10°

23°

Parma

Amoretti, l'Oscar del mare agli armatori della collina

Amoretti, l'Oscar del mare agli armatori della collina
Ricevi gratis le news
0

Roberto Longoni
Il mare lambisce il cancello al 22 dello Stradone. Qui, anche seduti a una scrivania, si sente la voce delle onde. O  si è scossi dalla loro furia. Oggi, è uno di questi giorni. «Abbiamo una nave che s'è rifugiata a Oristano per una tempesta» allarga le braccia Mariella Amoretti. Come a dire: incerti del mestiere, se il mare decide di caricare a testa bassa con un «forza 10» non puoi certo impedirglielo. Sorride al suo fianco la sorella Rina. Due donne alla plancia di comando dell'Amoretti Armatori Group, la compagnia che fu varata dal padre Odoardo, Cavaliere di Gran Croce, premio Sant'Ilario e chissà quanti altri, mai ritirati, perché «per queste cose ci vuole il tempo». E il tempo, l'«ammiraglio delle colline», uomo schivo, tenace e lungimirante scomparso nel 2008 a 87 anni, lo dedicò fino alla fine al navigare,  più necessario dello stesso vivere.
OSCAR DELLO SHIPPING
Le figlie non potevano che prendere da lui. Così, Mariella d'istinto rispose che non poteva, quando qualche settimana fa le chiesero di andare a Roma. All'altro capo del filo ci fu uno sbalordito silenzio, prima della ripetizione dell'invito per la serata di consegna dei Lloyd's List Italian Shipping Awards. Gli organizzatori del prestigioso evento ci tenevano alla presenza di un rappresentante della compagnia di navigazione targata Parma. Non si poteva dir di no. Pochi giorni dopo, dalla Capitale, Mariella Amoretti  (partita senza sapere nemmeno della nomination) è tornata con  quell'Oscar della marineria italiana che ora fa bella mostra di sé nella palazzina in viale Martiri della Libertà, quartier generale di un gruppo che conta una quarantina di dipendenti a terra e 400 imbarcati. A metà strada tra le altre due sedi, Augusta e Rotterdam, Parma, terragno «porto delle nebbie» dove ci si affaccia sul  mare, tra modellini e foto di cisterne nel  Mediterraneo e di prue che fendono i ghiacci canadesi.
 Parmigiani che hanno preso il largo, gli Amoretti, ma restando con i piedi ben ancorati alla terra dalla quale discendono. Per quanto sia scritta nell'acqua, da milioni di miglia di scie, la loro è una storia che resta. Mentre le prue delle loro navi - sulle quali il nome di famiglia scritto in  caratteri cubitali incede a testa alta tra le onde - continuano a parlare al mare con verbi coniugati al futuro. Il Lloyd's Award è una boa luminosa su rotte che non cessano a dipanarsi. 
DA FELINO AGLI OCEANI
«Armatori di campagna», li ha chiamati qualcuno, perché la loro sfida partì da Felino.  Cervello fino e scarpe grosse, adatte ai piedi palmati di chi si muove a proprio agio da una  costa all'altra, di mezzo mondo. Tra le burrasche del meteo e della crisi. «Facciamo i conti con entrambe, oltre che con un'agguerrita concorrenza. Non è certo una passeggiata: ogni giorno ci sono decisioni importanti da prendere» dicono le  sorelle Amoretti. A volte ci si mettono di mezzo anche i cannoni. E' successo di recente, con  una nave cisterna che attracca in Libia proprio  quando iniziano i bombardamenti. «Solo quando sapemmo che l'equipaggio era uscito dal golfo della Sirte, tirammo un sospiro di sollievo».
Altre rotte sono meno a rischio, anche se per poterle seguire bisogna combattere dure «battaglie navali». Come  per il Baltico, mare da sempre piuttosto chiuso per gli armatori italiani: qui la flotta Amoretti è presente con sei cisterne, impegnate in un contratto di noleggio di lungo periodo  per una multinazionale del settore. Poi, l'Atlantico, verso i porti del Nordamerica. E il mare nostrum, l'Adriatico, il Tirreno. Tra le vie marine, anche quella che riempie di cherosene i serbatoi dell'aeroporto di Fiumicino.  In tutto, le  navi  del gruppo trasportano 151 mila tonnellate di prodotti chimici e petroliferi raffinati. Su gomma, ci vorrebbero 7.650 autobotti, per fare altrettanto. Non ci vuole molto, per immaginare i pericoli tolti dalle strade, il Co2 risparmiato all'ambiente.
L'EPOPEA DI ODOARDO
Eppure, proprio sulle ruote viaggiano i primi anni della storia degli Amoretti. All'inizio, a bordo di un calesse trainato da cavalli: i genitori di Odoardo, Priamo e Angelina, impiegano un giorno a raggiungere Milano, per consegnare il carico di salumi. Un giorno a tornare. Alla fine della guerra, è un giovanissimo Odoardo ad accendere i motori. Sulla foto di uno dei suoi camion, datata 1945, si legge, scritto a penna, forse di suo pugno: «Monti supera e valli».  Lui supera le colline di Felino nel 1949, per fare di Parma la sua base. Gestisce le  autobotti e sulla via Emilia apre una stazione di servizio (ancora funzionante). Serio, tenace, di poche parole: nel 1958 avvia la distribuzione di prodotti per il riscaldamento. Apre depositi in provincia. Nel 1960 ne costruisce uno a Boretto. S'affaccia sul Po e ci vede un'autostrada.
E' nel 1963 che Odoardo baratta il volante dei camion con il timone di una bettolina di 71 metri. La chiama Mary, unendo le iniziali delle figlie. Presto, le navi che fanno su e giù da  Porto Marghera diventano tre. Poi sei. A disegnarle (a matita) è lo stesso «ammiraglio di collina». Ognuna ha sette uomini d'equipaggio e trasporta il carico di 50 autobotti, per le quali servirebbero cento uomini. Notti vissute con il radiotelefono per cuscino o in piedi sui ponti a seguire i passaggi tra le secche. Le domeniche? Passate a studiare il fiume. «Nostro padre - raccontano le figlie - non ha mai avuto bisogno di vacanze, perché la passione non gli faceva vivere come un lavoro ciò che faceva».
Una «piena» d'entusiasmo che porta naturalmente al mare. E' il 1970, quando l'Angelina Amoretti viene adattata alla navigazione in Adriatico. Altre la seguono. Passa una ventina d'anni e, con largo anticipo sugli altri, Odoardo fa costruire le prime due cisterne a doppio scafo. E' il sigillo dell'attenzione per la sicurezza, per  quale è fondamentale anche il fattore umano. «Per questo applichiamo una politica molto restrittiva, che tiene costantemente monitorati i marittimi sui fronti dell'alcol e delle droghe» dicono Mariella e Rina Amoretti.
Il doppio scafo: allora ci voleva un bel radar, per vedere ciò che oggi è diventato obbligatorio ovunque per questioni  di sicurezza. I primi riconoscimenti vengono da oltre confine. Le due petrolchimiche costruite in Germania vincono i premi «Great Ship» 1997 e 1998.  Nel 2002, il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, motu proprio, nomina Amoretti Cavaliere di Gran Croce. Nel 2007 è il Comune di Parma a premiarlo, con il Sant'Ilario.
TRE GENERAZIONI AL TIMONE
E' alla sua morte, nel 2008, che le figlie prendono in mano il timone del gruppo. Entrambe da  anni si sono fatte largo in un mondo che per tradizione non ama tingersi di rosa. Rina è la prima donna eletta in Europa nel comitato che gestisce il fondo di solidarietà degli armatori sul fronte dei rischi ambientali; Mariella è la prima presenza femminile nel board della Confederazione italiana degli armatori. Accanto  a loro, sulla tolda della compagnia parmigiana, c'è anche la terza generazione degli Amoretti «naviganti». Costanza, figlia di Mariella, si occupa della gestione degli equipaggi; Francesco, figlio di Rina, segue l'ufficio acquisti. Anche Maria Laura, studentessa universitaria, sembra voler impostare la bussola sulla rotta di famiglia.
Intanto, alle undici navi della flotta, in questi giorni se n'è  aggiunta un'altra.  Doppio scafo, doppia timoneria, doppio apparato propulsivo, con motori common rail, per abbattere  le emissioni:  140 metri di cisterna sui quali batte la bandiera della sicurezza e del rispetto dell'ambiente.  A prua, scritto in grande, il nome:  Odoardo Amoretti. Superati monti e  valli, fiumi e oceani, il pioniere doveva riprendere il mare: guardando avanti, come sempre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

A Fidenza i party cult Foto

PGN FESTE

A Fidenza i party cult Foto: ecco chi c'era 

Grande Fratello, soddisfazione a Canale 5: "Esordio da incorniciare"

TELEVISIONE

Grande Fratello, Canale 5: "Esordio da incorniciare" Foto: la casa

Yanchen Gar  2 -  Filippo Chiesa

ARTE

"Yarchen Gar", il corto di Filippo Chiesa premiato a Los Angeles

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Parco del Dono, abitanti contro migranti

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

13commenti

DISASTRO COLPOSO

Alluvione, chiesto il rinvio a giudizio di Pizzarotti

10commenti

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

mezzani

Rems più sicura: dopo la fuga di Solomon saranno alzate le recinzioni

1commento

SERIE B

Parma: stop anche per Dezi

2commenti

Varese Ligure

Comune vs parroco: la "guerra" di don Sandro, podista per protesta

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

Sala

Colpi a raffica: rubati soldi, gioielli e una banana

droga

Cocaina per oltre 1500 euro nascosta nelle scarpe: arrestato un 23enne

9commenti

PROSCIUTTO

Inchiesta sulle Dop, sospesi i certificatori. Il Consorzio: "Produttori parte lesa"

Decisione del ministero: stop per 6 mesi e impegno a correzioni

2commenti

FINANZA

Maxi frode dei malati immaginari, ecco tutti i nomi e le accuse Video

11commenti

sorbolo

Incastrato per il furto al bar. Ma nello zaino aveva anche altri bottini: di chi sono?

arresto

Ubriaco, danneggia sei auto parcheggiate e poi si scaglia contro i carabinieri

4commenti

tg parma

Sergio Romano al Collegio Europeo: "In Siria vittoria russa" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Guerre, sete, matrimoni e calci di rigore

di Michele Brambilla

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

ITALIA/MONDO

LUCCA

Minacce e offese al professore: indagati 3 minorenni Il video

2commenti

INGV

Terremoto: lieve scossa a Reggio Emilia

SPORT

Calcio

E Simy fa Ronaldo

MOTOMONDIALE

Gp delle Americhe: Marquez e Rossi verso il prossimo round?

SOCIETA'

SALUTE

Dall'analisi del sangue la diagnosi precoce per il tumore al polmone

l'intervista

Isabella Rossellini: "Io stuprata, ma è tardi per denunciare"

1commento

MOTORI

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti

AUTO

Scaduto l’obbligo di pneumatici invernali: è ora del cambio stagionale