10°

23°

Parma

Il laboratorio politico per l'alternativa scrive a Ciclosi: "Inaccettabile che i cittadini si facciano carico del debito pubblico"

Ricevi gratis le news
1

Questa la lettera che il Laboratorio politico per l'alternativa ha scritto al commissario di Parma Mario Ciclosi:

Signor Commissario,
desideriamo esprimerle la nostra viva preoccupazione per quanto appreso dalla stampa locale, relativamente alle scelte programmate nel Bilancio di previsione, recentemente predisposto : raddoppio delle aliquote IRPEF e applicazione delle aliquote della nuova tassa IMU ai massimi livelli consentiti dalla recente manovra finanziaria varata dal governo Monti. Si aggiunga la forte preoccupazione che vengano aumentate rette e tariffe dei servizi legati alla persona (nelle scuole dell'infanzia, in particolare) e ridotti, se non cancellati taluni provvedimenti a sostegno delle famiglie e delle fasce sociali più deboli.

1.  Lei è certamente consapevole che questi provvedimenti vanno ad aggiungersi a quelli, certamente ben più onerosi, del governo italiano, e ben saprà che alle pesantissime misure già contenute nel “pacchetto anticrisi”, si sono aggiunti, proprio pochi giorni fa odiosi aumenti delle tariffe di luce, acqua, gas, autostrade, che determinano complessivamente un prelievo secco di 2130 euro annuali in media per famiglia, senza contare gli effetti prodotti dall'inflazione e dalla perdita del potere d'acquisto di salari, stipendi e pensioni, dall'aumento dell'accise e dalle speculazioni sul prezzo della benzina .
La presunta volontà di perseguire il principio dell' equità, nel governo del paese e della città, fondato sull'assioma che tutti debbano fare la loro parte per fare uscire il paese dalla crisi economico-finanziaria (come se i redditi da lavoro dipendente - ed essi soli - non si fossero già fatti carico di garantire le entrate di bilancio della pubblica amministrazione), si rivela niente più di una foglia di fico, dietro alla quale si vede con estrema chiarezza che non c'è equità se non c'è progressività del prelievo fiscale.
Lei è certamente ben consapevole che l'aumento delle tariffe di acqua, luce, gas, delle  autostrade, dell'IVA, nonché dell'IRPEF e dell'IMU, recentemente stabilite dal bilancio di previsione del Comune di Parma, rappresentano una forma di iniquità intollerabile, perchè colpiscono i redditi bassi e medi, i bisogni fondamentali delle persone ed esercitano sull'economia di un bilancio familiare medio - basso un'incidenza intollerabile, non paragonabile a quella esercitata sui redditi elevati.

2. Ancora più inaccettabile è però il motivo per cui i cittadini sono chiamati a farsi carico del debito pubblico.
Se a livello nazionale il debito pubblico è stato espressione di malgoverno e una grande parte delle entrate tributarie è stata convogliata verso il pagamento degli interessi sul debito stesso, favorendo i grandi poteri finanziari e i grandi investitori internazionali, a livello locale stanno venendo al pettine le scadenze degli oneri da pagare per far fronte agli impegni contratti dalle società partecipate, attraverso le quali le passate amministrazioni comunali hanno svenduto la gestione della città e la sua politica del territorio a operatori privati.
Chi è chiamato a pagare il debito pubblico, signor Commissario, non lo ha prodotto. 
Naturalmente non possiamo non apprezzare l'avvedutezza con la quale Lei intende far fronte alle dissennate e clientelari spese delle Amministrazioni precedenti e il senso di responsabilità nei confronti dei fornitori e dei creditori, che devono pagare la manodopera per le prestazioni finora realizzate. Ma non possiamo non constatare con forte disappunto che anche il previsto accantonamento di 46 milioni di euro programmati a garanzia dei debiti pregressi, benchè ispirato a forme di corretta amministrazione, fa di ogni erba un fascio: in questo fascio c'è chi ha creato la spaventosa esposizione debitoria del Comune di Parma e c'è chi non ne ha responsabilità alcuna, ma è chiamato a farsene carico.

3.  Appare dunque evidente che tale iniquità nasce da una grave omissione: quella di non aver istituito una indagine preliminare su come si è formato il debito pubblico anche nella nostra città, volta a individuare, in virtù del pieno e trasparente accesso ad atti finora non resi pubblici,  attraverso quali atti e responsabilità esso si è costituito, attraverso quali processi decisionali, quale applicazione discrezionale delle  norme, coloro che ne hanno tratto beneficio, quali rapporti sono stati istituiti con gli istituti di credito, quali garanzie sono state loro fornite e a quali condizioni.
Sono alcune delle domande a cui solo una commissione di indagine sul debito pubblico potrà fornire delle risposte.
E' quanto Le chiediamo di istituire quanto prima nella nostra città.
E' quanto crediamo debbano sostenere i candidati al ruolo di sindaco della prossima Amministrazione comunale.
Dimostreremo che questa è una scelta non dilazionabile nel corso dell'ASSEMBLEA PUBBLICA che abbiamo in programma per il 26 gennaio alle h.21, all’Auditorium  Toscanini, dove forniremo una ricostruzione delle responsabilità in ordine alla formazione della situazione debitoria del Comune di Parma.
A tale iniziativa, signor Commissario, è invitato a partecipare, per rendere conto alla cittadinanza, che ha diritto di sapere.
In tale occasione avanzeremo la richiesta formale di istituire un audit sul debito pubblico, che ormai è stato avviato in molti paesi europei e dell'America latina.
 
4. D'altro canto, signor Commissario, a Parma non si può pensare ad un futuro credibile della città e della sua nuova amministrazione se non attraverso la creazione di una piattaforma condivisa di governo dell'economia, che dovrà fondarsi su un audit del debito e sulla partecipazione democratica alla definizione  delle linee guida della spesa pubblica.
Come poteva infatti essere predisposto, signor Commissario, un bilancio di previsione in questo contesto, alla luce degli arresti, delle denunce, del crollo di un sistema di potere, senza favorire processi partecipativi, senza acquisire il necessario confronto con le parti sociali (i sindacati CGIL, CISL, UIL hanno lamentato il mancato confronto), con i comitati di base che da anni operano nella città e le hanno avanzato richieste puntuali e gli opportuni incontri  per fornirle collaborazione nella comprensione dei problemi della città e delle esigenze della popolazione?
Una lezione chiara può essere tratta dagli eventi che hanno travolto Parma negli scandali succedutisi nell'arco di poco più di 35 anni: la vigilanza dei suoi cittadini, il loro modo di esercitare una cittadinanza attenta e attiva, una forte coscienza politica, che non li farà arretrare o desistere dalla pretesa di una svolta radicale nel governo della città.

Cristina Quintavalla e Sabrina Michelotti (p. Laboratorio politico per l'alternativa)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • maria

    03 Gennaio @ 19.25

    Sono pienamente d'accordo con quanto scritto dal Laboratorio politico per l'alternativa. Chi ha fatto i debiti li paghi! Non c'è nulla da aggiungere perchè non li abbiamo mica nominati noi cittadini i membri delle partecipate per cui non siamo responsabili delle loro incompetenze. Hanno stipendi dorati rispetto ai nostri e fanno pure debiti: tanto c'è il tonto che paga.....E' ora che ognuno si prenda le proprie responsabilità!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Corona paparazzato con Belen, Silvia Provvedi lo lascia!

milano

Belen al ristorante con Corona: il gossip impazza

E' morto Marco Garofalo, coreografo di tanti show

TELEVISIONE

E' morto Marco Garofalo, coreografo di "Amici"

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

ROMA

Incidente stradale per la Caldonazzo: ferita

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Record store day»: tre giorni con dj set al vinile

PGN

«Record store day»: tre giorni con dj set al vinile

Lealtrenotizie

Precipita in un bosco facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne

tragedia sfiorata

Precipita in una scarpata facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne

ALLUVIONE

Pizzarotti attacca la procura: "Crede che le persone siano individui da sbattere in prima pagina"

Il sindaco su Fb: "Oggi ci vuole un pazzo per fare il sindaco"

13commenti

METEO

Anticipo d'estate, caldo anomalo in mezza Europa

Temperature da inizio giugno a Nord, picchi di 27-28 gradi

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

1commento

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

21commenti

ASSEMBLEA

Parmalat: Bernier conferma i target 2018. Scontro con il fondo Amber

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

la foto

Intervento dei vigili dei fuoco in via Mantova

gazzareporter

Via Cicerone, discarica a cielo aperto

tg parma

Circolo La Raquette: indetto il nuovo bando per la gestione Video

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

tg parma

Scontro auto-scooter in viale Pasini: un ferito, disagi al traffico Video

L'incidente si è verificato attorno alle 11

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

SERIE B

Parma: stop anche per Dezi

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Casellati subito prigioniera dei veti

di Vittorio Testa

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

ITALIA/MONDO

METEO

Londra verso i 28-29 gradi, ma previsioni indicano che non dura

BOLOGNA

Violenza sessuale: il fermato è un maniaco seriale

SPORT

Rugby

L'addio di Manici: "Il mio corpo dice basta, ora farò l'allenatore" Video

Calciomercato

Morata, ecco il bomber di ritorno

SOCIETA'

trasporti

Anche in Italia parte la sperimentazione delle auto senza pilota

classifica

L’astrofisica Branchesi e il chirurgo Testa(unici italiani) tra le cento persone più influenti per Time

MOTORI

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti

ANTEPRIMA

Ford, ecco la nuova Focus. Da 20mila euro Fotogallery