20°

Parma

Rimini - Confessa un delitto dopo 15 anni. Determinanti le analisi dei Ris

Rimini - Confessa un delitto dopo 15 anni. Determinanti le analisi dei Ris
Ricevi gratis le news
1

RIMINI – Ha confessato dopo 15 anni l'assassino di Max Iorio, il 38enne riminese strangolato e poi accoltellato nel suo appartamento, tra le 22 e le 2 del mattino, del 19 marzo 1997. Zoran Ahmetovic, oggi ha 37 anni, si è convertito alla religione cattolica e dal carcere di Ferrara, dove si trova per scontare fino al 2018 una pena per reati minori, ha raccontato agli inquirenti tutto quello che successe la notte in cui Iorio morì.
Si è concluso così un inquietante «cold case», un caso irrisolto, riaperto nel febbraio 2011 dal sostituto procuratore riminese, Paolo Gengarelli, e dalla Squadra mobile della Questura di Rimini, sulla base dei risultati della consulenza tecnica preliminare fatta sui reperti provenienti dalla scena del crimine dall’Unità delitti insoluti della Polizia scientifica di Roma. Le tracce che hanno messo gli investigatori sulla strada giusta sono state una goccia di sangue trovata su un’anta del mobile porta-stereo in casa di Iorio e una cicca di sigaretta spenta nel posacenere lasciato sul comodino della camera da letto. Il Dna estratto non era della vittima ma di un uomo con un’età approssimativa di 30 anni.
Sulla base di quel Dna, la Procura ha iscritto nel registro degli indagati nove persone, tutte nella cerchia delle frequentazioni omosessuali di Max Iorio e ha disposto i prelievi per le comparazioni. Nessuno degli indagati aveva un Dna compatibile con quello trovato nella scena del crimine. La Procura ha inviato la relazione della polizia scientifica al Ris di Parma che ha scoperto come uno di quei profili genetici poteva essere attribuibile a nomadi della famiglia Ahmetovic. Gli investigatori della Squadra Mobile quindi sono risaliti ad un nucleo familiare che all’epoca dei fatti era presente in un campo nomadi di Rimini. Scremando le possibilità, si è arrivati a Zoran Ahmetovic, nato in Bosnia nel 1975.
Il confronto con le dichiarazioni rese dall’ex fidanzato di Iorio e un identikit ricavato all’epoca dei fatti ha fatto il resto. Gli investigatori sono arrivati a quel ragazzo che Iorio aveva presentato come Michele all’ex fidanzato la sera in cui morì. Michele è anche uno dei tanti alias utilizzati da Zoran.
Interrogato in carcere dal pm Gengarelli, alla presenza del difensore, Zoran ha confessato di aver conosciuto Iorio la sera del delitto, dicendo di averlo visto uscire dalla camera da letto vestito da donna. Insieme avrebbero bevuto, usato droga e fatto sesso. Dopo un primo rapporto sessuale però e ad un nuovo approccio di Iorio, Zoran perse la testa, scaraventando la vittima giù dal letto. Zoran lo strangolò a mani nude e poi con un coltello lo colpì 6 volte. In preda ad un raptus, lo colpì pure con l’ampolla dei pesci rossi, mettendo la casa a soqquadro e coprendo il corpo con una coperta. Prima di scappare rubò uno stereo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • lele

    23 Gennaio @ 23.24

    Omicidio post meditato!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Disagi anche in autostrada

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno