A

Parma, che tour de force

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

Lentigione

Piena dell'Enza, risarcimenti e polemiche

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

12commenti

GAZZAREPORTER

Via Roncoroni, collage di rifiuti abbandonati... Foto

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

6commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

SANITA'

33 morti sospette al Noa di Massa: indagato il primario dell'ospedale

USA

Coppia insospettabile "drogava e stuprava donne": forse centinaia di casi

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

natura

Sarà un autunno da record per la raccolta di funghi in tutta Italia

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

1commento

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design