18°

30°

Parma

Lettere alla Gazzetta: solo con la firma

Ricevi gratis le news
39

Ai lettori

La «Gazzetta di Parma» non ha mai pubblicato lettere anonime. Ha pubblicato invece numerose lettere siglate «lettera firmata» tutte le volte che l'autore, pur fornendo le proprie generalità, preferiva non renderle pubbliche. Da oggi questo non sarà più possibile. Abbiamo infatti deciso di pubblicare solo le lettere firmate con nome e cognome. Chi lo desidera potrà indicare anche il suo indirizzo mail. 

Siamo convinti che lo spirito della nostra iniziativa sarà compreso da quei lettori che erano soliti trincerarsi dietro l'anonimato pure per le questioni più semplici e banali. Chi scrive a un giornale per esprimere un'opinione, per segnalare o denunciare un fatto o per qualsiasi altro motivo quindi dovrà, in un certo senso, «presentarsi» agli altri lettori. Vi chiediamo solo una firma, un piccolo gesto di educazione civica.

Siete d'accordo? Dite la vostra nello spazio commenti di questo articolo
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Banco

    28 Aprile @ 20.30

    Assolutamente in disaccordo per la seguente ragione: non si può sporgere alcun tipo di giusta lamentela fondata su verità senza rischiare una ingiusta denuncia. Trovo questa decisione molto poco a favore della giustizia.

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    17 Gennaio @ 18.10

    Abito in un piccolo paese e criticare l'opera dei politici espone al rischio di sottili discriminazioni e rappresaglie, pertanto non sono favorevole

    Rispondi

  • Viola

    17 Gennaio @ 17.05

    Katia "santa subito", il suo "conto elevato" come lo chiama lei , date le sue scelte, viene a pesare anche sulle mie tasche, ergo, se ne deduce che il "conto elevato" lo pago anch'io; eccome!!!!!!

    Rispondi

  • Sara

    17 Gennaio @ 16.41

    Scusate, ma provate statisticamente a contare quante denunce vengono fatte attraverso la Gazzetta di fatti talmente gravi da non poter essere sottoscritti e firmati. Poco o niente, perché se uno ha qualcosa di grave da denunciare va dai Carabinieri e non alla Gazzetta. Perché se denuncio il comportamento di uno delle Poste che non fa bene il suo lavoro non devo firmarmi con nome e cognome? Perché se lamento un disservizio non devo dire chi sono? Mi sembra che molto spesso l'anonimato sia una bella scusa per sparare a zero senza mai prendersi la responsabilità di ciò che si scrive. Se ciò che sostengo è vero e non è una delazione devo controfirmarla, troppo comodo sparare me...a senza mai metterci la faccia!

    Rispondi

  • stefano

    17 Gennaio @ 16.25

    Spesso i giornalisti sui giornali non si firmano, non capisco perchè debbano farlo i cittadini che ancora una volta sono chiamati con una sana critica ad esporsi ulteriormente. Una scelta che io boccio categoricamente e spero che la GdP ci ripensi. Inoltre firmandosi si perderebbe magari certa gente non scriverà più a danno del giornale giornale stesso. Mettere la firma lo trovo molto da regime, e l'attenzione sulla firma è quasi importante come il contenuto. Se è ufficiale è un giorno triste per il quotidiano locale.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

ITALIA/MONDO

SPORT

SOCIETA'

MOTORI