18°

Parma

Primarie - Vincenzo Bernazzoli: "Scendo in campo per mettere Parma in salvo"

Primarie - Vincenzo Bernazzoli: "Scendo in campo per mettere Parma in salvo"
Ricevi gratis le news
58

Marco Federici

Presidente Bernazzoli, è la prima volta che si misura con le primarie: che elezioni sono?
Molto particolari.  C'è un aspetto di queste consultazioni  che mi piace  molto: mi stanno mettendo a diretto    contatto    con la gente che vive nei quartieri.   In questo modo,  insieme a loro,   progettiamo  il lavoro che ci aspetta per mettere in salvo questo Comune così bello,   che deve tornare a riprendere  il vento.

Dopo un mese e mezzo di campagna elettorale  rifarebbe la scelta di candidarsi?
Sto incontrando  gente che ha voglia di partecipare, vuole essere protagonista del riscatto e sta cercando qualcuno che interpreti questo cambiamento.  Per questa ragione sono ancora più convinto di aver fatto la scelta giusta. Anche perchè   voglio  dare un appoggio  alle zone di fragilità  di  questa città con un governo che permetta di offrire maggiori risorse e opportunità.

La sua candidatura, però,  ha provocato divisioni all'interno del Pd... 
Le divisioni sono un fatto naturale in un partito che non ha un padrone unico. Occorre distinguere le divisioni legate a temi politici  da quelle  che dipendono da  fattori personalistici: al netto di qualche frangia,  al momento si stanno confrontando le diverse sensibilità del partito.   E  ciò è molto utile.

Si aspettava due candidature del Pd?
Le considero una ricchezza: il Pd è un grande partito  popolare ed è  bene che le diverse posizioni   si esprimano. Ma deve essere chiaro che alla fine del percorso  tutte le componenti devono ricomporsi. Chi vincerà  deve impegnarsi a  trovare una sintesi unitaria in modo da  proporci alla città come una forza matura: io ho già detto che se vincerò questo sarà il  mio impegno.

Quando  ha deciso di scendere in campo, ovviamente, avrà anche valutato l'eventualità, nel caso fosse eletto sindaco,   di dover lasciare la Provincia a due anni dalla fine del mandato...
Sono sempre più convinto  della mia scelta: più andiamo avanti e più siamo consapevoli del disastro  creato in  Comune e della necessità di cambiare  modo di governare.  Per questa ragione,  il sacrificio che, in caso di vittoria,  imporrei a questa Provincia  trova una giustificazione in  un valore alto: se  in futuro una città come Parma  restasse ancora  in ginocchio trascinerebbe  con sè tutto il resto del territorio. E  poi...

Poi?
Dopo la mia scelta, il Governo   ha iniziato un processo di svuotamento e di eliminazione delle Province: alla luce di ciò, in ogni caso, il resto del mandato sarà fortemente compresso dalle scelte di Monti.

I suoi detrattori dicono che la sua candidatura è  stata calata dall'alto...
Ci sono le primarie a dimostrare esattamente il contrario. Sono gli elettori che scelgono il candidato.

Dicono anche che lei voglia comportarsi da “uomo solo al comando”...
La cultura del “ghe pensi mi”, dell'uomo solo al comando,   in Italia ha già fatto anche troppi danni: con la grave situazione in cui si ritrova il Comune di Parma,  solo pensare che io possa impostare la mia azione di governo in quel modo  è fuori da ogni logica.

E a chi dice che  le primarie  sono una  farsa perchè tanto lei ha già vinto in partenza cosa risponde?
Non esistono primarie farsa: chi lo sostiene   offende la capacità dei nostri elettori di esprimere consapevolmente  il  proprio voto.  Sono consultazioni vere: solo alla fine si  vedrà il risultato. E chi dice che ho già vinto  lo  fa solo per mettermi in difficoltà.

Il commissario Ciclosi sta chiedendo sacrifici ai cittadini: come giudica la sua azione?
Il fatto è che chi prima era in Comune   è uscito dal ristorante  lasciando al commissario  un conto molto salato da pagare. E lui, da uomo delle istituzioni,  sta correttamente mettendo in sicurezza i conti del Comune.

Se diventerà sindaco come imposterà la sua azione di governo?
Dobbiamo fare un salto notevole:  una città con tante potenzialità come Parma,  che negli ultimi anni ha vissuto al di sopra delle proprie possibilità  e di cui molti si sono approfittati, deve diventare una comunità nella quale ognuno deve dare il proprio apporto per accelerare il processo di salvataggio e rilancio. Dovremo  individuare le priorità e rimettere sui binari il treno, in assoluta sicurezza. Ma non dovremo solo    rimettere a posto i conti: occorrerà aprire  una nuova fase per  coinvolgere giovani, donne e tutte quelle  risorse sane che rappresentano una nuova classe dirigente.

Termovalorizzatore: un tema spinoso per il centrosinistra...
Voglio affrontare l'argomento  a viso aperto. Il problema  rifiuti esiste e  va risolto. E  oggi non ci sono  alternative credibili alla termovalorizzazione. O smaltiamo noi i rifiuti o li mandiamo in casa d'altri. Occorrono  ancora alcuni   anni per raggiungere il cento per cento del riciclo dei rifiuti: nel frattempo, ribadisco,  non ci sono alternative serie all'impianto che Iren sta costruendo.  Naturalmente tuteleremo la salute    dei cittadini attraverso  controlli implacabili. E poi, nel momento in cui vi sono fasce di popolazione a rischio povertà,   ridurre le tariffe  del 30 per cento  non è un aspetto da poco. Ricordo infatti che l'impegno preso da Iren è quello di riportare le tariffe al 2008.

Dopo i malumori espressi dalla coalizione è sempre dell'idea di aprire la coalizione al movimento di Maria Teresa Guarnieri? 
Il Pd  deve essere il perno di una coalizione   forte e il più possibile larga   su basi programmatiche. Ma vi sono anche  forze civiche,  che hanno  capacità di governo e  che non si sono compresse con chi ha  combinato guai in Comune:  è giusto coinvolgerle  in un progetto di salvataggio della città.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Massimiliano Grassi

    10 Gennaio @ 14.40

    Notizia di oggi: l'Italia sanzionata per la vicenda rifiuti di Napoli. Una soluzione serve per smaltire ciò che non riusciamo a differenziare. In provincia di parma si è fatto tanto per quest'ultimo aspetto e ciò è testimoniato dal fatto che i primi 10 comuni in regione sono 10 comuni parmensi, ma non bisogna dimenticarsi che rimane una quota importante che deve trovare ancora una risposta definitiva. Non possiamo pensare che altri accettino per sempre i nostri rifiuti.

    Rispondi

  • Geronimo

    10 Gennaio @ 11.59

    Stefano non hai risposto alle mie domande, chi paga se non si fa l’inceneritore? Che tra l’altro non deve andare a 130 ma anche a circa 90 per funzionare correttamente. Se non si fa l’inceneritore con cosa facciamo il teleriscaldamento in città? Lo aboliamo? E gli impianti di questi anni? Nel frattempo dove buttiamo i nostri rifiuti? Come tariffe hanno sempre parlato di 2008 poi non è Bernazzoli che ha autorizzato la costruzione ma un organo della provincia che ha il compito se non ci sono impedimenti di autorizzare, bisogna andare a vedere chi ha chiesto cosa e non è bernazzoli che ha chiesto l’inceneritore ma altri, altri che adesso vengono osannati dal comitato gcr. La deroga poi è una balla creata ad arte ma che basta per terrorizzare la gente, del piano non me ne frega niente però esiste e iren lo ha specificato, anche vignali lo ha ricevuto anche se preferisce dire, come al solito, che non sa.

    Rispondi

  • Stefano

    10 Gennaio @ 09.19

    Scusa Maurizio quindi tu hai richiesto e ottenuto il Piano Economico Finanziario che neanche Vignali aveva ricevuto? Mi sai dire allora a quanto ammonterà la tariffa rifiuti una volta acceso l'inceneritore e quanto tempo ci vorrà perchè Iren rientri dell'investimento? Te lo chiedo perchè anche Bernazzoli parla ti tariffe meno care almeno del 30% e fa riferimento a tariffe ante 2008 quando Iren invece parla di 2009. Sempre la trasparenza e chiarezza sarebbe fondamentale su queste informazioni. Ti ricordo anche che la discarica dovrà essere commisurata alle ceneri residue dell'inceneritore a pieno regime (130 Ton) anche se la raccolta differenziata arrivassa al 99% altrimenti come lo ripaghi l'investimento (vedrai che tariffe in quel caso!). Nell'autorizzazione avallata anche dal sig. Bernazzoli si parla di rifiuti provenienti dalla provincia "salvo deroga". Pensi che se non ci sono più rifiuti indifferenziati sufficienti nella provincia Iren spegnerà il forno e butterà alle ortiche l'investimento o si farà autorizzare dagli organi competenti una deroga per bruciare un pò più di rifiuti speciali e anche un pò di roba che viene da fuori? Nel Piano Economico Finanziario che forse hai dovrebbero essere prese in considerazione anche questi scenari quando si pensa di investire dai 120 ai 300 milioni da chiedere ai contribuenti.

    Rispondi

  • chiara

    10 Gennaio @ 08.36

    @luca05. Barilla ha fatto un comunicato pubblico che trovi sul sito istituzionale (http://barillagroup.com/corporate/it/home/media/posizioni-aziendali/ugozzolo.html). Io penso questo: i Barilla lavorano in azienda a Pedrignano 13 ore al giorno e hanno tanti soldi che possono comprarsi l'inceneritore, Iren, me, te e il cgr in blocco. Secondo me si sono fatti verificare i dati di emissioni e varie e, come vedi, l'azienda non si sposta. Facciamoci due conti anche su questo. @Stefano. Quello della vetrificazione non è un procedimento sperimentale, forse ho usato un link non esaustivo. Te ne posto un altro ma basta cercare in rete. Credo sia una cosa su cui si può riflettere: è anche un trattamento semplice che può integrare l'impianto già in costruzione senza stare ad inserire prima un centro riciclo ben più costoso. http://www.enco-journal.com/journal/ej26/appendino.html

    Rispondi

  • Geronimo

    09 Gennaio @ 19.46

    Stefano attenzione perchè i documenti sono pubblici al contrario di quello che dice il comitato GCR ma dico ancor più di fare attenzione al calcestruzzo prodotto con queste polveri perchè i controlli in casi simili sono carenti, magari chi produce questi prodotti per edilizia lo fa come l'azienda di Solignano che per produrre i suoi prodotti utilizza, perchè previsto dalla legge, rifiuti pericolosi da bruciare come l'olio industriale esausto

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Pausini, cancellate le due date di Eboli: ha l'otite

oggi e domani

Laura Pausini cancella le due date di Eboli: ha l'otite

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

3commenti

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati Foto

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

5commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

anteprima gazzetta

L'export made in Parma vola: +13% nel secondo trimestre

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

dopo 12 anni

Esproprio ex Federale: Comune costretto a pagare 1,6 milioni di euro

social

Il Parma viaggia verso Napoli (in treno): "selfone" di gruppo

INCIDENTE

Autocisa, un'auto si ribalta in galleria: i soccorsi arrivano (anche) in elicottero Foto

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

3commenti

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

2commenti

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MONTAGNA

Fungaiolo ferito in zona Prato Spilla

Il Soccorso alpino sta intervenendo

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

1commento

CALCIO

Gobbi a Bar Sport: "A Napoli per tentare di fare punti" Video

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

7commenti

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

Aggressione

"Violento predatore sessuale", condanna tra 3 e 10 anni a Bill Cosby, il papà de "i Robinson"

sicurezza

Abbandono bimbi in auto: via libera del Senato al ddl "seggiolini"

SPORT

Lega pro

Berlusconi compra il 100% del Monza. Galliani ancora al suo fianco

SOFTBALL

Collecchio Under 13, la fotogallery delle finali nazionali

SOCIETA'

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel