11°

26°

Parma

"La nigeriana della foto non è stata maltrattata"

Ricevi gratis le news
11

«La prostituta si batteva la testa contro il muro, faceva finta di svenire. Lei continuava a inveire contro tutti, si picchiava da sola. Nessuno l'ha maltrattata».
La prostituta in questione è quella della foto che la ritrae a terra, sul pavimento di una cella della Polizia municipale. Foto che la scorsa estate ha fatto il giro dei media nazionali. Un caso che però si è sempre più sgonfiato e nel tempo è emerso che la donna non è stata maltrattata durante la retata degli agenti.
La Gazzetta di Parma ha pubblicato il 3 ottobre la deposizione di una prostituta dell'Uruguay che - fermata durante i controlli - era al Comando e ha assistito alla scena. Oggi quella donna ha scelto di accettare l'invito di Canale 5 e ha partecipato a «Mattino 5», trasmissione che affronta temi di attualità.
Sono stati ripresi i temi del caso Emmanuel e di quello della famosa foto, ponendo una domanda: Parma è una città razzista?
La risposta è «no», a giudicare dalle interviste realizzate in centro fra la gente dai giornalisti di Mediaset. Parmigiani ed extracomunitari hanno detto che il rapporto fra i diversi gruppi è buono, la situazione è tranquilla e non ci sono discriminazioni o razzismo. Il presidente della Comunità islamica ha confermato, dicendo che secondo lui il comportamento di singole persone «non va generalizzato su tutta la città. Dispiace a noi e ai parmigiani, se ci sono episodi del genere».

A «Mattino 5» è poi intervenuta una donna, Sandra Suarez: lei - dice - è la sudamericana interrogata dalle forze dell'ordine nell'ambito dell'inchiesta sulla foto della prostituta sul pavimento. Il verbale della sua deposizione è stato pubblicato dalla Gazzetta di Parma venerdì 3 ottobre. Una scelta che la signorina Suarez contesta, dicendo che il suo nome e cognome è stato messo sul giornale. In realtà è stata pubblicata solo una sigla: U.S.P.
«Penso che non sia giusto dire che Parma sia una città razzista», ha detto Sandra Suarez durante l'intervista del conduttore Claudio Brachino. La nigeriana della foto «urlava che sembrava un cinghiale» e inveiva contro gli agenti, che a loro volta non sapevano come calmarla. Gli agenti «ci hanno offerto caffè e acqua - dice la Suarez -. Nessuno ci ha maltrattate. Io mi sono nascosta dietro a un poliziotto, perché ho avuto paura. Altre volte ho avuto problemi con le nigeriane: pensano che noi bianche siamo trattate diversamente ma non è così. Infatti nella retata c'ero anche io».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Antonio

    10 Ottobre @ 23.06

    visto che siete così obbiettivi mi aspetto un altrettanto ampio risalto anche sulle dichiarazioni del collega giornalista (pubblicate oggi) di un'altra testata (quello accusato dalla uruguaiana) che afferma quello che lei 'avrebbe' detto a lui, tra cui anche che lei 'sarebbe' amica di un poliziotto ecc. ecc. Ovviamente la vicenda è ricca di condizionali perchè ognuno dice quello che vuole, in mancanza di riscontri, e ciascuno usa le dichiarazioni che convengono ..... però il collega si dice disposto di fare nomi, portare riscontri ecc al magistrato non ai giornalisti.

    Rispondi

  • rita

    09 Ottobre @ 19.11

    parma nn e una citta razzista,in alcuni casi la gente nn e calorosa cm le altre citta,e per quando riguarda la storia della nigeriana basta!nn si puo credere ha quello che si vede sui giornali ho in tv bisogna esserci per capire e nn accusare la gente

    Rispondi

  • Eco

    09 Ottobre @ 17.37

    Vorrei sapere da tutti quelli che anche dopo questa testimonianza, che evidentemente era obbligatorio rendere pubblica, - anche se già in agosto le persone intelligenti e anti-strumentalizzazione avevano capito che non era successo nulla di grave - perchè non riescono ad ammettere che SU QUESTA VICENDA in troppi hanno esagerato bollando Parma come razzista! E vorrei anche sapere perchè credono ad una foto - la prostituta nigeriana chi l'ha mai vista? - e non ad una che mette la sua faccia... E poi, basta con 'sta storia del razzismo. Andatevi a vedere "MISSISSIPPI BURNING": QUELLO E' RAZZISMO!

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    09 Ottobre @ 17.22

    Vediamo se riusciamo a fare chiarezza una volta per tutte. Il titolo sulla niegriana non ha il condizionale ma è virgolettato: questo significa che sicuramente quell'affermazione è stata fatta (ovvero la donna uruguayana ha detto questa mattina quelle cose in tv e tutti l'hanno ascoltata). Quello che ovviamente è da verificare è che le sue parole corrispondano alla verità: quindi se parliamo noi dobbiamo dire che "la nigeriana non sarebbe stata maltrattata", al condizionale. Ed è lo stesso metro che vedete usato, nella nostra prima pagina, a proposito delle dichiarazioni del pusher su Emmanuel, e che cefrtamente non sono favorevoli alla versione dei vigili. Non due pesi e due misure, quindi. Aggiungo una cosa: è giustissimo che i lettori abbiano la possibilità di criticare il nostro lavoro, va benissimo guardare anche le sfumature, perchè a volte possono avere dei significati. Però credo che ora dovremmo tutti concentrarci sulle cose più importanti. Ovvero, ci sono due episodi da chiarire. Ogni giorno escono particolari o anticipazioni sulle due inchieste: i giornalisti di tutte le testate stanno riportando questi fatti. Intanto la magistratura sta lavorando: aspettiamone le conclusioni e poi capiremo chi ha ragione e chia ha torto. Dare giudizi oggi (sull'una o sull'altra vicenda, e a favore di questa o quella versione) può essere ancora prematuro, anche se è giusto che già adesso ci sia una riflessione generale su vicende così importanti. Confrontiamoci pure, critichiamoci pure: ma pensiamo soprattutto a come costruire rapporti e situazioni che evitino il verificarsi di altri episodi del genere in futuro. Spero di avere soddisfatto i lettori del nostro sito, e spero che dopo tante schermaglie ora il nostro dibattito possa fare un salto di qualità, con il contributo di tutti noi. Gabriele Balestrazzi

    Rispondi

  • mah

    09 Ottobre @ 15.52

    Direttore, perche' questa volta non usa il condizionale come per la vicenda Emmanuel? Mi ricordo le sue parole circa il fatto che un buon giornalista prima di sapere la verita definitiva deve sempre usare il condizionale!! mah!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Cina

FOTOGRAFIA

Le città del futuro e le case come alveari: la Cina "mai vista" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

De André a  “Rimini”

IL DISCO

De André a “Rimini”

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Morto improvvisamente a 47 anni Filippo Virgili, lavorò per il Papa

Noceto

Morto improvvisamente a 47 anni Filippo Virgili, lavorò per il Papa

Incidente a Pastorello

Federico Miodini, «il Miodo» giovane padre innamorato della vita

RISSE NELLA NOTTE

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

Coltaro

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

3commenti

Soragna

Ragazzi rapinati, notte di terrore alla «Ponzella»

Intervista

Carminati: «Tosca è una tavolozza perfetta»

AMORE SENZA FINE

Laura e Raffaele, marito e moglie muoiono a 24 ore di distanza

FIDENZA

Svincolo killer, finalmente i lavori per renderlo sicuro

PARMENSE

Ancora sangue sulle strade: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

In entrambi i casi, le auto sono uscite di strada

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

baseball

Un monte che fa sognare: Parma pareggia a Nettuno

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

2commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

NEW YORK

Stop alle auto a Central Park dopo un secolo Video

GIAPPONE

Morta la donna più longeva. Ora la seconda più anziana è in Toscana: ha 115 anni

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

SERIE A

Campionato riaperto: il Napoli batte la Juve ed è a -1

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover