18°

28°

Parma

Banda di pusher in cella: 12 stranieri in manette

Banda di pusher in cella: 12 stranieri in manette
Ricevi gratis le news
17
I carabinieri li sono andati a prendere tra mercoledì notte e giovedì mattina. Uno dopo l'altro si sono trovati davanti i militari in divisa e non hanno avuto neppure il tempo di accennare una reazione. Rassegnandosi  a seguirli in via delle Fonderie. 
Per tutti la stessa accusa: detenzione ai fini di spaccio. (...)
E' una banda specializzata, ben attrezzata per  rifornire il mercato dello sballo cittadino, quella sgominata dai carabinieri della Compagnia di Parma che negli ultimi giorni hanno eseguito dodici ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti stranieri. 
Tra di loro tunisini, marocchini, albanesi e moldavi attivi, secondo le prime indiscrezioni, tra città e provincia. Dove erano in grado di fornire dalla eroina alla coca senza trascurare il sempre richiestissimo hashish. (...)

L'articolo completo di Luca Pelagatti è sulla Gazzetta di Parma in edicola oggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gazzettadiparma.it

    03 Dicembre @ 13.09

    Illustrissimo logosland, innanzitutto spero che queste poche righe da un modestissimo cronista della "pravda di provincia" possano raggiungere la sommità da cui lei parla a noi mortali... Fatta questa premessa, provo più seriamente a venirle dietro, sulla strada che la sua mail traccia. Che questa città abbia mille motivi per cui interrogarsi è certamente vero e non glielo contesto. Che alcuni commenti, come quelli da cui lei parte, trasudino egoismo-violenza-razzismo è altrettanto vero. Ma poi, e questo credo riguardi anche lei, si tratta di capire come andare avanti: continuiamo a guardare dall'alto tutti questi meschini (noi gazzettieri compresi, ovviamente) come lei fa? In attesa di che cosa: che la Verità folgori tutti noi come finora è accaduto solo per Lei? Oppure c'è una alternativa? Che è quella (tutt'altro che facile: lo ammetto) di misurarsi con la realtà così com'è, che non è la stessa che magari vorremmo. Vuole la mia, modestissima, opinione? Fra i motivi per i quali oggi a Parma c'è tanto deprecabile razzismo, c'è anche (e ovviamente non è una giustificazione per i razzisti) la lontananza dalla realtà di chi, pur magari in buona fede e per buone finalità, non vede che oggi la massiccia presenza straniera è certo una risorsa ma talvolta anche un problema. Forse perchè qualcuno la realtà la guarda da troppo lontano. Allora, se lo accetta da un pravdiano, le dico: scenda giù fra noi e parliamone con meno spocchia. La nostra città ha appunto già tanti difetti, per aggiungerne altri (Gabriele Balestrazzi)

    Rispondi

  • omar

    03 Dicembre @ 12.21

    "una vita in galera,,,questa gente...riempire di botte...ignorantoni della massa popolare....in piazza legati e a volto scoperto....voli diretti che costano meno..." e la perla: "accattono morti di fame geneticamente propensi al crimine". Bene, ancora una volta articoli di blanda propaganda in una piccola pravda di provincia, bastione dello storico oscurantismo e della manifattura del consenso locale, in una parmetta marcia, corrotta, anonima e governata dalla parodia di signorotti feudali. Ancora una volta una rabbia cieca che si esprime in un linguaggio istintivo e aggressivo di una lingua gia' violentata da decenni di supremo ottundimento culturale. Questi i cittadini parmigggiani, piccoli borghesotti spaventati e collerici ignari del mondo, della storia, delle loro medesime esistenze. Piccoli italiani, un popolo di corrotti, un popolo di ladri, un popolino di vigliacchi, la quintessenza del fascismo, forti con i deboli, ossequiosi e servili con i forti, timorosi adulatori con i patron locali. Un paese di analfabeti funzionali, dove la condizione femminile e' classificata al di sotto della Bolivia nei rankings internazionali, le liberta' civili e politiche fortemente erose e limitate, dove nulla funziona ed il quotidiano e' una discesa in un mondo kafkiano nervoso, disfunzionale, assurdo. Il paese sta apprestandosi a diventare una dittatura coloniale tecnocratica dopo decenni di ridicolo, di impoverimento umano e culturale. Un paese che ha il terrore di guardarsi allo specchio, che parla ad alta voce ed urla per coprire il proprio senso di inadeguatezza; un popolo scaltro ed opportunista che si ritrova sempre piu' insicuro e marginale, che grida in dialetto il proprio orgoglio non rendendosi conto di venire ormai solo ignorato, nemmeno piu' compatito. In tale scenario i parmigggiani continuano a svolgere il loro abituale ruolo, con una punta di morente orgoglio e ammantandosi ancora del loro parodico senso storico, rinchiusui nella citta' vetrina dei cementatori collusi e dei venali amministratori burattini, una cricca di ex buttafuori di balere della passa padana, ex PR di balere con vizietti dozzinali, ex copiatori di articoli 'giornalistici' dalla rete, ex comunistelli riformatori al servizio di qualche boss da cooperativa, arrivisti con il capello ingellato pronti a vendersi a chiunque, dirigenti bolsi che si infilano le mazzette in tasca, prosciuttai che vendono spazzatura, corpi municipali che umiliano e picchiano i deboli e poveri, sottrazioni di fondi e denaro pubblico, logge massoniche che muovono i fili, il tutto tra debiti, impoverimento umano e culturale, stupidita' e una generale, radicata, profonda ignoranza che si auto-alimenta e sostiene con la ferale inadeguatezza e inesistente autostima di un popolo gia' morto e pronto per la pattumiera della storia. Buona fortuna italietta, auguri al paesotto ducale.

    Rispondi

  • laura

    03 Dicembre @ 00.09

    Tra queste persone c'è una ragazza moldava di 37 anni, mia coetanea. E' arrivata in Italia otto anni fa e per anni, mentre io uscivo con gli amici e vivevo spensierata i miei trent'anni, lei ha assistito giorno dopo giorno mia nonna inferma con tutto il rispetto e le attenzioni possibili. Non chiedeva nulla di più alla vita, voleva solo guadagnare i soldi necessari a garantire al suo bambino un futuro migliore. Con la morte di mia nonna si è cercata altri impieghi ed essendo una persona cara e affidabile, le è stato facile entrare nelle case e nel cuore di altre famiglie. Ha lavorato sodo per portare suo figlio in Italia e finalmente, dopo tanta fatica e tanta sofferenza, il piccolo l'ha raggiunta. In un anno il bimbo ha imparato l'italiano, si è inserito a scuola, si è fatto molti amici ed erano felici Finalmente avevano una vita nuova, bella. Poi è arrivato lui, un albanese dallo sguardo marcio, ma che con lei era generoso, premuroso, brillante. Lei, ormai lontana dalle botte dell'ex marito, se ne è perdutamente innamorata al punto da non vedere ciò che era lampante agli occhi di tutti. Plagiata e usata, ma lei non vedeva. Quando lui le ha chiesto di vivere insieme lei ha subito accettato, con lo stesso entusiasmo e la luce negli occhi di una ragazzina al primo amore. Lei sempre fuori casa per lavorare, la casa sempre libera, l'ideale per lui per svolgere i suoi traffici indisturbato. Sapeva? Forse. Si opponeva? Forse, o forse questo suo eroe era riuscito a convincerla che non era sbagliato. Ora, dopo tutti questi anni di sacrifici e speranze, il futuro non esiste più. Il suo sogno italiano è finito per sempre, per se stessa e per il suo bambino, e noi passeremo il primo Natale senza di lei. Non giustifico i suoi errori, ma mi chiedo perchè per alcune persone non possa esserci una seconda possibilità. Lei se la meriterebbe, molto più di tanti italiani.

    Rispondi

  • Giuio

    02 Dicembre @ 22.41

    E pensare che questo non basta a far cambiare idea a tutti gli ignorantoni della massa popolare su questi delinquenti legalizzati... e poi ti fanno anche la guerra tacciandoti di razzista se detesti questi accattoni morti di fame geneticamente propensi al crimine !

    Rispondi

  • the clansman

    02 Dicembre @ 17.26

    sempre tunisini L RICCHEZZA DI PARMA...I CITTADINI NORDAFRICANI....,ma spacciano per versare i contribuii e pagarci le pensioni?? o per mandare 100.000 euro l'anno via money transfer???

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

57 annunci di lavoro

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Dopo il borseggio sul bus

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat

lutto

Scomparso Mino Bruschi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

calcio

Riecco Ciciretti

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

MOBILITA'

Pista ciclabile pericolosa

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

2commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

CARABINIERI

Minaccia l'ex compagna e pretende sempre più denaro: arrestato 33enne di Polesine 

L'uomo è accusato di estorsione. E' stato arrestato dai carabinieri dopo l'ultima richiesta: 300 euro da consegnare in un parcheggio

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

5commenti

12 tg parma

Presto il via libera al taser anche a Parma. Ma la polemica sicurezza continua Video

5commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

2commenti

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

ITALIA/MONDO

A21

Incidente a Piacenza: un morto e tre feriti gravissimi. Due bimbi portati al Maggiore

ROMA

Auto investe pedoni vicino a San Pietro: 4 polacchi feriti

SPORT

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

INTERVISTA

Golf, inizia il Tour Championship: sfida importante per Francesco Molinari Video

SOCIETA'

nuoto

Federica Pellegrini: "Credo ancora all'amore ma con meno paranoie"

natura

Sarà un autunno da record per la raccolta di funghi in tutta Italia

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design