19°

Parma

Notte da metronotte tra allarmi via radio e colpi sventati

Notte da metronotte tra allarmi via radio e colpi sventati
Ricevi gratis le news
2

Laura Frugoni
 «La paura? Certe volte ci fai i conti, l'ultima è stato un paio di mesi fa: erano in sette e me li sono trovati davanti alle quattro del mattino dentro all'area Bormioli dove stavo facendo il mio solito giro. Pensavo fossero extracomunitari in cerca di un posto per dormire, invece era una banda che aveva appena rubato i videopoker un bar in via Milano».
Come se l'è cavata, quella volta, Ivan lo spiegherà tra un po'. Perché la notte è appena cominciata e a lui lavorare quando gli altri dormono è sempre piaciuto, «anche se adesso con questa emergenza dei furti il lavoro è aumentato parecchio. Bisogna fare le corse».
Ivan Canori da 12 anni è una  guardia giurata dell'Ivri in servizio perenne dalle dieci di sera alle sei del mattino. Non è proprio il metronotte che t'aspetti: 41 anni di Aulla, fisico e statura dell'anti-colosso, non fuma (l'unico  aroma che senti sulla Panda è quello alla lavanda dell'arbre magique), parla il necessario, ha un'aria pacata e assicura che preferisce dimenticarsi di avere una pistola alla cintola. Nella conta tra le guardie in divisa tutte in partenza davanti alla blindatissima sede dell'Ivri di via Zanardelli, la parte del cicerone notturno tocca a lui e anche volendo non avrebbe avuto tempo per imparare una lezione posticcia. Stretta di mano veloce e le portiere della Panda bianca e blu si spalancano, puntiamo sulla zona coperta da Ivan: la porzione di centro storico tra via Repubblica  e la stazione e tutto quartiere a San Leonardo. Mentre guida l'orecchio è sempre teso alla radio tra le comunicazioni della centrale e il filo diretto con i colleghi, appoggiato sul cruscotto un mazzo di chiavi strabiliante  che speri non ti cada sulle ginocchia alla prima curva. «Ho una compagna, quando ci siamo conosciuti lavoravo già di notte, trasportavo il pane per un forno, quindi era già abituata». Lei cassiera di supermarket, lui metronotte: resta poco tempo per litigare. «Vero - ci si scioglie nella prima risata - e comunque di giorno il tempo per stare insieme c'è». Il tour è puntellato di fermate. Nella lista: filiali e sedi di alcune banche cittadine, la Bormioli e la Chiesi, i tornanti del parcheggio coperto al Duc, un paio di hotel dove ritirare le schede dei clienti da recapitare in questura, la Camera di Commercio da aprire alle cinque, e poi naturalmente una miriade di negozi, piccole aziende, palazzi di privati. Per il numero dei passaggi dipende: a volte sono tre per notte, a volte anche cinque. Questa è la routine che non cambia mai, l'incognita sono gli allarmi che scattano e di questi tempi è una maledetta sinfonia: se capitano nella tua zona sei tu a correre, oppure vai in supporto ai colleghi che sorvegliano le aree vicine. «La fascia preferita dai ladri è quella tra le due e le quattro», informa Ivan. Ora è appena passata la mezzanotte, ma con i ladri non si può mai stare tranquilli: è scattato un allarme al Pro Parma di via Moletolo, ma nella club house le luci sono ancora accese per uno sparuto gruppo di nottambuli che sta giocando a carte e cade dalle nuvole («che allarme?»). Si va a dare un'occhiata alle palestre e tra la nebbia, il buio appena spezzato dal fascio della torcia pare di stare in un film di guardie e ladri. Solo che i ladri (per fortuna) non ci sono. Falso allarme. Cinque minuti dopo ne scatta un altro in un'azienda di viale Fratti: altro sopralluogo, dall'esterno pare tutto a posto, si comunica e poi s'aspetta che la centrale (che intanto ha avvertito il titolare) dica che si può continuare il giro. Dopo 12 anni di lavoro Ivan prende tra i 1300 e i 1400 euro mensili, lavora sei notti di fila e poi ne riposa due. «Prima la gente ci considerava male, il metronotte era l'ultimo lavoro che uno voleva fare. Adesso con la crisi ci sono anche molti parmigiani».  E con la banda dei videopoker com'era finita poi? «Ero a piedi e loro erano fermi e mi guardavano, poi hanno fatto per venire verso di me. Ho tirato fuori la pistola, sono arrivati i miei colleghi e sono scappati nei campi. Eh sì: me la sono vista proprio brutta quella volta».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • AIR

    06 Dicembre @ 09.38

    Complimenti.....ma se rispettassero anche loro i limiti di velocità e il codice della strada sarebbe meglio...più di una volta ho rischiato che uno di questi rambo venisse a sbattarmi addosso con la loro pandina,a me non me ne frega niente se sono chiamati a fare un intervento ma io e la mia famiglia se rischiamo di essere falciati, come gia capitato, sarà mia cura fargli capire come si guida quando ci sono altre persone in strada,e vi assicuro che mi faccio capire.

    Rispondi

  • wolf

    05 Dicembre @ 16.54

    Tutto il mio plauso a questa categoria che nessuno considera. Mi domando come farà a 67 anni a fare questa vita....i nostri governanti per almeno un paio di mesi dovrebbero provare. Auguri e complimenti a tutte le Guardie Giurate.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno