13°

23°

Parma

Parma-Milano, un incubo senza fine per i pendolari

Parma-Milano, un incubo senza fine per i pendolari
Ricevi gratis le news
0

Francesco Bandini

È passato più di un mese dall'entrata in vigore del nuovo orario dei treni, e nonostante la denuncia dei pendolari parmigiani che ogni giorno vanno a Milano per motivi di lavoro o di studio, nulla è ancora cambiato:  i viaggiatori diretti nel capoluogo lombardo devono continuare a fare i conti con i disagi derivanti dagli ultimi cambiamenti apportati. Sì, c'è stata qualche presa di posizione da parte di alcuni politici, ma le Ferrovie non sembrano essersene accorte. E i rappresentanti dei pendolari diretti a Milano non nascondono la propria preoccupazione: «Constatiamo che c'è interesse e sensibilità rispetto al nostro problema da parte di alcuni esponenti politici - spiega Pietro Bertè -, ma purtroppo abbiamo assistito ai soliti battibecchi e se tutto si limita a una sterile polemica locale con il solito gioco delle parti, non si fanno passi avanti». I disagi sono presto detti: all'andata, nel treno maggiormente utilizzato dai pendolari emiliani, è stata soppressa la fermata di Milano Rogoredo, che permetteva un agevole accesso alla zona sud della città e alle linee della metropolitana. Al ritorno, invece,  il treno più utilizzato è stato spostato avanti di un'ora, costringendo molte persone a fare rientro prima, prendendo un convoglio sempre stracolmo, oppure a prendere quello successivo, arrivando a casa a orari improponibili. In entrambi i casi, il peggioramento ha a che fare con treni Frecciabianca, che non essendo ricompresi nel contratto di servizio che la Regione ha firmato con Trenitalia (in quanto treni cosiddetti «a mercato»), possono essere soggetti a variazioni senza che Fs ne debba rendere conto a nessuno. Ma su questo aspetto Bertè non è molto d'accordo. «Noi pendolari - osserva - per i Frecciabianca paghiamo un supplemento annuo, che la Regione integra con propri fondi alle Ferrovie. Questo, a mio avviso, significa che l'Emilia Romagna dovrebbe avere una qualche voce in capitolo anche su questi treni, visto che sono convogli che fanno parte dell'offerta che Fs negozia con la Regione». Intanto, però, i disagi proseguono. Ogni pendolare ha la propria piccola storia di scomodità da riferire. Marco Ferrari lavora alla Mondadori di Segrate, a Milano sud. «Prima, con il treno delle 7,53 - spiega - potevo scendere a Rogoredo, prendere il pasmsante ferroviario e arrivare diretto al lavoro. Ora invece che hanno abolito la fermata di Rogoredo, sono costretto a scendere a Centrale e a prendere un treno che torna indietro fino a Lambrate. E come me tantissimi altri: bisogna considerare che alla fermata di Rogoredo, quando il nostro treno fermava lì, scendevano quasi tutti i passeggeri». Che ora invece sono praticamente «prigionieri» fino in Centrale. Enrico Dallara è responsabile sicurezza prodotto in una multinazionale chimica in viale Forlanini, Milano sud. «Non posso scendere in Centrale - spiega - perché per arrivare al lavoro dovrei prendere due mezzi pubblici in più rispetto a prima. E così sono costretto a prendere il treno prima, quello delle 7, e per arrivare in orario in ufficio devo sempre sperare che gli altri mezzi siano un po' in ritardo. Ma poi che senso ha che alla mattina, sulla tratta per Milano e in orario di punta, ci siano due treni in 5 minuti (alle 7 e alle 7,05) e poi un buco di tre quarti d'ora?». L'esperienza del ritorno la racconta invece un grafico, Giovanni Rossi. La «bestia nera» in questo caso è il regionale delle 18,15, l'unico treno che i pendolari possono prendere dopo lo spostamento in avanti di un'ora del vecchio Frecciabianca. «Dove salgo io, a Rogoredo - dice -, il treno arriva già pieno murato, perché tutti lo prendono in Centrale. È un treno vecchio, scomodo, lento (fino a Parma ci mette un'ora e 40) senza tavolini (preziosi per chi vuole lavorare usando il pc, ndr), e soprattutto moltissima gente è costretta a stare in piedi fino a Piacenza. Prima non era così, ma adesso è inevitabile: tutti prendono quello».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

8commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno