18°

28°

Parma

Diciotto multe durante il blocco straordinario del traffico. Continuano le polemiche

Diciotto multe durante il blocco straordinario del traffico. Continuano le polemiche
Ricevi gratis le news
183

Accompagnata dalle aspre critiche dei commercianti, da un lato, e dai plausi di ambientalisti e ciclisti dall'altro, si è svolta oggi un'altra domenica senz'auto. La polizia municipale ha controllato 107 veicoli e ha fatto 18 multe per violazioni al Codice della strada. Sono state impegnate 10 pattuglie, per un totale di 20 agenti, per controlli in viale Mentana, via Mantova, via Sidoli, viale Tanara, piazzale Santa Croce, piazza Garibaldi, viale Partigiani e strada XXII Luglio.

POLEMICHE SUL BLOCCO STRAORDINARIO DI OGGI. Il blocco era non programmato originariamente ma è stato imposto dalla normativa regionale antismog perché per 7 giorni consecutivi (che a Parma sono stati 13) l'Arpa ha rilevato uno sforamento del livello di attenzione di 50 microgrammi per metro cubo di pm10. 
Il provvedimento anti-inquinamento è stato in vigore entro l'anello delle tangenziali dalle 8,30 alle 18,30. Forte dibattito fra i lettori nel nostro spazio commenti, oltre che fra commercianti e M5S.

 I commercianti non ci stanno: "Ora l'aria è pulita"
 La replica del Movimento 5 Stelle: "Lo vuole la Regione. Aiutateci a risolvere la situazione"

 

 La qualità dell'aria a Parma

 

IL COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE: LE INFORMAZIONI UTILI
Blocco straordinario del traffico in programma domenica 2 dicembre 2012 dalle 8.30 alle 18.30 entro l’anello delle tangenziali dovuto allo sforamento continuativo per sette giorni consecutivi dei valori limite giornalieri previsti in base a quanto stabilito dall’Accordo regionale per il risanamento della qualità dell’aria. Il blocco è esteso alle auto Euro 3 ed Euro 4. Lo stesso Accordo, infatti, ha introdotto un meccanismo automatico che si attiva in caso di picchi di inquinamento che comportino lo sforamento del valore limite giornaliero di PM 10 (50μg/mcubo) per più di 7 giorni consecutivi. Il meccanismo prevede che l’Arpa - Agenzia Regionale per l’Ambiente informi ogni martedì, giorno individuato per effettuare il controllo, mediante il Bollettino regionale di Liberiamo L’Aria, i sindaci sul numero di superamenti del valore limite giornaliero relativo ai 7 giorni precedenti. In caso di sforamento è prevista automaticamente, e senza possibilità di revoca, la limitazione della circolazione, la domenica successiva al giorno del controllo, nelle aree urbane degli enti che hanno aderito all’accordo, tra cui Parma, ed in cui si sono verificati gli sforamenti.

AGEVOLAZIONI PER IL TRAPORTO PUBBLICO LOCALE - Domenica 2 dicembre 2012 sarà valido l’abbonamento a 20 euro per 20 giornate. Vi sarà inoltre la possibilità di usufruire del biglietto unico giornaliero al costo di 1,20 euro, il che vuol dire poter utilizzare il normale biglietto singolo da 60 minuti per l’intera giornata.

CAR POOLING E CAR SHARING due valide alternative al trasporto pubblico locale per muoversi in città nelle giornate in cui è in vigore il blocco del traffico.

CAR POOLING - Il servizio del Car Pooling è una modalità di trasporto che rientra nelle pratiche di mobilità sostenibile e consiste nella condivisione di automobili private tra un gruppo di persone, con il fine principale di ridurre i costi del trasporto e il numero dei veicoli in circolazione. I vantaggi: l’utilizzo della stessa auto da parte di più soggetti (in genere 3 o 4 per auto) aiuta a ridurre il numero di veicoli sulla strada diminuendo il numero di auto in circolazione e la congestione del traffico; comporta un notevole risparmio economico in termini di carburante, olio, pneumatici, pedaggi, costi di parcheggio; contribuisce a migliorare la qualità dell’aria riducendo le emissioni di gas nocivi. Maggiori informazioni sono reperibili al seguente link di Infomobility:http://www.infomobility.pr.it/index.php?page=default&id=91&lang=it&sezione=elenco_giallo_block

CAR SHARING è il nuovo modo di muoversi per chi vuole avere un’auto a propria disposizione senza le spese e gli oneri di gestione di un’auto di proprietà. Si tratta di un servizio di trasporto individuale che consente agli abbonati, previa prenotazione, di utilizzare un’auto, scelta tra una flotta distribuita su più parcheggi cittadini, per il periodo necessario alle proprie esigenze. L’auto prescelta può essere utilizzata per il tempo che realmente occorre, anche solo per un’ora, così come per più giorni, in tutta Italia ed anche all’estero, pagando solo l’uso effettivo (tempo impiegato e km percorsi). Attualmente il Parma Car Sharing, gestito da Infomobility, mette a disposizione 19 auto e 12 parcheggi, tutti situati in città. Le auto sono a disposizione 365 giorni all’anno e 24 ore su 24. Maggiori informazioni al link di Informobility: http://www.infomobility.pr.it/index.php?page=default&id=13&lang=it&sezione=elenco_giallo_block.

DEROGHE PRINCIPALI - Anche per il blocco di domenica 2 dicembre 2012 valgono alcune deroghe fra cui la possibilità di circolare per i mezzi esclusi dall’ordinanza stessa, se vi sono a bordo 3 persone - car pooling - se omologate a 4 o più posti, e con almeno 2 persone se omologate a 2/3 posti, così come per le auto a metano/gpl. Sono, altresì, esclusi dai limiti imposti dal blocco gli autoveicoli ad alimentazione elettrica o ibrida, car sharing (auto condivisa), i mezzi di emergenza e di soccorso, oltre ai mezzi per la sicurezza pubblica, i taxi, gli autoveicoli diretti ad alberghi della città, mezzi ufficialmente adibiti al trasporto dei portatori di handicap e mezzi privati con a bordo portatori di handicap in possesso di apposito contrassegno ed altre fattispecie meglio precisate nel testo completo dell’ordinanza allegata.

PARCHEGGI E SANZIONI – La deroga al blocco del traffico è prevista anche per gli assi viabilistici che permettono di raggiungere i parcheggi scambiatori interni, con la possibilità di accesso garantito ai seguenti parcheggi scambiatori: Palasport, Esselunga e Cavagnari. In caso di inosservanza al divieto è prevista la sanzione di 155 Euro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • medioman

    05 Dicembre @ 11.00

    Maurizio, una volta non c'era la tangenziale; c'era la fila di automezzi da piazzale Santa Croce al semaforo del Petitot, con la "camera a gas" in viale Milazzo. Per le targhe alterne, ci si organizzava (moto con targa pari, e auto con targa dispari), oppure si prenotava all'autonoleggio quella con la targa giusta. Sei mai stato a Milano Due? Io c'ero stato, diversi anni fa', per vedere come aveva fatto il Berlusca a fare i soldi; c'era una "filosofia urbanistica" avanti di qualche decennio, rispetto a quando è stata progettata. I "blocchi del traffico", per come sono oggi, sono un'enorme str..... cavolata, perché non risolvono il problema ambientale, e bloccano "psicologicamente" chi, da fuori città, potrebbe andare a fare una "passeggiata" in centro e magari fare qualche acquisto. Sono daccordo con te che sarebbe oppurtuno educare i cittadini ad un migliore utilizzo dei mezzi pubblici, ma questo risultato lo puoi ottenere solo con un'adeguata operazione di marketing (autobus più accoglienti, zone di attesa con spazi ricreativi....), insomma con uno "sforzo di fantasia".

    Rispondi

  • Geronimo

    05 Dicembre @ 08.13

    Medioman cosa vuoi dire rispondi nel merito per favore, la soluzione sai quale potrebbe essere? Sostituzione delle caldaie a gasolio, targhe alterne (quelle si, una volta facevano effetto sull’inquinamento anche se adesso l’utilità sarebbe tutta da verificare perché ormai esistono nella maggioranza dei casi una macchina per ogni maggiorenne in famiglia), educazione ambientale ai cittadini, conosco una marea di persone che prende l’auto per fare 200 e andare a giocare a briscola in estate come in inverno, ci sono persone che non vogliono utilizzare il bus. Ti ricordi anni fa com’era il centro soprattutto quando non esistevano il Goito e il Toschi? Vogliamo ritornare a quei tempi? Con il lungo Parma intasato di auto per svoltare in Pilotta? Il problema dei blocchi è un falso problema, con 3 persone puoi viaggiare (così ad esempio una famiglia evita di andare con due auto), ci sono i bus, gli scambiatori ad 1,20 euro con cui puoi viaggiare tutto il giorno su tutti i bus, ci sono gli scambiatori ma soprattutto in centro non vi sono parcheggi a sufficienza, a cosa ti serve andare in centro in auto? Una volta che fai il lungo parma (pochi posti solo in viale basetti) arrivi al ponte di mezzo e prova a girare in via D’Azeglio o via Mazzini e contami quanti posti utili per parcheggiare trovi…..

    Rispondi

  • medioman

    04 Dicembre @ 19.09

    Maurizio, se andiamo indietro nel tempo, i primi a volere il centro chiuso al traffico furono i residenti, per poter parcheggiare comodamente davanti casa. Non c'entrava nulla l'educazione ambientale. Poi, per demagogiche motivazioni, si è continuato; io dico più per "inerzia" che per serie motivazioni. Utilizzare il cervello, e fare "sforzi di fantasia" per trovare soluzioni veramente efficaci, evidentemente costava troppa fatica ai nostri governanti. Buona giornata!

    Rispondi

  • Geronimo

    04 Dicembre @ 17.08

    Madioman, i cittadini devono essere al servizio della loro città e quindi degli altri cittadini, riguardo all'utilità si finge di non capire mettendo davanti il proprio interesse perchè tutti sindaco compreso hanno detto che queste iniziative non servono per combattere l'inquinamento ma servono per educare la gente a tenere comportamenti più rispettosi dell’ambiente. A dimostrazione di ciò ti cito le lamentele delle persone, si lamentano dei blocchi del giovedì dicendo che è un giorno lavorativo meglio farli la domenica ma quando si fanno i blocchi la domenica le stesse persone si lamentano. Guardando poi chi si lamenta adesso sono quelli del pd dimenticando che è una iniziativa regionale a cui ha aderito il comune di parma, oppure quelli della ex giunta come buzzi dimenticando che blocchi del genere li hanno sempre fatti.

    Rispondi

  • medioman

    04 Dicembre @ 12.59

    @Maurizio: non ho capito bene. E' il sindaco che deve essere al servizio dei cittadini, o sono i cittadini a dover essere al servizio del sindaco? Le ordinanze, per essere efficaci, devono essere "condivise", altrimenti diventano carta straccia. Il risultato di questa ordinanza pastrocchio è che quasi nessuno ne capisce l'utilità, e pochissimi (a parte gli addetti ai lavori) riescono ad interpretarla. Ho fiducia nella buona volontà della nuova amministrazione comunale, e spero che questi siano solo "incidenti di percorso", e che insegnino qualcosa. Buona giornata!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

SICUREZZA

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

Lentigione

Piena dell'Enza, risarcimenti e polemiche

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

TIZZANO

Frana di Capriglio, l'ira del sindaco Bodria: «I lavori subito o evacuo il paese»

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

SERIE A

Parma, che tour de force

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

5commenti

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

2commenti

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

5commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

2commenti

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design