14°

25°

Parma

Processo Parmalat: 15 indagati nel filone Bank of America - Fra le accuse c'è l'usura

Processo Parmalat: 15 indagati nel filone Bank of America - Fra le accuse c'è l'usura
Ricevi gratis le news
3

È ripreso questa mattina in tribunale il processo Parmalat. Un'udienza importante: stamane la procura deposita l'avviso di chiusura delle indagini sul filone Bank of America (abbreviato in Bofa): sono 15 gli indagati. Tra loro figurano Luca Sala, ex managing director di Bofa della sede di Milano, Luis Moncada - ex managing director del credit approval di Bofa -, Patrizia Medbedich, allora vicepresidente del corporate investment banking della sede milanese Bofa, Antonio Luzi (all’epoca dei fatti era associate corporate investment banking della Bofa), David Chalk, allora managing director responsabile del credit approval della sede londinese di Bofa.

Alcuni imputati sono accusati di usura. In particolare Sala, Medbedich e Wright, allora partner dello studio legale londinese Maier Braun Rowe e Maw, incaricato da Bofa dell’assistenza legale nelle operazioni finanziarie strutturate. Sono accusati di usura per il «finanziamento-ponte concesso da Bofa alla Parmalat argentina» (il 23 dicembre 1996). I tre, secondo la Procura, «facevano da prima promettere e quindi corrispondere dalla società sudamericana nonché dalla controllante Parmalat spa, in corrispettivo del finanziamento di 60 mln di dollari erogato, un importo complessivamente pari ad un tasso del 15,92% annuo, costituente vantaggio usurario».

LA CONSOB CHIEDE 6 MILIONI. La Consob, organismo di controllo sulla Borsa, ha chiesto più di 6 milioni di euro di risarcimento per i danni patrimoniali e non patrimoniali subiti nel corso della sua attività di vigilanza sul gruppo di Collecchio. La richiesta è stata avanzata dall'avvocato Emanuela Di Lazzaro. Il legale della Consob ha spiegato che «tutte le informazioni e i comunicati resi dalla società alla commissione e al mercato, prima del default, sono risultate false. Falso era il bilancio consolidato, falsi tutti i comunicati, e mentre il gruppo diceva al mercato che non si emettevano più bond, andava invece verso una serie di nuove emissioni». Queste false comunicazioni, secondo l’avvocato, «hanno inferto un vulnus irreparabile all’attività della Consob, l'autorità di controllo ne ha ricevuto un danno sia sotto il profilo patrimoniale, che non patrimoniale, di cui per questo si chiede il ristoro».

LAGUARDIA: "PROCESSO A RISCHIO". Ma c'è un altro aspetto da considerare: la possibile depenalizzazione dei reati. Il procuratore Gerardo Laguardia, a margine dell'udienza, lancia un allarme: «Questa potrebbe essere una delle ultime udienze del processo Parmalat - ha detto il pèrocuratore Gerardo Laguardia -. Nel caso del processo Parmalat cadrebbero tutte le  imputazioni e questo perché i reati contestati sono in via di  depenalizzazione. Il Parlamento, infatti, ha già approvato al Senato un emendamento che modifica la legge Marzano». Il capo della Procura si riferisce all'emendamento inserito nel decreto legge di Alitalia, che lega la  perseguibilità penale di una cattiva gestione aziendale al fallimento dell’impresa.
L’emendamento prevede che, nel caso in cui non vi sia stata conversione della procedura di amministrazione  straordinaria in fallimento, i reati non possano più essere  contestati. Secondo il procuratore, se l’emendamento fosse approvato anche dalla Camera non si potrebbe più procedere nei confronti dei responsabili  del crac Parmalat, così come nei confronti di altri soggetti responsabili di bancarotte degli scorsi anni, tra cui quella della Cirio.
I cronisti hanno chiesto a Laguardia al magistrato se una  modifica dell’attuale disciplina potesse comportare un «doppio  danno» per i cittadini, che avrebbero pagato il costo del crac del 2003 e quello della macchina della giustizia in moto da cinque anni. «È proprio così», ha risposto il procuratore.

Sulla questione però getta acqua sul fuoco l'avvocato della Parmalat, Marco De Luca. «Non drammatizziamo, credo che si tratti di un errore di formulazione nel decreto di Alitalia», ha detto De Luca rispondendo ai cronisti. «La maggioranza, a mio parere - continua il legale - non aveva intenzione di fare colpi di spugna a favore di nessuno. Credo che una volta che si saranno accorti dell’errore rimedieranno».
De Luca, che ha parlato in una delle pause del processo che si tiene a Parma, è convinto che una delle prove dell’«errore» stia nel fatto che nessuno tra i senatori del Partito democratico abbia protestato all’atto dell’inserimento dell’emendamento all’interno del decreto legge.

IL GOVERNO: "VIA QUELL'EMENDAMENTO". Sull'emendamento del decreto Alitalia è intervenuto in aula il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. «Si sbaglia, se si immagina che la linea del Governo sia quella prevista da un emendamento che prevede la  riduzione della soglia penale per alcune attività di  amministratori - ha spiegato il ministro - Questo emendamento è fuori dalla logica di questo Governo. O  va via questo emendamento o va via il  ministro». Fonti del governo confermano l'intenzione di cancellare questo passaggio del decreto, che ha scatenato le polemiche politiche. L'emendamento già ribattezzato "salva-manager" sarà cancellato nel passaggio parlamentare alla Camera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    09 Ottobre @ 18.11

    PER CHI E' INTERESSATO, STASERA LA NOSTRA CITTA' SALIRA' DI NUOVO AGLI ONORI DELLA CRONACA CON UN COLLEGAMENTO DIRETTO AD ANNOZERO DI MICHELE SANTORO. SI DOVREBBE TRATTARE DI RISPARMIATORI TRADITI DALLE BANCHE.

    Rispondi

  • Domenico

    09 Ottobre @ 13.31

    Processo Parmalat: ... E così finisce tutto a tarallucci e vino, ovvero, come si dice a Napoli "chi ha dato ha dato, e chi ha avuto, avuto!" Il "sottile ragionamento" per insabbiare il tutto, è che in fondo al risparmiatore quei soldi , investiti in titoli-carta straccia, non erano poi proprio indispensabili per vivere (come succede invece al popolo degli extra-comunitari), ma erano utilizzati per ricavar profitto, per cui i risparmiatori ne possono ancora fare a meno ... O no? Fra non meno di cinquant'anni saremo arrivati in fondo alla questione ... Campa cavallo ...

    Rispondi

  • Michele

    09 Ottobre @ 11.50

    E che credavate ?? Il Cavaliere dopo aver fatto leggi per tutelare se stesso, sta facendo pure quelle per tutelare gli amichetti del quartierino.... Non capisco tanto stupore..

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paola Di Benedetto dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo

TELEVISIONE

Sexy Paola dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo Foto Video

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

In 5mila in piazza Garibaldi. I Baustelle sul palco dopo le 23

25 APRILE

In 5mila in piazza Garibaldi. I Baustelle sul palco

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

ANTEPRIMA GAZZETTA

Inchiesta sugli affitti: 2 sfratti al giorno in media a Parma e provincia Video

Inquilini abusivi: proprietario di un appartamento "accolto" con un coltello

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

politica

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

Cavandoli: "Entrambe le parti erano mosse da motivazione valide e giuste"

6commenti

sfilata

Parma, 25 Aprile: tutti i colori della libertà Foto

AUTOSTRADE

Schianto in A1: due in Rianimazione. Incidente in A15 in serata

Una moto è finita a terra in A1 tra Fidenza e il bivio per l'A15

GAZZAREPORTER

Lago Santo: 25 Aprile al rifugio Mariotti

borgo gallo

L'accumulatore seriale ha «ridotto» così il palazzo in centro: le foto Video

carabinieri

Viale Mentana, arrestato con un etto di hashish il pusher dai mille nomi

4commenti

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

parma calcio

Lucarelli e Munari, una camera per due

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

2commenti

cavriago

Non gli andava bene l’orario di consegna: prende la postina a bastonate

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

DEGRADO

Stazione, parcheggio H: vigilanza armata dalle 14,30 alle 22,30

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

LA BACHECA

Ecco 20 nuovi annunci per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

CAMERINO

Dopo la condanna per abusi assume un mix farmaci: morto prof di Anatomia

TECNOLOGIA

WhatsApp vietato ai minori di 16 anni in Europa

1commento

SPORT

CHAMPIONS

Il Real Madrid sbanca Monaco: 2-1 al Bayern

PARMA CALCIO

Verso Vercelli: Vacca torna in gruppo, si lavora per il recupero di Scavone Video

SOCIETA'

COPENHAGEN

Ergastolo all'inventore del Nautilus per l'uccisione della reporter

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel