12°

25°

Parma

Notte bianca all'Itis, contro la riforma della scuola

Notte bianca all'Itis, contro la riforma della scuola
Ricevi gratis le news
1

di Giulia Viviani

Una notte bianca per la scuola italiana. Arriva da Bologna l’invito a mobilitarsi contro la riforma scolastica del ministro Gelmini e, sulla scia delle tante manifestazioni di questi giorni, anche Parma risponde.

Ieri sera all’ ITIS L. da Vinci, il coordinamento genitori, docenti e studenti “La scuola siamo noi” ha organizzato una serata di riflessione e protesta sulle sorti della scuola pubblica italiana. “Abbiamo messo a disposizione i nostri locali per una manifestazione che ha intenti di critica – spiega il prof. Nicola Nucci, preside dell’ITIS – i tagli previsti dalla riforma ci preoccupano molto perché implicano una conseguente riduzione dell’offerta formativa”. 140.000 posti di lavoro in meno, in soli tre anni, tra docenti e personale ATA non sono cosa da poco e proprio gli insegnanti, denunciano il mero criterio economico alla base della riforma. Anche se il dibattito sul maestro unico, che ultimamente sembra farla da padrone, non riguarda le scuole superiori, sono molti i motivi di scontento per quello che sembra un vero e proprio attacco alla scuola pubblica: i tagli e le loro conseguenze, sostengono gli insegnanti, sono stati ben nascosti sotto la maschera di provvedimenti “estetici”nel segno di “ordine, nozioni e disciplina”.

Alla serata ha partecipato anche il regista e attore Bruno Stori, con una versione non teatrale, una chiacchierata, tratta dal suo spettacolo “Siamo qui riuniti oggi o della democrazia imperfetta”. “L’istruzione, e quindi la scuola – ha detto Stori – è una delle precondizioni fondamentali della democrazia. I tagli alla cultura sono ormai un’abitudine, la si ritiene non necessaria. Ma per cambiare il mondo bisogna curare i bambini e i giovani e una buona scuola è la migliore base per uno stato democratico”. La protesta-festa all'ITIS si è chiusa con l'esibizione del duo Road to Jersey che ha proposto classici di Bob Dylan e Bruce Springsteen.
E a fine serata il pensiero corre già allo sciopero generale del prossimo 30 ottobre.

Guarda le foto e i video della serata nella Mediagallery legata a questo articolo

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • argante

    16 Ottobre @ 12.40

    Ma come sono bravi. Ora le notti bianche sono diventate una moda, così che invece di prodigarsi all'insegnamento ci si assembra per fare spettacoli, per contestare non si sa che cosa. Non comprendo come mai nessuno ha organizzato una notte bianca studio, per incentivare e far conoscere in concreto anche agli adulti non piu' discenti cosa si fa a scuola in ogni ordine e grado e dare un essenziale contributo all'effettività dell' educazione scolastica. La Riforma del Ministro Gelmini se letta con dovizia, e non solo manifestata senza averne alcuna cognizione è invece un concreto appoggio alle politiche familiari, cosa che non è stato fatto sino ad ora, come esaustivamente indicato tra gli altri, nell'art. 5 del decreto Legge 137 del 01 settembre 2008, dove si evidenzia il dovere in capo ai “competenti organi scolastici di adottare libri di testo in relazione ai quali l'editore si sia impegnato a mantenere invariato il contenuto nel quinquennio, salvo le appendici di aggiornamento eventualmente necessarie da rendere separatamente disponibili”. Queste che non definirei del tutto innovazioni, così come altri aspetti opportuni e necessari introdotti, come il maestro prevalente, sono sempre esistite, così come l’uso del grembiule nella scuola primaria. Cio’è espressione di un necessario ripristino delle regole, dell'uniformità e del doveroso rispetto delle funzioni di docente e discente, cosa che invece oggi è lasciata al libero arbitrio di molti insegnanti che sono rimasti immobili innanzi alla crescita sociale e culturale, legati a logiche partitiche e di sindacato che restano artificiose e ipocrite, rispetto alle concrete esigenze della scuola. Non condivido questo accanimento e questi scioperi organizzati, pur legittimi nell'esercizio di quel diritto. Invece di organizzare scioperi, gli insegnanti educassero bene, nel rispetto dei diritti e di quella educazione civica che fortunatamente è stata reintrodotta e con un voto matematico chiaro che non lasci spazio a interpretazioni e a giudizi spesso contraddittori e senza senso, talvolta con un linguaggio contorto e con termini inopportuni. Chi scrive lo fa con cognizione di causa essendo genitore e assai deluso della scuola oggi. In verità solo per ragioni di tempo, avrei preferito io essere il precettore dei miei figli, cosa che è tuttora riconosciuta dal nostro ordinamento, ma che forse i partecipanti alla notte bianca non conoscono, perché andrebbe da domandarsi, se tutti i genitori fossero in grado di educare da soli quanti scioperi o notti bianche si dovrebbero organizzare contro i familiari “docenti”? Comunque viva il populismo e chi lo esercita, aspetto tuttora di comprendere in concreto cosa vogliono questi insegnanti che a mio avviso fanno poco rispetto all’infinito scire umano e non eccellono in termini di conoscenza, intesa anche come cognizione delle cose. Le ideologie non sono idee. Argante FRANZA

    Rispondi

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Corona paparazzato con Belen, Silvia Provvedi lo lascia!

milano

Belen al ristorante con Corona: il gossip impazza

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

ROMA

Incidente stradale per la Caldonazzo: ferita

E' morto Marco Garofalo, coreografo di tanti show

TELEVISIONE

E' morto Marco Garofalo, coreografo di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

Lealtrenotizie

Beve soda caustica: bambina di Bari salvata al Maggiore

Dieci anni

Beve soda caustica: bambina di Bari salvata al Maggiore

ALLUVIONE

La Procura replica all'attacco di Pizzarotti: «Parole scomposte»

Stazione

Chiude il piano dei senzatetto

Traversetolo

Ancora liquami nel Termina: è allarme

COMPLEANNO

La storia dell'Astra, 70 anni tra calcio e baseball

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

CARABINIERI

Sul ponte di Ragazzola con il rosso: pioggia di multe

COLORNO

Dopo l'incidente scappa: «inchiodato» dalle telecamere

Volanti

Nonnina terribile minaccia la vicina con la scopa: denunciata

tragedia sfiorata

Precipita in una scarpata facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne Video

anteprima gazzetta

Bimba di dieci anni, da Bari salvata al Maggiore dopo mesi da incubo Video

ARTE

"Il Terzo Giorno" porte aperte al Palazzo del Governatore Fotogallery

ALLUVIONE

Pizzarotti attacca la procura: "Crede che le persone siano individui da sbattere in prima pagina"

Il sindaco su Fb: "Oggi ci vuole un pazzo per fare il sindaco"

16commenti

METEO

Anticipo d'estate, caldo anomalo in mezza Europa

Temperature da inizio giugno a Nord, picchi di 27-28 gradi

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

1commento

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Casellati subito prigioniera dei veti

di Vittorio Testa

L'ESPERTO

Termovalvole: se non si usa il riscaldamento si paga solo la quota fissa

di Mario Del Chicca*

1commento

ITALIA/MONDO

Brescia

Bimbo di 4 anni muore investito dalla mamma

Parco d'Abruzzo

Un orso muore durante la cattura e si riapre la polemica

SPORT

Rugby

L'addio di Manici: "Il mio corpo dice basta, ora farò l'allenatore" Video

Calciomercato

Morata, ecco il bomber di ritorno

SOCIETA'

Musica

Nessun colpevole per la morte di Prince

MOBILITA'

Auto senza pilota: parte anche in Italia la sperimentazione

MOTORI

MOTORI

Audi e le altre: la Design week a quattro ruote

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti