16°

28°

Parma

Buzek: "Dalla crisi si esce con austerità e crescita"

Buzek: "Dalla crisi si esce con austerità e crescita"
Ricevi gratis le news
0

 Monica Tiezzi 

Bene il governo Monti con le sue riforme strutturali, ma   non si  esce dalla crisi «senza una strategia condivisa europea sulla crescita»: occorre investire in infrastrutture, ricerca, politiche energetiche. A Parma per inaugurare l'anno accademico del Collegio europeo, il presidente del Parlamento europeo  Jerzy Buzek  ribadisce il leit motiv della cerimonia: a dispetto del crescente euroscetticismo,  occorre più Europa per superare  la crisi.
 «Le riforme strutturali italiane del governo Monti - dice  Buzek  - sono sicuramente un passo molto importante: dall’innalzamento dell’età pensionabile alla liberalizzazioni del mercato. Ci sono state decisioni importanti anche  su  pareggio di bilancio e debito pubblico, misure che credo si riveleranno efficaci nel futuro. Ma   non possiamo pensare di uscire dalla crisi senza una strategia condivisa sulla crescita».
«In Europa non  si è  ancora raggiunto il giusto equilibrio fra austerità e crescita - continua Buzek, ex leader di Solidarnosc ed ex premier polacco,  da 30 mesi alla guida del Parlamento europeo   -. In molti Paesi si è concentrata l’attenzione sugli aspetti fiscali e non su nuove fasi di crescita. Abbiamo bisogno invece di più investimenti su ricerca ed infrastrutture. Non possiamo favorire l’austerità a discapito della crescita». 
Dove trovare le risorse?  «Dobbiamo lavorare di più e più a lungo,  andando in pensione   più tardi. E poi servono nuove riforme strutturali. Occorre  tagliare  le spese ingiustificate e inefficaci - risponde Buzek -  Lo so,  è  difficile,  ma è la nostra unica possibilità di uscire da questa situazione e mantenere il modello sociale europeo». 
Ma non è tutto nero. Anzi.  «Paradossalmente - dice Buzek  - la crisi ha creato gli europei. Ora tutti hanno capito come ci sia una forte interdipendenza fra tutti i nostri Paesi. Se la crisi dell'euro diventa eurocaos, non avremo un luogo dove nasconderci.   Il successo nel superamento di questa crisi sarà raggiunto solo nell’aumento dell’interdipendenza dei mercati dei vari Paesi». Per questo motivo,  «va rilanciato il mercato unico europeo. L’Europa deve continuare ad essere un luogo dove i confini sono abbattuti, non eretti». E Buzek - ingegnere chimico, da sempre attivo sui temi dell'industria e dell'energia - insiste «su  una nuova politica energetica europea, più interconnessa fra i vari Paesi, con più energia più pulita e rinnovabile.  Dobbiamo creare una comunità economica europea dell’energia».
 Buzek tenta anche un'analisi di come si è arrivati a questo punto, e non minimizza le colpe della politica, rifiutando la  sola  giustificazione della crisi globale. «Perché i mercati non  hanno creduto nell'Europa e hanno perso fiducia?  Perché non hanno visto un progetto grandioso e adeguato. I mercati,  gli investitori e   i   risparmiatori vogliono avere prospettive di decenni, non di pochi mesi. Dobbiamo dimostrare di credere al nostro progetto politico, e dimostrare buona leadership». 
Solo così, fa capire Buzek, si può sconfiggere il montante euroscetticismo.  «Se   uno o più  Paesi  vogliono fare un passo indietro, tirarsi fuori - dice citando le ultime decisioni del premier britannico  Cameron  -  devono essere liberi di farlo,  anche se sono sicuro che le prospettive comuni eviteranno questi  provvedimenti». Ma Buzek si dice anche «preoccupato»   per le  barriere  psicologiche in Europa. «Sento parlare di vecchia e nuova Europa, di nord e sud, di est ed ovest, di centro e periferia, di eurozona e non eurozona.  Se si vogliono vedere delle divisioni le occasioni certo non mancano, ma dobbiamo lottare per un  futuro più comune».
 Tre i pilastri  del rilancio del progetto europeo, per Buzek: «Democrazia, solidarietà e responsabilità. Si deve pensare al profitto, ma anche ai valori. Alla prosperità, ma anche alla giustizia. C'è bisogno di esperienza e razionalità, ma anche del coraggio di sognare. Sono ottimista per il 2012, usciremo più uniti da questa crisi. Possiamo essere orgogliosi cittadini dei nostri Paesi, ed altrettanto orgogliosi cittadini europei».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Foto d'archivio

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

3commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Radio Colonia

La Germania pensa di espellere gli italiani senza lavoro

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

1commento

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"